18 Giugno 2021

Discussione pubblico di casa-panchina ospite: Morazzone-Accademia Varesina Under 16 dura 20 minuti

Le più lette

Corsico-Arca Pulcini B: Sciascia e Mascolo intesa vincente, Fossati è una meraviglia

Uno spettacolo di calcio a tutti gli effetti quello offerto tra Corsico e Arca, tra gol stupendi e parate...

Città di Sangiuliano Eccellenza: esonerato Paolo Crucitti

Con una nota diffusa sulla propria pagina Facebook, a distanza di due giorni dal termine del campionato il Città...

Torneo Eusalp, esordio con sconfitta per la Lombardia: un gol nel finale incorona Bolzano

Si apre con una sconfitta il cammino al Torneo Eusalp della Lombardia. La formazione di Matteo Medici si è...

Da domani, martedì 1 giugno, si rivedrà il pubblico negli impianti sportivi nella misura del 25%. Come sottolineato nell’ultimo Comunicato del Comitato Regionale Lombardia, in queste settimane di ritorno all’attività, sono state numerose le segnalazioni di società che – pur di non lasciare i genitori fuori dai cancelli – autorizzavano gli ingressi degli stessi in tribuna.

Sabato pomeriggio a Morazzone, durante l’amichevole degli Allievi Under 16, sarebbero state proprio le intemperanze di alcuni genitori (assiepati attorno alla rete che delimita il perimetro di gioco) a far decretare la sospensione definitiva dell’amichevole Morazzone-Accademia Varesina dopo nemmeno venti minuti di gioco. Secondo quanto riferitoci da alcuni presenti alla “discussione”, il tutto sarebbe nato da un calcio di rigore non concesso dal dirigente-arbitro di casa all’Accademia Varesina. La panchina rossoblù, guidata da Giuseppe Puleo, avrebbe protestato verso il dirigente-arbitro, difeso dalla panchina di casa. Fuori dal campo, invece, un dirigente di casa avrebbe detto a Puleo «Ricordati che sei a casa nostra», con un paio di genitori di casa a rivolgere all’allenatore dell’Accademia Varesina frasi inopportune. Uno di questi, poi, stando ai presenti, avrebbe tentato di entrare in campo per affrontare faccia a faccia l’allenatore dell’Accademia Varesina e, vista la situazione, il dirigente-arbitro ha decretato la sospensione del match.

Dopo il pomeriggio infuocato a farne le spese è stato Giuseppe Puleo che si è dimesso dall’Accademia Varesina con decorrenza immediata. Dai club, invece, c’è solo silenzio su quanto accaduto. Commenta così Puleo: «Hanno litigato gli altri e mi hanno messo in mezzo. A fine partita sono stato abbracciato con dei dirigenti loro per venti minuti e ho aiutato l’arbitro a far partire la moto. Da parte mia non c’è stato nulla, quello che è successo riguardava alcuni genitori. Mi sono dimesso perché ho avuto un’altra richiesta da altro club ma garantisco che sabato, da parte mia, non c’è stato nulla».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli