27 Settembre 2020 - 04:04:21
sprint-logo

Oggi arriverà il Decreto del Governo: in Lombardia domenica si tornerà in campo a porte chiuse

Dopo il Piemonte anche la Lombardia è pronta a tornare verso la normalità: domenica tutti in campo a porte chiuse. Solo Lodi e Cremona saranno ferme

Le più lette

Villarbasse – Nichelino Hesperia Coppa Promozione: la risolve Corraro

Sì, certo, il passaggio del turno di Coppa  è una bella soddisfazione, ma crediamo che il tecnico Lucibello sia particolarmente...

AlbinoGandino-Vobarno Under 19: Bettinaglio-Gualdi-Incarbone, Football Is Back

Uno spot di Fox Sports dedicato alla nuova stagione di football americano recita 3 semplici parole: Football Is Back....

Cenisia Castellazzo Under 19: Mincica salva le violette, finisce 2-2

Il match tra Cenisia e Castellazzo Under 19 finisce 2-2. Una partita spettacolare, che ha visto i padroni di...

Dopo il Piemonte anche la Lombardia si appresta ad avviarsi verso la normalità
Dopo la sospensione delle gare di domenica 23 febbraio e di tutto il programma di questo week-end, settimana prossima dovrebbero ripartire tutti i campionati – sia dilettantistici che giovanili – ad eccezione di quelli che interessano le squadre lodigiane e cremonesi. Secondo quanto emerso nelle scorse ore dalla bozza del Decreto della Presidenza del Consiglio “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, che sarà varato nella tarda mattinata, verranno allentate molte misure rispetto al decreto che scadrà oggi. Per quanto riguarda la parte sportiva il blocco totale dell’attività fino all’8 marzo riguarderà 11 comuni della «zona rossa» (i lombardi Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini e il veneto ): in queste località, che resteranno “blindate” fino a domenica 8 marzo, saranno vietate tutte le manifestazioni e iniziative di carattere sportivo. Dunque niente allenamenti e gare ufficiali

Eccetto i dieci comuni della «zona rossa», nel resto della Lombardia, l’attività sportiva dovrebbe ripartire a pieno regime, seppur con delle limitazioni. A quanto si può leggere dalla bozza del Decreto “Resta consentito lo svolgimento di eventi e competizioni sportive, nonché delle sedute di allenamento, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse“. Cosa significa tutto questo? Che le sedute di allenamento, così come disposto già lo scorso 25 febbraio, dovranno svolgersi ancora a porte chiuse. E soprattutto che, nel fine settimana, si potrà tornare in campo, ma a porte chiuse. Il testo, infatti, parla di «competizioni e sedute di allenamento» e non fa alcuna distinzione tra professionisti e dilettanti.

A quanto risulta il Comitato Regionale Lombardia prenderà la decisione ufficiale nella giornata di domani, ma l’orientamento sarebbe quello di recepire in toto il Decreto del Governo e far ripartire l’attività eccetto per le Delegazioni di Lodi e Cremona (comprese nella «zona rossa») e per alcuni sodalizi che hanno tesserati residenti nei dieci comuni off-limits. Tradotto: domenica si dovrebbe giocare a porte chiuse in tutta la regione, tranne a Lodi e Cremona.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli