Terza Categoria Varese, Oratorio Cuvio pronto al big match. Testa: «Vogliamo fare l’impresa. Speravamo in un arbitro di Gallarate»

Sei lunghezze in meno della capolista Città di Varese: l'Oratorio Cuvio domenica alle Bustecche avrà un solo risultato a disposizione

Le più lette

Pedona – Cheraschese Under 14: Rosato e Viale portano Ghibaudo alla vittoria

Alla Pedona bastano due tiri in porta per mettere a sedere la Cheraschese: la squadra di Ghibaudo è riuscita...

Arconatese – Borsanese Under 17: Il tandem d’attacco Bettini-Taglioretti fa volare gli oroblu’

Riprende a gonfie vele la marcia dell’Arconatese, dopo il passo falso in casa del Canegrate, che supera la Borsanese...

Milan-Albinoleffe Under 13: Crolla il Milan, decidono Farina e Seye Papa

Il Milan di Lorenzo Mondini, dopo quindici risultati utili consecutivi (di cui tredici per vittoria), cade per 0-2 contro...

Vincere per riaprire il campionato e provare a giocarsi il tutto nelle otto gare successive dove, per uno scherzo del calendario, l’avversario sarà sempre quello affrontato la settimana precedente dal Città di Varese. L’Oratorio Cuvio arriva al match delle Bustecche di domenica con una grande consapevolezza e qualche rimpianto: l’inciampo della prima squadra giornata con il Don Bosco (il 5-3 trasformato in 0-3 dalla Giustizia Sportiva) e il ko interno di dieci giorni fa con la Casport che ha fatto scivolare la squadra di Nunzio Radicia a sei lunghezze dalla capolista. Per questo, domenica, i bianco-viola avranno un solo risultato a disposizione per continuare a sperare nella Seconda diretta o, comunque, per blindare la “forbice” playoff. A caricare l’ambiente è il presidente Gianluca Testa: «Dopo la sconfitta con la Casport ho detto ai ragazzi di stare tranquilli e che, con nove punti tra Ponte Tresa, Varese e France Sport, il campionato a fine aprile sarebbe nostro. Tre punti li abbiamo fatti, vediamo di farne altri sei. L’obiettivo è andare a meno tre e fare pressione fino alla fine. Speriamo l’arbitraggio sia all’altezza: non ricordo un campionato con una squadra che ha avuto quattordici rigori dopo sedici giornate. Per questo confidavamo in una designazione da Gallarate». Arbitro che, come anticipato ieri da sprintesport.it, sarà Stefano Forte: «Diciamo che l’anno scorso non fummo fortunati visto che nel derby col Rancio ci vennero negati due rigori netti», dice il presidente.

All’andata, proprio con il Città di Varese, avvenne il “battesimo” dell’impianto di Cuvio dopo i lavori di ammodernamento: passarono i biancorossi per 3-1 (a segno Ponti, Beretta e Harabi, mentre l’1-1 venne realizzato da Del Gaudio) e il portiere Isella risultò decisivo per la squadra di Iori. «Posso dire che il Varese non ci fa paura: giocheremo la nostra partita e stiamo studiando qualcosa di importante a livello tattico. All’andata avevamo il classico timore ma il campo ha detto che eravamo quasi alla pari: ancora oggi rivedo le parate decisive di Isella». Nelle sedici partite finora disputate l’Oratorio Cuvio è l’unica squadra del campionato ad essere sempre andata a segno: 47 le reti complessive anche se la contabilità ufficiale, per via dello 0-3 con il Don Bosco, dice 42. Achraf Men Laykhaf, con le sue 17 reti, è il diamante di un reparto offensivo che può contare anche sui numeri di Mattia Maggi e Sofien Hafid, entrambi a segno 9 volte. «Domenica saremo al completo – dice il presidente Testa – All’inizio del campionato non mi aspettavo di essere qui a giocarmela con il Varese. Sogniamo di fare il miracolo della Valle visto che saremmo i primi ad arrivare in Seconda Categoria (le altre due squadre della Valcuvia sono Pro Cittiglio e Rancio)». Dalle parole di Gianluca Testa emerge tanta consapevolezza e rispetto per l’avversario, chiamato sempre «Varese»; una legittimazione che si è notata anche nella gara d’andata da parte dei supporter dell’Oratorio Cuvio, passionali come quelli varesini. «Ho detto ai ragazzi di incitare la squadra come sanno fare loro. Se le curve incitano è uno spettacolo bellissimo per tutti. Dispiace che il Varese giochi su un campo non all’altezza dove non si riesce nemmeno a godersi la partita», la chiusura di Testa.

SCARICA L’APPLICAZIONE DI SPRINT E SPORT


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy