14 Luglio 2020 - 00:31:56

Vighignolo Promozione, Michele Maccarone: «Confermatissimo Andrea Martino, pensiamo già al futuro»

Le più lette

Palazzolo, svelato il nome nuovo per l’attacco: dallo Sporting Cesate ecco Daniele Bozzetti

È Daniele Bozzetti l'ultimo colpo di mercato del ds Cottatelli per il nuovo Palazzolo di Luca Furlan. Classe 1999,...

Webinar gratuito per allenatori e preparatori: uno strumento professionale per il calcio del futuro

In collaborazione con Weakrisk, nelle giornate del 21/22 luglio alle ore 20.30 per la Lombardia e del 28/29 luglio...

Villa Valle Serie D, rinnovo anche per il portiere Omar Asnaghi

Continua la campagna di rinnovi per il Villa Valle. Nella serata odierna è arrivata l'ufficialità della conferma del portiere...

Una vera e propria altalena di emozioni nel girone A di Promozione per il Vighignolo.
Dopo la scorsa stagione, terminata ad un soffio dalla promozione in Eccellenza, forse ci si aspettava qualcosina in più; ma sicuramente il passaggio al girone A ha un po’ influito.
Il Direttore Sportivo della società milanese, Michele Maccarone, racconta: «Il girone A è molto più tecnico, e non tutto è girato come volevamo. Mancavano 9 partite alla fine della stagione, e certamente potevamo ancora ambire ai playoff».
Il Vighignolo aveva cominciato la propria stagione sportiva con Alessandro Pistone, poi a dicembre erano arrivate le dimissioni del tecnico e la guida tecnica era stata affidata ad Andrea Martino, già allenatore dell’Under 19 Regionale B.
Martino che è super riconfermato al timone della prima squadra anche per la prossima stagione: «Ha svolto un lavoro importantissimo – prosegue il Ds Maccarone – Ovviamente conosceva i ragazzi, ma poi vederli in campo è un’altra cosa, ma ha fatto davvero qualcosa di strepitoso. In 6 partite ha ottenuto 3 vittorie e un pareggio».
Il Vighignolo ha conquistato 31 punti, frutto di 9 vittorie, 4 pareggi e 8 sconfitte; è uno dei migliori attacchi del girone con 38 reti segnate, di cui ben 16 portano la firma del capocannoniere del girone A: Nicolò Lolli.
E in casa Vighignolo le idee sono già molto chiare: «Il prossimo anno la squadra sarà sicuramente un giusto mix fra giocatori con esperienza e giovani. Fuoriquota proveniente dal vivaio? Non sarebbe una cattiva idea, anzi. Per ora non abbiamo ancora confermato nessuno, eccetto l’allenatore, più che altro perché stiamo ancora aspettando una risposta definitiva su questa stagione».
In relazione alla possibile promozione del Gavirate in Eccellenza, Michele Maccarone osserva: «Il Gavirate ha dimostrato durante tutta la stagione di meritarsi la promozione, e il vantaggio di 14 punti lo dimostra. Credo che se dovessero promuoverli in Eccellenza nel nostro girone nessuno avrebbe da ridire qualcosa, ma non credo che questo discorso possa essere applicato a tutti; ci sono squadre in testa a pari punti, o distaccate di una lunghezza. Ad esempio noi lo scorso anno siamo stati primi per tutto il girone di ritorno, anche con ampi margini, ma poi alla fine sappiamo tutti come è andata a finire. Partecipando alla riunioni di Delegazione ho capito che se dovessero promuovere tutte le prime si entrerebbe in un vortice di ricorsi».
Un Vighignolo che però sta già pensando al futuro: infatti a luglio partiranno i lavori per il campo sintetico, dove verranno disputate tutte le gare del Settore Giovanile (escluse Under 19 e prima squadra che proseguiranno a giocare sul campo in erba). «È un modo per dire ai nostri tesserati che ci siamo e che stiamo già lavorando per il futuro; forse è un qualcosa che regala anche un po’ di speranza. Il progetto era già in cantiere, e con il presidente Riccardo Tarquinio abbiamo deciso di portarlo avanti, nonostante il periodo».
Proprio il pres Tarquinio in un’intervista a Isoradio ha dichiarato: «Non vogliamo far finire la nostra storia, quindi affrontiamo le difficoltà andando all’attacco, nonostante le difficoltà. Ci autofinanziamo, ma continuiamo a lavorare migliorando i nostri servizi».
Un pensiero anche sul prossimo anno: «Per il nostro calcio comincerà una nuova era, ovviamente si abbasseranno notevolmente i budget. Non ci saranno più gli “avvoltoi”, ma si tornerà a un calcio fatto di valori, dove regneranno divertimento e passione sia per chi gioca che per i tifosi. Insomma molto più romanticismo che guadagno. La speranza è quella di poter ripartire a settembre, bisogna considerare che in un giorno in un centro sportivo come il nostro transitano circa 200 persone quindi bisognerà prestare massima attenzione».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli