28 Ottobre 2020 - 10:42:48
sprint-logo

Le società scendono in piazza, era ora: all’iniziativa del Mapello aderisce anche l’Accademia Isola Bergamasca. Avanti tutta

Le più lette

Tra Independiente e Torino Women, tutto il femminile in edicola

Ampio spazio sul calcio femminile sul giornale di lunedì 26 ottobre. A partire dalle emozioni della Serie C con...

Santa Rita – Borgata Cit Turin Prima Categoria: Micciola di carattere, invalicabile Mar

Continua la striscia positiva del Santa Rita che dopo i risultati utili di San Giorgio, Barracuda e Kl Pertusa...

Sg. Chieri Asca Promozione: decidono Vergnano e Balan, gialloblù al tappeto

Vergnano e Balan fanno volare il Sg. Chieri. I biancoblù battono 2-1 l'Asca di Usai al termine di un...

Questa la lettera del presidente dell’Accademia Luigi Maffeis che ha inoltrato a tutti i suoi tesserati per dare il via ad una mobilitazione pacifica, ma ferma, per protestare contro la chiusura del calcio dilettantistico in Lombardia da parte della regione.

Ho pensato di aderire all’iniziativa promossa dal Mapello Calcio che ha organizzato per oggi domenica 18/10/2020 una protesta pacifica contro la chiusura operata dalla Regione Lombardia in merito agli sport di contatto.

Tutti gli atleti della società, convocati ad orario scaglionato ed adeguatamente distanziati e indossando le mascherine, depositeranno simbolicamente il loro pallone personale presso il centro sportivo di via del Lazzarino a Mapello, lasciandolo il mezzo al campo.

La protesta è assolutamente pacifica e la
partecipazione delle famiglie deve essere assolutamente spontanea.
Siamo consapevoli che la protesta non porterà nessun risultato tangibile ma ci sembra corretto esercitare il diritto di manifestare, senza correre il rischio di passare per insensibili al problema Covid, perché le statistiche dicono chiaramente che i grossi focolai di contagio non sono nello sport e quindi appare insensato prendere un provvedimento che non ha un impatto calante sulla curva dei contagi.
La protesta non è rivolta contro i provvedimenti delle autorità, che sono sempre stati rispettati, ma appunto per questo non si capisce il perché di un provvedimento che penalizza solo i bambini ed i ragazzi/ragazze senza che questo porti vantaggi alla collettività.
Noi vogliano portare il nostro supporto e appoggio partecipando secondo quanto l’organizzazione ci comunicherà a breve per un corretto scaglionamento degli accessi. In questo caso saranno da produrre le idonee cerificazioni Covid e dovremo partecipare in tuta di rappresentanza (allenatori/dirigenti e ragazzi) e ciascuno con il proprio pallone.

Ricordo nuovamente che chi dovesse partecipare sia in tuta di rappresentanza, mascherina, AUTOCERTIFICAZIONE e pallone

Vi invito, senza alcun obbligo, a partecipare numerosi
Grazie a tutti
Luigi Maffeis

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli