29 Novembre 2020 - 09:14:07

Quello che non torna dei corsi AIFS. La testimonianza di un partecipante: Gli interessava solo prendere i soldi, successe cose assurde

Da oltre due anni ci occupiamo dei Corsi AIFS che fanno credere di abiitare i partecipanti come istruttori Scuola Calcio. E poi c'è la Cina…

Le più lette

Feralpisalò-Padova Serie C: D’Orazio entra e spacca il big match della giornata

Dopo un’ora soporifera, il big match della 12° giornata del girone B di Serie C regala emozioni. Il Padova...

Accademia Pavese Eccellenza, attaccante ritrovato, parla Catania: «Sono qua per fare un ulteriore salto di qualità»

L'Accademia Pavese viaggiava spedita in classifica, l'obiettivo salvezza sembra poter essere accantonato, ma Lorenzo Catania non vuole che il...

Pralboino Under 15, l’allenatore Daniele Bertoletti: «Fermarsi così ti lascia con l’amaro in bocca»

Daniele Bertoletti allena da agosto 2019 e questa è la sua seconda stagione al Pralboino. Dopo aver giocato per...

Negli ultimi due anni e mezzo ci siamo occupati più volte dei corsi organizzati dall’AIFS (Associazione Italiana Formazione Sportiva) che, dietro pagamento di 109 euro, rilascia un attestato di Istruttore Scuola Calcio di primo livello. Un corso che, in ambito Federale, non ha alcun valore nonostante quello che venga lasciato intendere ai corsisti. Nell’ottobre 2017 ci occupammo del corso organizzato a Milano dove, nel volantino di presentazione, era scritto che l’attestato rilasciato dall’AIFS garantiva 8 (sì otto) punti per l’iscrizione al Corso Uefa B, oltre a un numero di posti da allenatore per la Cina. Qualcuno ci cascò, qualcuno si tirò indietro all’ultimo momento dopo aver letto il nostro articolo. Lo scorso gennaio l’AIFS ha organizzato un corso a Milano di Istruttore Scuola Calcio e, il Settore Giovanile Lombardo, si è affrettato prontamente a disconoscere il corso, ribadendo che in ambito Federale non aveva alcuna valenza. Cosa ovvia, ma non per tutti.

Purtroppo sono stati tanti gli istruttori che hanno creduto a quanto promesso dall’AIFS e, nei giorni scorsi, uno di loro ci ha contattato – fornendoci una corposa documentazione – su un corso al quale ha partecipato a Milano: «Ho avuto l’impressione che interessasse solo prendere i soldi e basta. Ci era stato detto che non sarebbero state ammesse le assenze nei due giorni, invece la domenica mancava quasi la metà dei corsisti e tutti hanno avuto l’attestato. Addirittura il primo giorno il referente dei corsi arrivò in forte ritardo e il primo pensiero fu prendersi un caffè e farci vedere le foto con i calciatori famosi, mentre il giorno dopo abbiamo dovuto concludere prima la lezione perché il campo era affittato a degli amatori». Corso di istruttore Scuola Calcio che, ovviamente, vedeva tra gli iscritti solo tecnici senza abilitazione federale che speravano di integrare i punteggi per l’UEFA B: «Avevamo chiesto quanti punti ci valesse quel corso e ci è stato detto che in alcune regioni portava dei punti e in altre no. Ma i Corsi da Allenatore Figc hanno le stesse modalità in tutta Italia. Per questo, a fine corso, ho chiamato il Settore Tecnico e mi hanno detto che non valevano». E sono tanti gli istruttori che si trovano tra le mani un pezzo di carta che non ha alcun valore. La storia non finirà certo così, qualcuno dovrà dare delle risposte.

SCARICA L’APPLICAZIONE DI SPRINT E SPORT


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli