8 Maggio 2021

Villanova-Pessano con Bornago Seconda Categoria: tanti ‘ex’ per una sfida diversa dalle altre

Le più lette

Alessandria-Pro Patria Serie C: una magia di Latte Lath fa volare i tigrotti al quinto posto

Un'incredibile Pro Patria allo stadio Moccagatta, espugna l'Alessandria e si lancia verso il quinto posto in classifica. I biancoblù,...

Independiente Ivrea-Pinerolo Serie C Femminile: la coppia Mellano-Gueli non perdona, orange sconfitte

Si è consumata una vera e propria battaglia nel match di oggi tra Independiente Ivrea e Pinerolo. Una partita...

Accademia Pavese-Sant’Angelo Eccellenza: poker d’assi rossonero, seconda vittoria consecutiva per i barasini di Domenicali

Il Sant’Angelo impone il proprio gioco e la maggiore esperienza per aver la meglio della giovane formazione di Balestra....

Non è un derby, la formazione di casa è della Brianza e quella ospite della Martesana, però Villanova-Pessano con Bornago è una sfida particolare della tredicesima giornata del girone U di Seconda categoria Monza, visti i tanti ex rossoblù del Villanova che hanno sostituito il blu con il bianco e vestono la maglia biancorossa del Pessano con Bornago. Domenico Alfano in panchina e in campo Andrea Ruben Cereda, Andrea Girasole, Davide Grotto e Francesco Volpes, faranno ritorno sul terreno di gioco dell’oratorio di Villanova per sfidare i rossoblù di casa da questa stagione allenata da Ernesto Galizioli. Una sfida dal sapore particolare o una partita come un’altra per il vice presidente del Villanova Gianni Panzeri? «Dire una partita come tante altre – ha risposto -, è vero ci sono tanti nostri ex allenatori e giocatori nel Pessano ed è tutta gente che era arrivata da noi in amicizia e allo stesso modo se ne è andata per approdare a Pessano con Bornago». Veramente non c’è qualcosa in più nell’affrontarli rispetto alle altre 14 squadre del girone U? «Pensandoci bene – ha detto Panzeri – perdere con loro mi darebbe fastidio e tanto, questo è un chiaro messaggio al mister e alla squadra, c’è un solo risultato per noi, il segno “1” in schedina». Sul fronte Pessano con Bornago come sta per essere affrontata la trasferta sul campo del Villanova? «Abbiamo in squadra cinque ex tra tecnico e giocatori, però, per noi è una partita della stessa importanza delle altre che mancano alla fine dell’andata – ha spiegato il direttore generale pessanese Carmelo Lopresti -. Quattro avversari difficili, che speriamo comunque ci portino un po’ di punti in classifica che, fino a questo momento, non è da buttare via». I ragazzi di Alfano dovranno affrontare da qui a Natale l’Atletico Bussero nel recupero, Albignano e Cernusco, un calendario non semplicissimo. Il Villanova, invece, sta anche già pensando alla sfida degli ottavi di finale di Coppa Lombardia contro la corazzata Pozzuolo in programma giovedì sera 5 dicembre al Ctl di Bernareggio, una sfida che potrebbe proiettare il Villanova nella storia, non essendo mai giunto fino ai quarti della seconda competizione di categoria. E la partita contro il Pozzuolo capolista del girone U di Seconda categoria sarà anche l’opportunità per il Villanova per vendicarsi dalla sconfitta subita domenica scorsa a Pozzuolo. «Purtroppo abbiamo regalato un tempo al Pozzuolo – ha spiegato Panzeri -; nel secondo tempo si è visto un altro Villanova, abbiamo accorciato le distanze ma non è bastato, il gol subito nel recupero con il nostro portiere nell’area avversaria per un corner non lo considero nemmeno. Squadra e allenatore si sono confrontati in settimana e sanno come poter battere il Pozzuolo». Prima, però, c’è da battere gli ex amici che giocano nel Pessano con Bornago, anche per sventare un avvicinamento in classifica e un successivo sorpasso se i pessanesi sconfiggessero l’Atletico Bussero nel recupero di mercoledì 4 dicembre. Un Pessano con Bornago che non vuole, certo, fare da agnello sacrificale.

Gianluca Casiraghi


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli