9 Agosto 2020 - 11:33:05

Nessun aiuto economico e sconti ridicoli sulle assicurazioni, Almè all’attacco: «Ci prendono in giro»

Le più lette

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

Terza Categoria Monza, la Nuova Frontiera si presenta sperando nel ripescaggio

Sarà un'altra stagione in Terza categoria o ci sarà il premio del ripescaggio in Seconda per la Nuova Frontiera?...

Rovato Eccellenza, tra i pali arriva Manuel Felotti dal Brusaporto

Nuovo portiere per il Montorfano Rovato, società impegnata nel campionato di Eccellenza, che si è assicurata il classe 2002...
Dennis Carzaniga
Dennis Carzaniga
Caposervizio Redazione Lombardia

Disappunto, incredulità, rabbia. L’umore delle società è nero, e non potrebbe essere altrimenti visto quanto sta emergendo nelle ultime call-conference dell’iniziativa #stiamoincontatto (CLICCA QUI per leggere il resoconto della serata di Milano). Nessun aiuto concreto nelle tasche delle società, sconti che sembrano prese in giro sulle assicurazioni (che verranno portate da 29 euro a 27…), oltre al discorso sui fuoriquota della stagione 2020-2021. Tra le società bergamasche, spicca la presa di posizione dell’Almè, che attraverso il proprio profilo Facebook ha fatto sapere il proprio, condivisibile, punto di vista: «NO COSÌ NON VA!! Emergono notizie poco confortanti dagli incontri provinciali, tenuti sempre in video conferenza, per il calcio dilettantistico. Alla fine tanti musi lunghi, poche notizie e frastagliate, e l’incertezza di un futuro che se prima era nebuloso, adesso diventa ancora più preoccupante, non solo per i protocolli e per i tempi della ripresa ma per gli aiuti finanziari tanto richiesti e, in questo momento, legati a notizie prive di fondamento e a semplici lanci dì agenzia. A cosa facciamo riferimento? Agli aiuti tanto decantati e messi a disposizione per le società dilettantistiche ma che, ad oggi, non si conosce con quali modalità poterli ricevere. Si parla di sovvenzioni ma per poterli ricevere bisogna presentare della documentazione… Ci domandiamo: ma quale documentazione si deve presentare? I casi sono due: o la federazione si rende conto che se non si aiutano le piccole società a sopravvivere con risorse a fondo perduto oppure parte del patrimonio pedatorio rischia di scomparire per sempre. Si continua con questo atteggiamento di “predicare bene e razzolare male”. Un esempio: la proposta di diminuire l’assicurazione per i ragazzi del settore giovanile da 29 euro a… 27 euro è assolutamente ridicola e irricevibile!! 2 euro?? Queste sono prese in giro!! Le società si aspettano ben altro altrimenti sarà difficile spiegare ai genitori dei ragazzi che pagano l’iscrizione che la retta non è diminuita perché non sono arrivati aiuti. Chi ha orecchie per intendere…».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli