9 Marzo 2021

Garibaldina tra calcio di paese e di città: l’importanza del quartiere e dei giovani

Le più lette

Juventus Women-Milan Serie A Femminile: con Hurtig e Bonansea il quarto Scudetto è ipotecato

Una prova di forza eccezionale per la Juventus che si aggiudica l'attesissimo big match contro il Milan con un...

Accademia Milanese Esordienti Misti, Luciano Defronzo racconta la sua vita nella società

Ha iniziato solo da un anno all’interno della stimatissima società Accademia Milanese, ma Luciano Defronzo, allenatore, anzi “istruttore", come...

“O capitano! Mio capitano!”, episodio 1: la rubrica di Sprint e Sport dedicata ai capitani del settore giovanile

Con il viaggio all'insegna dei vari ruoli dei ragazzi del settore giovanile, è giunto ora il momento di mettere...

Se la Garibaldina è tra le società più interessanti e iconiche del panorama calcistico di Milano e provincia lo deve certamente a Giordano Massola, che nel 1932 è stato il primo presidente del club rossoverde e iniziò a dare ampio spazio a tutti quei giovani che trovavano una vera e propria modalità di espressione nel gioco del calcio. Una storia che è proseguita nel tempo e che è arrivata fino ai giorni nostri, con la reggenza del presidente Maurizio Barile: «Sentiamo di essere importanti», ed è proprio così. Come è importante Adriano Colombo, e come lui tutti i dirigenti neroverdi: «L’obiettivo della Garibaldina è duplice: sicuramente c’è l’intenzione di iniziare i giovani all’attività calcistica, ma noi vogliamo anche fare aggregazione, così da poter far divertire con noi i bambini e far nascere in loro un senso di attaccamento alla maglia».

Tutto questo lo potete trovare sul giornale in edicola da lunedì 21 dicembre.

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli