9 Agosto 2020 - 20:17:58

Terza Categoria, cambiata la designazione di Città di Varese-Oratorio Cuvio. Dirige Martini: quei rigori facili e uno scambio di persona

Sarà Mattia Aurelio Martini l'arbitro di Città di Varese-Oratorio Cuvio. Arbitro promettente ma nelle partite decisive alquanto sfortunato

Le più lette

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

PDHAE, ufficiali tre nuovi innesti per Cretaz

Come anticipato sul giornale, il PDHAE ufficializza tre nuovi innesti che vanno a rendere quasi completa la rosa di...

Città di Varese Serie D, per il reparto offensivo c’è Alessandro Capelli. «Giocare all’Ossola sarà emozionante»

Quinto arrivo per il Città di Varese che pochi minuti fa ha annunciato l'esterno offensivo Alessandro Capelli, giocatore cresciuto...

Sprint e Sport anticipa la designazione, l’Oratorio Cuvio ricorda un precedente e il nome dell’arbitro cambia. Non sarà dunque Stefano Forte a dirigere la partitissima di Terza Categoria Girone B Città di VareseOratorio Cuvio bensì Mattia Aurelio Martini, un giovane arbitro promettente che, purtroppo, nel recente passato è incappato in qualche arbitraggio negativo e in alcuni scambi di persona.
In questa stagione i precedenti con il Città di Varese sono stati due (il derby con il Casbeno e la sfida dello Stadio con il Don Bosco) ed entrambe le volte la direzione è stata insufficiente. I calci di rigore decretati nelle due partite sono stati complessivamente sette (nel derby un penalty al Città di Varese e due al Casbeno, mentre allo Stadio furono tre i rigori accordati alla capolista e uno agli ospiti). Dei sette rigori complessivi, tre erano molto dubbi. L’emblema è stato quello del 5-3 in favore del Don Bosco dove l’irregolarità (tocco di mano) l’aveva commessa Mirco Tamborini: «L’ho toccata con la mano, pensavo avesse fischiato fallo contro», ammise il cannoniere del girone negli spogliatoi. Tra lo stupore generale, invece, arrivò la concessione del penalty e il cartellino giallo per il varesino Federico Valente che non aveva alcuna responsabilità.
Direzione sfortunata anche lo scorso 1 giugno 2019 nella finale di Coppa Varese – Trofeo Sprint e Sport Allievi tra Sestese – Vergiatese quando, poco dopo la mezzora del primo tempo, comminò la seconda ammonizione al granata Steven Guzi, ma in quell’occasione il responsabile dell’infrazione fu un suo compagno. Risultato? Vergiatese in dieci e gara che si innervosì non di poco.
Altro episodio che, suo malgrado, vide protagonista Martini è relativo alla gara di Under 19 Regionale Fascia B dell’aprile 2019 Ceresium – Valceresio quando “riconosceva personalmente un dirigente della squadra ospite che lo offendeva ripetutamente e reiterava tali offese anche quando il direttore di gara aveva lasciato l’impianto”. Peccato che quel dirigente incriminato fosse da tutt’altra parte d’Italia in quel momento. Per la cronaca le sei settimane di squalifica non vennero cancellate dal ricorso perché l’arbitro confermò di aver riconosciuto il dirigente. Di tutta la vicenda ci occupammo in due puntate.

In Terza Categoria Martini comunque ha un buon bagaglio di presenze ma, un conto è dirigere la partita che ha un significato relativo, un altro la gara di cartello dove ci saranno almeno trecento spettatori attorno alla rete. E poi con il Città di Varese sarebbe il terzo incrocio nelle ultime sette partite. Con l’Oratorio Cuvio sarebbe la seconda direzione per Martini, il quale aveva diretto il match di Biandronno terminato 2-2 e che lasciò l’amaro in bocca ai bianco-viola per un paio di decisioni. Forse la designazione da Gallarate sarebbe stata la soluzione migliore per tutti.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli