12 Agosto 2020 - 14:51:23

Corso Uefa C, il vice-presidente vicario del Crl Marco Grassini spiega l’errore: pubblicato un tabulato sbagliato

Il vice-presidente vicario del Crl Marco Grassini spiega cosa è successo ieri con la pubblicazione della graduatoria

Le più lette

Telenovela Aloia, la spunta il Fossano

Come anticipato stamattina, il Fossano non ha mollato l'osso Aloia neanche dopo la notizia dell'allenamento tenuto in casa del...

Federico Albisetti, dalla cantera dell’Alpignano all’Under 18 del Torino

Non c'è ancora la firma, ma è solo una questione di giorni, a settembre Federico Albisetti sarà un giocatore...

Villa Valle, aspettative alte e la giusta esperienza: con Bolis idee chiare e squadra tecnica

È nella splendida cornice dell’hotel ristorante Settecento a Presezzo che nella serata di mercoledì 5 agosto si è tenuta...

Dopo il pasticcio di ieri, con la graduatoria prima pubblicata e poi rimossa per effettuare i controlli, oggi sono stati ufficializzati i 120 tecnici ammessi al corso on line Uefa C che partirà il prossimo 22 giugno. Visti i numeri importanti (oltre 1200 iscrizioni) il Comitato Regionale Lombardia è riuscito ad ottenere dal Settore Tecnico ben due corsi che partiranno simultaneamente lunedì prossimo.
Marco Grassini, vice-presidente vicario del Comitato Regionale Lombardia, nonché responsabile dei Corsi per allenatori, fa chiarezza su quanto accaduto ieri: «Mi assumo la responsabilità di quanto successo. Nel mettere in ordine i nomi nel tabulato, compilato esclusivamente in base all’ordine di arrivo delle domande, abbiamo lasciato nomi di allenatori che non avevano i requisiti o della stessa società. Oggi sarà tutto corretto e ci sarà solo un allenatore per società e non ci saranno allenatori di prime squadre o degli Allievi». Un bando, il 332 dello scorso 28 maggio, tutt’altro che chiaro e per il quale il Settore Tecnico ha dovuto provvedere ad emanare un bis il 3 giugno. Un Comunicato bis che, per la Lombardia, è arrivato tardi visto che l’ultimo ammesso al corso ha inoltrato la candidatura nella mattinata del 30 maggio. Quindi, in sostanza, tutti gli ammessi rispondono a quanto previsto dal Comunicato 332 che parlava solo di pre-agonistica. «Nel primo bando non era specificato che le domande dovessero inviarle le società, poi ci è arrivata la nota dell’Aiac dove era detto che toccava alle società. Per questo ci sono stati allenatori che hanno presentato la domanda di loro iniziativa».
E degli oltre mille allenatori rimasti esclusi cosa ne sarà? Grassini è chiaro: «Terremo buone tutte le domande per eventuali corsi che ci assegneranno, e speriamo di averne due per ogni sessione. La graduatoria con tutte le posizioni dalla 121  in  avanti non la pubblicheremo ma a chi ci contatterà telefonicamente diremo la posizione».

QUESTE LE VARIAZIONI RISPETTO ALLA GRADUATORIA DI IERI

Esclusi: Matteo Gastaldello (Ardor Busto), Danilo Tedeschi (Orione), Carmelina D’Andolfo (Cologno), Stefano Brenna (Ghedi), Michele Bontempi (Virtus Manerbio)
Ammessi: Federico Parozzi (CG Bresso), Carlo Alberini (Sporting Club), Alessandro Mani (Union Team), Pietro Marseglia (Folgore), Andrea Berti (Schiaffino)


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli