mercoledì, 27 Maggio 2020

4 su 4, è Varzi-mania: il cuore del Chiappano batte forte

Le più lette

Aldini Under 17: alla scoperta di Ivan Bresciani, tecnico esperto e ambizioso dei biancorossoblù

Torniamo in casa Aldini, questa volta per conoscere meglio il tecnico dell'Under 17. Si tratta di Ivan Bresciani, giovane...

Pavia Academy, voglia di rinascita: «Con settore giovanile e prima squadra ridaremo alla città il vecchio Pavia»

Il Pavia Academy non ha smesso di pensare in grande: per la prossima stagione sono già pronti un settore...

Chiuduno Grumellese – Telgate Eccellenza, la fusione è finalmente ufficiale

L'avevamo anticipato ormai più di una settimana fa e dopo i primi cambiamenti avvenuti di recente in casa giallorossa...

Quando sei grande non puoi più nasconderti. Siamo a Varzi, comune di tremila anime nell’Oltrepò Pavese, tutti, o quasi, malati di calcio. Basta seguire un match al “Chiappano” per capire dove arriva la passione granata, gente affamata di pallone, che vuole vedere i propri beniamini calcare palcoscenici sempre più prestigiosi. Il terzo anno consecutivo in Promozione sembra quello della svolta, dentro o fuori, non si scappa.

Dopo la stagione di transizione della nuova presidenza Giorgetti e l’interregno Giacomotti, la dirigenza dopo diversi abboccamenti ha scelto: Alessandro Pagano, detto l’imperatore. Un uomo forte, di polso, d’altronde con un soprannome così… Perché guidare questo Varzi è tutt’altro che semplice, quando hai una Ferrari devi saperla guidare, altrimenti tanta potenza rischia solo di farti fare brutte figure.

E l’inizio è di quelli promettenti, quattro vittorie su quattro (già osservato il turno di riposo) ma soprattutto una forza intrinseca e mentale che impressiona. Emblema il 3-0 rifilato al Ferrera (al momento l’avversario più accreditato per il primo posto) in una gara controllata e senza fronzoli, che i granata hanno portato a casa sapendo cogliere il momento giusto, contro una squadra che fino a quel momento aveva una media di tre gol a partita.

Ricollegandoci al punto di partenza una vittoria da “grande”, di quelle che ti mettono, inevitabilmente, nella posizione di favorita, con la consapevolezza che di battaglia da combattere ce ne saranno molte, e chi allora, se non un imperatore, può guidarti alla gloria?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy