14 Agosto 2020 - 02:54:28

France Sport – Città di Varese Terza Categoria: Ponti di precisione, Neborak come a Bisuschio

Le più lette

Riunione Consiglio CRL: quattro ripescaggi in Eccellenza e Promozione a 96 squadre

Finalmente è arrivato il giorno in cui le società lombarde hanno conosciuto i format dei campionati. Come era ampiamente...

Città di Varese Serie D, per il centrocampo c’è l’ex Pro Sesto Manuel Romeo

Altro arrivo in casa Città di Varese che, a sei giorni dall'inizio della preparazione, sta completando la rosa da...

Calcio femminile, un bagno di sangue: cadono Biellese, Femminile Juventus, Novese, Canelli, Sedriano e Luserna

Per fortuna che l'obiettivo dovrebbe essere il professionismo, ma senza una base, senza il calcio dilettantistico, può esserci il...

Tre punti dalla trasferta più lunga della stagione per preparare il terreno alla sfida di domenica con l’Oratorio Cuvio che potrebbe chiudere virtualmente i giochi (non ci sarà Albani che, diffidato, ha rimediato la quinta ammonizione). Il Città di Varese esce da Maccagno fortificando la sua base di certezze che portano i nomi di Ponti (implacabile dal dischetto e trascinatore sul fronte offensivo: chi parla a sproposito in tribuna è meglio che la domenica faccia altro…), Ruffo – vero e proprio leader del pacchetto difensivo – Iori e Luglio, sempre in prima linea in mediana accanto al capitano Beretta. La France Sport esce dai novanta minuti con una discreta dose di rimpianti per un primo tempo concesso interamente alla capolista e per il calcio di rigore decretato da Giorgetti per un presunto contatto da Benzoni e Ponti al 19’ della ripresa. Rigore molto generoso, come ammesso sportivamente anche dai varesini, ma in precedenza c’è stato un contatto molto sospetto su Harabi che avrebbe meritato la massima punizione. Effetto cromatico delle maglie che, ai nostalgici, ha certamente ricordato quella finale playoff 2012 Sampdoria-Varese: altri tempi e altro calcio, la realtà è quella più genuina della Terza. Ponti subito in evidenza con due acuti (sul primo conquista una punizione dal limite e nel secondo non trova la giusta precisione sul servizio di Ziosi) ma l’episodio che sblocca il match è a metà tempo: punizione rasoterra di Beretta per Luglio il quale entra in area e viene atterrato da Berbeglia. Rigore ineccepibile, così come Ponti dal dischetto. Supremazia ospite che non viene concretizzata nel punteggio fino al 37 quando Albani, sugli sviluppi di un corner, trova la zuccata giusta in area piccola. France Sport che cambia il proprio copione nella ripresa dopo il gol di Cervaro da posizione defilata che, nell’occasione, vede un po’ dubbioso Mambretti. Dai piedi di Ponti arrivano altre due opportunità importanti, Harabi reclama un penalty e Valente realizza ma a gioco fermo per un sospetto fuorigioco. La macchina varesina pare, comunque, col motore ingolfato ma ci pensa Ponti a evitare una ventina di minuti di fuoco con la sua undicesima realizzazione su rigore (14 i penalty complessivi accordati alla capolista). Sommaruga, da lontano, rischia di sorprendere Mambretti e, allo scadere, è Neborak – su servizio di Iori – a trovare il gol del 4-1. Rete meno pesante di quella di Bisuschio ma che vuol comunque dire molto.

France Sport-Città di Varese 1-4
RETI (0-2, 1-2, 1-4): 23′ rig. Ponti (C), 37′ Albani (C), 4′ st Cervaro (F), 27′ st rig. Ponti (C), 49′ st Neborak (C).
FRANCE SPORT (4-4-2): Palumbo 6, Benzoni 6 (28′ st Canuto sv), Berbeglia 6 (35′ st Mangano sv), Rebecchi 6.5, Morandi 6 (1′ st Cennavo 6.5), Spozio 6.5, Cervaro 7, Castellotti sv (18′ st Locatelli 6), Follis 6.5, Vitacca 6.5 (20′ st Stefani Federico 6.5), Sommaruga 6. A disp. Arini, Stefani Alessandro. All. Franceschetti 6.5.
CITTÀ DI VARESE (4-3-3): Mambretti 5.5, Maculan 6.5 (21′ st Brianza 6), Ruffo 7.5, Albani 7, Luglio 7, Bossi 6 (1′ st Bolognesi 6.5), Harabi 6.5 (28′ st Menon sv), Beretta 6.5, Ziosi 6 (17′ st Valente 6), Ponti 8 (40′ st Neborak 6.5), Iori 7. A disp. Isella, Bravin, Campisi, La Foresta. All. Iori 6.5.
ARBITRO: Giorgetti di Varese 5.
AMMONITI: Iori (C), Albani (C), Vitacca (F), Spozio (F), Benzoni (F).

france sport città di varese france sport
La France Sport

FRANCE SPORT
All. Franceschetti 6.5 Nella ripresa cambio di marcia.
Palumbo 6 Ci mette le manone ma fa correre anche qualche brivido.
Benzoni 6 Resta aggrappato con gli artigli sia esterno che centrale. (28′ st Canuto sv).
Berbeglia 6 Si macchia di un penalty nel primo tempo ma resta concentrato. (35′ st Mangano sv).
Rebecchi 6.5 Piccolo ma pronto a farla girare quando ha l’opportunità.
Morandi 6 Non è nella sua posizione abituale ma è sempre una certezza. Stringe i denti finché può. (1′ st Cennavo 6.5 Intraprendente).
Spozio 6.5 Riesce a tenere botta ad Harabi. Poco da rimproverarsi.
Cervaro 7 Capitalizza l’occasione e accende la speranza.
Castellotti sv, 18′ st Locatelli 6 Entra a freddo ma dimostra di essere pronto.
Follis 6.5 Difficile trasformare in oro quello che arriva.
Vitacca 6.5 Le idee sono quelle giuste. (20′ st Stefani F. 6.5).
Sommaruga 6 Non sfonda: Macaulan gli concede poco.
A disp.: Arini, Stefani A.

CITTA’ DI VARESE
All. Iori 6.5 Squadra di carattere, sorprende con Ziosi.
Mambretti 5.5 Resta a metà in occasione dell’1-2 e rischia sull’1-3 su Sommaruga.
Maculan 6.5 Spirito operaio. Esce claudicante dopo una gara attenta e generosa. (21′ st Brianza 6).
Ruffo 7.5 Alza il muro e bada alla sostanza. La chiusura su Follis nel primo tempo è da top.
Albani 7 Deciso come sempre. Rimedia un’ammonizione ingenua che peserà domenica.
Luglio 7 Idee convincenti ma su un campo di sabbia è dura da praticare: rigore procurato.
Bossi 6 Un tempo senza eccessi. È sul pezzo. (1′ st Bolognesi 6.5).
Harabi 6.5 Gli manca un calcio di rigore. (28′ st Menon sv).
Beretta 6.5 Solita garanzia.
Ziosi 6 Prima da titolare, tanto impegno. (17′ st Valente 6).
Ponti 8 Con lui si parte sempre dall’1-0. (40′ st Neborak 6.5 74 minuti giocati e 2 gol).
Iori 7 Non molla un centimetro.
A disp.: Isella, Bravin, Campisi, La Foresta.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli