24 Settembre 2020 - 10:37:18
sprint-logo

Il Veneto ha sospeso la prima giornata dei campionati, la Lombardia ci pensa e scaricherà sulle società?

Le più lette

Città di Sangiuliano – Base 96 Eccellenza: Grasso e Zingari brillano nel poker

Nella seconda giornata di Coppa Italia Eccellenza è bastato un attimo per indirizzare i destini del San Giuliano e...

La Dominante – Lissone Under 19: Serugeri e Aliprandi firmano il successo degli ospiti

La risalita dalle ceneri sarà lunga e faticosa per La Dominante e Lissone, chiamate a riscattarsi dopo un’annata sottotono....

Sporting Cenisia – Rapid Torino Coppa Prima categoria: Un Super Popa non basta allo Sporting, la spunta il Rapid con Montani

Vince il Rapid Torino di Ragazzoni nella sfida esterna valida per la Coppa Italia Piemonte di prima categoria, nonostante...

Lunedì, nel giorno della pubblicazione dei calendari, il Comitato Regionale Veneto ha decretato la sospensione della prima giornata dei campionati di sua competenza in programma per sabato 12 e domenica 13 settembre. Decisione forse inevitabile in virtù della poca chiarezza giunta dall’ultimo DPCM riguardo il protocollo e l’apertura degli impianti, ma il Comitato Veneto ha le sue responsabilità: perché nella regione che è stata il secondo focolaio di Covid si è deciso di prevedere l’attività su gironi da 18 squadre e di far partire tutto il 12 settembre, addirittura una settimana prima della Serie A?

I gironi da 18 squadre, ma anche quelli da 16, non sembrano sostenibili per la stagione 2020/21 ma non tutti l’hanno capito. In Lombardia si è scelto di seguire la strada del Veneto riguardo i gironi da 18 ma – secondo quanto filtra nelle ultime ore – dalle parti di Via Pitteri starebbero pensando di proporre la sospensione dell’attività vista la poca chiarezza dell’ultimo DPCM che sta mandando in allarme molti club. E dal Comitato, come spesso accade, pensano ma non decidono: così come fu per la sospensione dell’attività dello scorso aprile si vorrebbe mettere ai voti la decisione. Quando? Sabato mattina durante la riunione convocata in Comitato per confrontarsi con la classe arbitrale dove si parlerà (anche) del protocollo.
Se davvero si dovesse mettere ai voti la decisione di posticipare l’attività sarebbe l’ennesima presa in giro verso le società che hanno già pianificato la stagione, assunto e onorato i primi impegni. Nelle casse del Comitato, tramite le iscrizioni, sono entrati tanti soldi: se di dovesse iniziare dopo verrebbero stornati?
Perché, poi, in un momento dove ci sono poche certezze, si è deciso per i gironi da 18 squadre e per mantenere la Coppa Italia e la Coppa Lombardia? Non era meglio abolirle del tutto, come ha fatto la Serie C e come potrebbe fare la Serie D?

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

1 COMMENTO

  1. Ciao Vincenzo, scusami se dico quello che penso … allora hanno permesso amichevoli e tornei ovunque mandando arbitri federali, hanno fatto iniziare le società e programmare tutta la stagione … adesso questa ridicola storia di posticipare anche tutti va solo ed esclusivamente a sfavore dei ragazzi e delle società … mi sembra che questa pseudo decisione della Federazione non sia difendibile per nulla …. e tu tutto questo lo sai benissimo perchè in molte amichevoli eri presente anche te …

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli