9 Agosto 2020 - 19:13:14

Terza Categoria, verso il big match Città di Varese – Oratorio Cuvio: arbitrerà Stefano Forte, lo stesso del «graffio» di Cremenaga

Secondo quanto appreso da sprintesport.it sarà Stefano Forte a dirigere la gara di cartello di Terza tra il Città di Varese e Oratorio Cuvio

Le più lette

Caso Golee, ma la Cassetti e Scrofani hanno letto le condizioni generali di fornitura del servizio?

Ieri abbiamo ricevuto una segnalazione da parte di una società piemontese che non citiamo perché nulla toglie o aggiunge...

Elezioni Federcalcio, schiaffo (politico) di Gabriele Gravina a Cosimo Sibilia

La Lega Nazionale Dilettanti stava cercando con un blitz di organizzare tutte le assemblee elettive regionali il 15 settembre...

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

Una stagione in novanta minuti: Città di Varese per ipotecare la Seconda Categoria, Oratorio Cuvio per riaprire i giochi e, poi, giocarsi tutto negli ultimi otto match. Per la partita di cartello della stagione, secondo quanto appreso da sprintesport.it, la designazione arbitrale della Sezione di Varese ricadrà su Stefano Forte, fischietto con alle spalle complessivamente oltre cento partite dirette tra giovanili, Terza Categoria e Seconda Categoria. Designazione di prima fascia per una partita di prima fascia, con Forte che dirigerà la capolista per la seconda volta in stagione (la precedente fu il 29 settembre 2019 con il Ponte Tresa), mentre con l’Oratorio Cuvio sarà la prima stagionale.
Fischietto impeccabile che, però, la scorsa stagione è inciampato sul «graffio» di Cremenaga in Lavena Tresiana-Laveno di Seconda Categoria. Chi ha buona memoria ricorderà l’accaduto: dalla negligenza iniziale della mancata firma sul modulo di presa in carico dell’autovettura fino alla “pezza” della firma postuma, ottenuta ingenuamente dalla dirigenza di casa, dopo aver constatato la presenza di un graffio. La Lavena Tresiana, in seguito a quella firma, venne sanzionata dalla Giustizia Sportiva mentre l’autore del censurabile gesto venne individuato dai Carabinieri e risarcì il danno. Su tutto aleggiò anche l’ombra della violazione della clausola compromissoria. Una storia decisamente brutta.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli