Terza Categoria Varese, il giorno dopo i fatti di Varano. Marchettini: «Partito tutto dal giocatore del Torino Club»

Ieri, al termine di Varano-Torino Club di Terza Categoria, si è verificato un episodio increscioso: il presidente di casa Marchettini dice la sua

Le più lette

Vanchiglia: iniziativa contro il razzismo, in campo con la scritta ‘L’unica razza che conosco è quella umana’

Dopo gli insulti ricevuti da un ragazzo della propria squadra dell’Under 15 Regionale nella gara del Girone C contro...

Lucento – Borgaro Under 16: ci pensa San Gennaro, blitz gialloblù

Una vittoria conquistata con cinismo e grinta che dà ossigeno e motivazioni: Andrea Conte e il suo Borgaro escono...

Dove saremo provinciali: tutti i campi di Milano, Brescia, Bergamo, Monza, Legnano e Varese

Dove saremo provinciali, le partite che seguiremo nel fine settimana nelle Delegazioni di Milano, Brescia, Bergamo, Monza, Legnano e Varese: tutto sarà...

Il giorno dopo il finale incandescente di Varano Borghi che ha visto un giocatore del Torino Club avere la peggio dopo uno scontro con dei sostenitori di casa, è il presidente del Varano Borghi Stefano Marchettini a fornire la propria ricostruzione dei fatti tramite una lettera: «Per tutta la durata della partita un gruppo di signore, tifose del Torino Club, oltre a un tifo legittimo inveivano contro i tifosi del Varano, in particolare contro una signora madre di un giocatore del Varano. La tifosa del Varano a fine partita si rivolgeva in modo concitato verso i tifosi del Torino Club e tutto sarebbe finito lì se un giocatore del Torino Club, rientrando negli spogliatoi, si rivolgeva alla tifosa del Varano con delle minacce – scrive il presidente Daniele Marchettini – Minacce udite da me che ero in campo vicino al giocatore, e anche in tribuna, innescando così conseguenze sfuggite di mano sia alla dirigenza del Varano che del Torino Club. I dirigenti del Torino Club, con il loro comportamento hanno contribuito ad aumentare ulteriormente la rabbia della tifoseria e dei giocatori del Varano». Cancello aperto? Marchettini precisa: «Era regolarmente chiuso, l’ha aperto il giocatore del Torino Club per dare seguito alle minacce. Solo a quel punto alcune persone del Varano entravano in campo per difendere i giocatori del Varano». I Carabinieri, come detto già ieri, sono intervenuti al campo, mentre il giocatore del Torino Club è stato trasportato all’ospedale di Angera per ricevere le cure mediche al labbro e all’occhio.
Giovedì, sul Comunicato Ufficiale della Delegazione, potrebbero arrivare i provvedimenti del caso: molto dipenderà da quanto scritto dall’arbitro Tonoli di Gallarate: l’ipotesi partite a porte chiuse sarebbe concreta mentre il 2-2 del campo non sarebbe in discussione.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy