Terza Categoria Varese, domenica il derby Città di Varese-Casbeno tingerà di biancorosso le Bustecche

Alle 14:30 di domenica, condizioni del terreno di gioco delle "Bustecche" permettendo, ci sarà il primo derby della storia tra Città di Varese e Casbeno

Le più lette

Seguro – Aldini Under 15 Elite: Albano gioisce nello scontro salvezza, parte male Valtolina

E' il Seguro a uscire vittorioso dallo scontro fra ultime della classe con l'Aldini, fresco di cambio in panchina,...

Dove Saremo Dilettanti: Scontro al vertice a Villafranca

Serie D  Casale - Seravezza (Andrea Barberis) Eccellenza Girone A  Borgovercelli - Baveno (Giorgio Bimestre + foto Girolamo Cassarà) Eccellenza Girone...

Lazio-Inter Primavera: Fonseca apre, Vergani chiude e i nerazzurri passano a Formello

Nove punti in 7 giorni e nessun gol subito. Non poteva andare meglio di così l'ultima settimana dell'Inter, aperta...

Domenica alle 14:30 alle Bustecche andrà in scena il primo derby cittadino di categoria tra il Città di Varese e il Casbeno. Le uniche due squadre della città che condividono lo stesso impianto di gioco e, per alcune settimane a inizio stagione, hanno condiviso anche l’impianto di allenamento di Calcinate degli Origoni. Il Città di Varese guarda tutti dall’alto  forte dei 22 punti sui 24 disponibili nelle prime otto giornate, mentre il Casbeno è al quinto posto con 14 punti, di cui 10 arrivati nelle ultime quattro giornate. Nell’ultimo mese la squadra di Stefano Di Pasqua ha invertito la rotta, trovando i giusti equilibri sia a livello tattico che di esperienza, circostanze che hanno portato a ridurre il minimo gli errori (si veda la partita con il Biandronno dove a un quarto d’ora dalla fine la squadra era avanti 3-2 e al 90′ ha perso 3-4). «Per quei tre punti persi c’è ancora un grande rimpianto, così come i due in più che potevamo fare nostri con la Virtus Bisuchio – dice Di Pasqua – In queste settimane stiamo crescendo e, ad oggi, direi che siamo in linea con le aspettative». Domenica scorsa con il Ponte Tresa è arrivato uno 0-0 carico di recriminazioni che, tra l’altro è costato una giornata di squalifica al centrale difensivo Fabrizio Ambrosio e l’inibizione al ds Carlo Bigi per “mancata assistenza all’arbitro”. «Domenica ci tenevamo a vincere visto che le prossime due avversarie saranno Città di Varese e Oratorio Cuvio. Noi non partiamo battuti con nessuno, l’importante è non farci prendere dalla frenesia e giocare come sappiamo. Il Città di Varese ha giocatori di categoria superiore, ma in Terza contano anche altri fattori e lo si vede tutte le domeniche».

Se le previsioni meteo dovessero rivelarsi veritiere la sfida si annuncia a forte rischio: già due settimane fa Città di Varese-Rancio si è giocato in condizioni difficili e il tutto è stato possibile grazie all’opera dei dirigenti guidati dal presidente Stefano Pertile che, fin dalla mattinata, si erano adoperati per ripulire il campo e portarlo in condizioni “accettabili”. Ma allora le condizioni atmosferiche non erano come quelle annunciate ora. Per questo motivo, dal Città di Varese, si era manifestata la volontà di chiedere l’anticipo alle 14:30 del sabato ma dal fronte Casbeno non è arrivata risposta positiva.

Come ogni sfida stracittadina ci sono anche degli incroci e storie che si intrecciano. Un esempio arriva dall’amicizia di lunga data che lega il vice-presidente del Città di Varese Stefano Amirante e il tecnico del Casbeno Stefano Di Pasqua, o il dirigente Alessandro Di Pasqua, compagni tra i banchi delle scuole medie e accomunati dalla passione per il Torino. «In questa categoria sono tutti un po’ derby, ma questo è il vero derby della città – dice Amirante – Al Casbeno ho giocato un anno quando erano affiliati al CSI ed ero anche in squadra con con Stefano e Alessandro Di Pasqua. Posso dire che per me è uno dei due derby, l’altro sarà con il Don Bosco».

Tra le tante curiosità ci sarà anche una sfida nella sfida tra due dei migliori Under di questo primo scorcio di stagione. Federico Valente (Città di Varese) e Andrea Di Pasqua (Casbeno) hanno subito dimostrato di trovarsi a proprio agio nel “calcio dei grandi”. Due giocatori classe 2000 che si conoscono bene visto che quattro anni fa hanno condiviso l’esperienza nella Rappresentativa Giovanissimi quando indossavano le maglie di Gavirate e Casmo. I due giocatori andarono entrambi a segno nel 2-2 con Milano nei quarti di finale; poi – come spesso accaduto nell’ultimo decennio le Rapp varesine – i rigori si rivelarono amari.

I NUMERI – Il Città di Varese ha utilizzato ventidue giocatori e ha realizzato 19 reti (l’unica gara senza gol lo 0-0 di Brebbia), mandando in gol sei giocatori, con Matteo Ponti a segno ben 11 volte; il Casbeno vanta 16 reti all’attivo (solo due volte non è andato a segno: France Sport e Ponte Tresa) siglate da otto giocatori: il bomber della squadra è Marco Vigorelli con 4 centri.

TUTTO SUL GIRONE B DI TERZA CATEGORIA

SCARICA L’APPLICAZIONE DI SPRINT E SPORT


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Indietro
Privacy Policy Cookie Policy