26 Novembre 2020 - 21:33:33

Palosco, ecco pronta la Prima squadra: in meno di due anni la rifondazione della società

Le più lette

La dimensione virtuale dell’Accademia Torino

L’Accademia Torino del Presidente Paolo Bonacina non molla la presa neppure in un periodo delicato come quello attuale, dimostrandosi...

Ghedi Under 15, il nuovo volto del giovane Federico Formenti sotto la guida dell’allenatore Umberto Margonari

Alla corte dell'allenatore Umberto Margonari del Ghedi Under 15, tra i tantissimi ragazzi, quest'anno c'è un nuovo volto, quello...

Un segno di rinascita dopo il lockdown e oltre le aspettative: il Palosco riparte e lo fa presentando la sua Prima Squadra nella serata di mercoledì 8 presso il centro Sportivo del paese. Oltre ai quattro soci fondatori, Fabio Gibellini, Lorenzo Zappone, Luca Loda e Angelo Vescovi, al presidente e al vicepresidente Angelo Prandini e Giovanni Terzi, alla presentazione hanno partecipato anche l’amministrazione comunale con il sindaco Mario Mazza e la parrocchia con don Marco Marella. Gibellini ha ricordato che i risultati ottenuti finora dal Palosco sono stati possibili anche grazie alla sinergia tra società, comune e oratorio, i quali hanno messo a disposizione le loro strutture. E proprio il primo cittadino Mario Mazza ha parlato del Palosco come motivo d’orgoglio per i suoi abitanti: «Da un periodo in cui il calcio a Palosco rischiava di scomparire la società è riuscita ad avere 186 ragazzini e per l’anno calcistico nuovo ci sarà anche la Prima Squadra che comincerà con la Terza Categoria».

Alle parole del sindaco sono seguite quelle di don Marco, il quale ha precisato che l’impegno di tutti coloro che contribuiscono all’attività sportiva è stato molto importante per la riuscita di questo progetto, le cui aspettative sono state superate proprio con la creazione della Prima Squadra. Il don ha anche sottolineato che «l’attività sportiva serve per imparare che nella vita occorre metterci impegno, collaborazione e fatica per raggiungere degli obiettivi».
Gibellini ha poi rimarcato che per arrivare alla Prima Squadra è necessario impostare nel migliore dei modi il settore giovanile: «Perché una società possa funzionare, soprattutto dove c’è un’attività sportiva da portare avanti è fondamentale che ogni tassello sia al proprio posto e ogni professionista faccia il proprio compito al meglio. Per arrivare in Prima Squadra c’è bisogno di un percorso e il percorso dev’essere quello del settore giovanile, dalla Scuola Calcio all’attività di base per poi concretizzarsi nell’attività agonistica». A tal proposito il Palosco non si è fatto mancare nulla, avendo preso come responsabili di riferimento rispettivamente Gigi Fenaroli e Francesco Barone. Fenaroli ha chiarito subito la sua filosofia di pensiero su come i bambini devono approcciarsi al calcio: «Io sono uno che vede il calcio come divertimento, quindi per noi i bambini dovranno avere una crescita nel divertimento, nella collaborazione e nel rispetto».

Mostrati la rosa e lo staff tecnico della Prima Squadra, con i giocatori che hanno un’età media di 22,4 anni, la presentazione è proseguita con le parole del tecnico Armando Gervasi, il quale ha sottolineato le caratteristiche di questa squadra giovane: «So che qui ci sono delle qualità importanti. Il nostro compito sarà di riuscire a regalarci soddisfazioni e perché no guardare avanti per portare il Palosco anche in categorie superiori rispetto alla Terza. Dobbiamo cominciare da qui. I ragazzi sono giovani, ma ci sono giocatori che hanno già avuto esperienza in Prima Squadra e qualcuno anche in categorie superiori come Promozione ed Eccellenza. Noi abbiamo il compito di aiutarli a crescere e a migliorare possibilmente cercando di tenerli a Palosco». La parola è passata poi al Direttore Generale Lorenzo Zappone, il quale ha affermato: «Siamo alla prima esperienza. Questo non vuol dire che non abbiamo ambizioni e confidiamo nella qualità della rosa. Con una Prima Squadra giovane, con l’entusiasmo e la voglia di fare dei giovani si possono ottenere dei gran risultati». Ringraziati infine gli sponsor e tutti i collaboratori che si occupano della manutenzione e della cura del centro sportivo, direttivo, staff e giocatori si sono ritrovati tutti insieme per un momento conviviale sempre all’insegna del pallone.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli