9 Agosto 2020 - 18:49:54

Terza Categoria Varese, il giorno dopo i fatti di Varano. Marchettini: «Partito tutto dal giocatore del Torino Club»

Ieri, al termine di Varano-Torino Club di Terza Categoria, si è verificato un episodio increscioso: il presidente di casa Marchettini dice la sua

Le più lette

Novità dall’ultimo DPCM: Via libera agli allenamenti e competizioni a porte aperte per i dilettanti dall’1 settembre

La comunicazione più attesa alla fine è arrivata, in attesa di capire se tra le righe ci sono delle...

Santa Rita, Saverio Russo è il nuovo allenatore

Ribaltone in Via Tirreno: Germano Guarona non è più l'allenatore del Santa Rita. La squadra guidata da Galileo Illuminato ha deciso di...

Ticinia Prima Categoria, tutto pronto per la nuova stagione: parla Rocchi

La Ticinia è ormai pronta a vivere una nuova stagione in Prima Categoria. Alla guida della prima squadra resterà Alessandro...

Il giorno dopo il finale incandescente di Varano Borghi che ha visto un giocatore del Torino Club avere la peggio dopo uno scontro con dei sostenitori di casa, è il presidente del Varano Borghi Stefano Marchettini a fornire la propria ricostruzione dei fatti tramite una lettera: «Per tutta la durata della partita un gruppo di signore, tifose del Torino Club, oltre a un tifo legittimo inveivano contro i tifosi del Varano, in particolare contro una signora madre di un giocatore del Varano. La tifosa del Varano a fine partita si rivolgeva in modo concitato verso i tifosi del Torino Club e tutto sarebbe finito lì se un giocatore del Torino Club, rientrando negli spogliatoi, si rivolgeva alla tifosa del Varano con delle minacce – scrive il presidente Daniele Marchettini – Minacce udite da me che ero in campo vicino al giocatore, e anche in tribuna, innescando così conseguenze sfuggite di mano sia alla dirigenza del Varano che del Torino Club. I dirigenti del Torino Club, con il loro comportamento hanno contribuito ad aumentare ulteriormente la rabbia della tifoseria e dei giocatori del Varano». Cancello aperto? Marchettini precisa: «Era regolarmente chiuso, l’ha aperto il giocatore del Torino Club per dare seguito alle minacce. Solo a quel punto alcune persone del Varano entravano in campo per difendere i giocatori del Varano». I Carabinieri, come detto già ieri, sono intervenuti al campo, mentre il giocatore del Torino Club è stato trasportato all’ospedale di Angera per ricevere le cure mediche al labbro e all’occhio.
Giovedì, sul Comunicato Ufficiale della Delegazione, potrebbero arrivare i provvedimenti del caso: molto dipenderà da quanto scritto dall’arbitro Tonoli di Gallarate: l’ipotesi partite a porte chiuse sarebbe concreta mentre il 2-2 del campo non sarebbe in discussione.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli