Città di Varese
Stefano Iori (al centro) e Stefano Pertile (a destra) con alcuni giocatori del Città di Varese

È cominciata oggi, lunedì 26 agosto, dal centro sportivo delle “Bustecche” la stagione del Città di Varese. Terza Categoria d’accordo, ma vedere i soliti “affezionati” seguire con grande partecipazione l’allenamento in notturna della squadra di Stefano Iori significa che lo spirito calcistico non è morto con il fallimento del Varese dell’Eccellenza. Il calcio a Varese c’è e, nel possibile, il Città di Varese vuol rappresentare proprio quello spirito genuino della piazza. Per questo ripartire dalla Terza Categoria non spaventa affatto, anzi… «Per quanto ci riguarda non siamo il Varese Calcio ma il calcio a Varese. Affronteremo la Terza Categoria come si fa in questa categoria, a partire proprio dalla rosa. Chi ha scelto il Città di Varese l’ha fatto per sua volontà e perché ha creduto al progetto. Era una necessità ripartire, ma ricordiamoci che al 24 luglio l’associazione sportiva non esisteva ancora», ha detto il direttore generale Stefano Amirante a margine dell’allenamento. Tutto è avvenuto in pochi giorni a ridosso della chiusura delle iscrizioni dello scorso luglio, poi dal primo agosto per il presidente Stefano Pertile e per Stefano Amirante è stato tempo di mettersi al lavoro per allestire la rosa. Il primo tassello è stato l’allenatore Stefano Iori (cinque anni di Promozione a Gavirate dopo i trascorsi con Rasa, Malnatese e Luino, tra le altre), poi si è proceduto ad individuare i giocatori che andranno a comporre la rosa. Una rosa che sarà competitiva e che verrà ufficializzata nei prossimi giorni al completamento di tutte le operazioni di tesseramento. Al momento i tesserati sono Gianluca Isella, Andrea Beretta, Nicholas Cardin, Mattia Iori, Daniele Ruffo e Donato Randazzo, ma nei prossimi giorni – e comunque prima dell’amichevole di mercoledì 4 settembre con la Garibaldina – dovrebbero arrivare le firme del resto della rosa. La prima seduta, svoltasi dalle 20 alle 22, ha visto presenti quattordici elementi, ma nei prossimi giorni il roster si amplierà con il rientro dalle vacanze dei potenziali componenti. «Credo che per settimana prossima l’organico sarà quasi definito. Allestire la squadra ad agosto, con i giocatori che già si sono accasati non è stato semplice. E poi bisogna tener presente che faremo la categoria con lo spirito della categoria e non come da altre parti dove ci sono rimborsi spese esagerati», ha proseguito Amirante. La rosa di Stefano Iori troverà spazio nelle prime due settimane di preparazione sul campo del quartiere Bustecche (per tanti “Varesello”, ma per chi conosce il calcio a Varese quel campo dovrebbe portare il nome di Dino Barassi): un terreno che, visto lunedì sera, non è certamente nelle migliori condizioni per ospitare delle gare ufficiali, seppur di Terza Categoria; a questo vanno ad aggiungersi le carenze della tribuna. Problemi che di certo Amirante conosce bene: «Il campo l’abbiamo già pagato in anticipo per tutto il mese: non siamo quelli che vogliono le convenzioni per le strutture ma quelli che utilizzano e pagano le strutture. All’amministrazione abbiamo fatto presente il tutto: abbiamo pagato ed è giusto che il servizio sia all’altezza». Città di Varese che, in sede di iscrizione, ha indicato come campo di gioco quello di Calcinate degli Origoni, ma la speranza è che le gare ufficiali possano essere disputate alle Bustecche, considerato anche il richiamo che avrà la squadra tra propri sostenitori e quelli ospiti.
Domenica 1 settembre potrebbe essere già tempo di scendere in campo con la Cas.Mo (da confermare), poi mercoledì 4, alle 20:15, arriverà la Garibaldina.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.