26 Novembre 2020 - 22:08:38

Caos tesseramenti, bloccati i calciatori tesserati per le professioniste fino al 31 agosto

Le più lette

Zibido San Giacomo: La formula del sorriso, così cresce la Scuola Calcio giallorossa

«Quando ci sarà permesso, torneremo più forti di prima!», così la dirigenza di casa Zibido via Facebook come dichiarazione...

Under 17 Regionali, Girone D: le statistiche di Sprint che fanno parlare sia i numeri che il campo. Le qualità per essere i migliori...

"Un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia" scriveva Francesco De Gregori in una delle sue composizioni...

Castanese, la parola al Responsabile delle Attività di Base Alessio Sconfienza: «Vogliamo continuare a migliorarci»

Per la stagione 2020/2021 la Castanese ha scelto Alessio Sconfienza come Responsabile del Settore Giovanile. Il rapporto di quest'ultimo...

Un 1 luglio con sorpresa per moltissimi calciatori, in particolare quelli che nella stagione sportiva appena conclusa hanno militato in una società professionistica. Secondo l’interpretazione della Federcalcio tutti di fatto risultano ancora tesserati fino al 31 agosto e pertanto il loro tesseramento non può essere rinnovato dalla attuale società di appartenenza, né può essere tesserato da una diversa società. E questo vale anche per un Pulcino.

Se questo vulnus non verrà risolto nel giro di pochi giorni al 1 di settembre le professioniste si troveranno a dover rinnovare tutti i calciatori contestualmente, i calciatori non confermati non potranno essere tesserati per le dilettanti e men che meno per le professioniste. E, se al 10 di luglio (per la Lombardia) e il 14 (per il Piemonte) si deciderà per tornare a fare gli allenamenti di squadra, questi calciatori non potranno partecipare. E siccome il Comunicato numero 98 del 16 giugno stabilisce che i nulla osta non sono validi, questi calciatori sono destinati a rimanere a casa fino al 1 di settembre.

Non bastava il Covid a complicare la vita delle società, anche la burocrazia continua a rendere la vita dura. In settimana abbiamo provato a sentire i Delegati regionali del Settore giovanile e scolastico per avere una loro interpretazione sugli open day e naturalmente l’unica risposta che abbiamo ricevuto è stata quella di leggere il comunicato. Cosa che ovviamente abbiamo fatto ma siccome è scritto da burocrati scalda sedie è stato per noi impossibile informare i lettori. E poi si lamentano se le società li mandano a quel paese.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli