12 Agosto 2020 - 15:27:54

Coronavirus: il Comune di Varese come Milano: si allenano solo i prof e i campi di calcio restano chiusi

Quale ordinanza prevale tra quella governativa e quella regionale sulla ripresa degli allenamenti? Varese segue la linea di Milano: stop fino al primo marzo

Le più lette

Città di Varese Serie D, per il centrocampo c’è l’ex Pro Sesto Manuel Romeo

Altro arrivo in casa Città di Varese che, a sei giorni dall'inizio della preparazione, sta completando la rosa da...

Valcalepio, Eccellenza: a tu per tu con il presidente Gianfranco Lochis

Miglior attacco del girone C di Eccellenza insieme al Lumezzane, terza miglior difesa e quarto posto in campionato, oltre...

#stiamoincontatto Brescia: ripartono campionato e BresciaOggi. Pasquali: «Fiducioso sui protocolli»

Condotta e moderata dal delegato Alberto Pasquali, martedì 4 agosto alle ore 20 sulla piattaforma Cisco Webex si è...

Allenamenti sì o allenamenti no? Nel Comune di Varese dipende dalla disciplina: con una nota di ieri trasmessa dal sindaco Davide Galimberti, che ha recepito le direttive regionali, è stata consentita la riapertura della Piscina Comunale, Palazzetto dello Sport, PalaGhiaccio e della pista di Atletica di Calciante degli Orrigoni, quest’ultima determinate restrizioni relative agli spogliatoi. Per le strutture pubbliche destinate al calcio, ovvero l’impianto delle Bustecche, di Calcinate degli Orrigoni, San Fermo e il campo sintetico all’interno dello Stadio Ossola vige il blocco fino al primo marzo come disposto dalla Regione.
Perché gli allenamenti sono consentiti solo a determinate discipline? A spiegarlo sono i responsabili dell’Ufficio Sport: «È stata recepito quanto decretato dalla Regione Lombardia e dal Ministero della Salute, quindi strutture aperte solo per i professionisti. Per gli sport indoor gli allenamenti si possono svolgere a porte chiuse e possono essere utilizzate docce e spogliatoi. Per quanto riguarda l’atletica a Calcinate degli Orrigoni abbiamo posto delle limitazioni e in quel caso non possono essere utilizzate le docce». Comune di Varese che, quindi, si attiene alla normativa regionale (come Milano), e non al Decreto del Presidente del Consiglio di martedì che consente la riapertura di tutte le strutture sportive per gli allenamenti, purché effettuati a porte chiuse. Decreto al quale si sono attenuti, ad esempio, i sindaci di Morazzone, Gallarate e Vergiate che, ieri, hanno “sbloccato” le tutte le strutture sportive.
Per quanto riguarda il calcio, quindi, restano chiuse tutte le strutture comunali e gli allenamenti restano off-limits fino al primo marzo per Città di Varese e Casbeno che utilizzano i campi delle Bustecche e Calcinate, ma anche per il Calcio Bosto (proprietario della struttura di Capolago). «Non facciamo altro che dare attuazione all’ordinanza regionale che prevede lo stop allo sport dilettantistico fino al primo marzo», precisano dalla segreteria del Sindaco.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli