21 Giugno 2021

Emergenza: le società continuano ad adattarsi e ad essere solidali, «allenamenti online» la nuova frontiera?

Le più lette

Eccellenza: al «Picco» di Trino domenica 20 la partita dell’anno, il team di Gioia vuole blindare il 4° posto

È lotta a 3 tra RG Ticino, La Biellese e Borgovercelli per la vittoria del campionato. Ma mai come...

Venaria-Volpiano Under 14: All Stars, la fotogallery del big match vinto 2-1 dalle Foxes

La fotogallery di Girolamo Cassarà della sfida giocata sabato al campo del Barcanova per la fase a gironi: Venaria-Volpiano...

Altabrianza Promozione, presentato lo staff tecnico: c’è ancora Frigerio, ai saluti Gualandris

L'Altabrianza inizia a programmare la prossima stagione a partire dalla riconferma dell'allenatore Carlo Frigerio. L'ex calciatore biancoblù, dalla stagione...

Sono passati ormai due mesi da quando l’emergenza sanitaria ha fermato il calcio giovanile lombardo. Se all’inizio, dopo una comprensibile fase di confusione e malinconia, le società hanno reagito con iniziative creative, “challenge” e tutorial per i loro atleti, molte di esse hanno cominciato a spingersi oltre, avendo compreso che non si tratta più di superare un momento di pausa, ma del bisogno di riorganizzare ogni aspetto del sistema sportivo e a ripensare al ruolo che esso occupa all’interno di una comunità.

 

Ad esempio è ancora in sospeso la questione “attività sportive non agonistiche” (in parole povere, gli allenamenti): se di partite non se ne parla fino alla prossima stagione, ancora non sappiamo se agli atleti verrà data la possibilità di tornare a vivere in maniera normale questo aspetto della loro vita, chiaramente fondamentale. Tuttavia, le speranze sono pressoché nulle, e per questo si sta diffondendo l’idea di realizzare «allenamenti online», quindi in diretta sulle consuete piattaforme quali Zoom, Microsoft Teams, Hangouts e via dicendo. Una nuova frontiera per la quale, soprattutto per quanto riguarda il settore pre-agonistico, è in prima fila la Milano Football Academy, che, dopo aver concordato con istruttori e famiglie le fasce orarie più adatte a rispettare gli impegni e le esigenze di tutti, ha già realizzato, questa settimana, incontri di un’ora per ogni categoria – dai 2006 ai 2013 – strutturati in questo modo: venti minuti di parte atletica o coordinativa, venti minuti di dominio della palla, venti minuti di abilità tecniche. «Abbiamo ottenuto grande partecipazione e riscontro. Non è come allenarci sul campo e facciamo solo ciò che uno spazio ridotto consente di fare, ma resta comunque un buon modo per vedersi e rimanere in contatto», commenta il Responsabile Davide Naro, aggiungendo che, per il momento, sarà previsto almeno un allenamento a settimana, anche due per alcuni gruppi.

 

Da casa Tribiano l’insegnamento è invece quello di non sottovalutare, come troppo spesso accade, l’influenza di questa situazione sulle condizioni psicologiche: il dottor Silvio Di Micco, psicologo della società, si è reso disponibile per colloqui gratuiti online, individuali o familiari, in cui saranno forniti anche suggerimenti pratici per affrontare nel quotidiano le paure e le incertezze causate. Così commenta la società:«Vogliamo far sentire la nostra presenza a tutte le famiglie e ai nostri atleti. Lo sport è anche questo».

 

Importante anche l’aspetto delle donazioni al sistema sanitario, che, avendo coinvolto numerose realtà sportive del territorio ha dimostrato ancora una volta il ruolo centrale dello sport nella comunità, e l’esempio di grande solidarietà che esso incoraggia. Questa settimana è stato il turno della Vigor Milano: come testimoniano orgogliosamente sulla loro pagina Facebook, le “aquile” di Comasina hanno raccolto e donato 700€ a favore dell’Asst Grande Ospedale Metropolitano di Niguarda: «Abbiamo voluto fare un gesto concreto a sostegno del sistema sanitario (…) Oltre a dare un calcio al pallone vogliamo darlo a questo virus, e tornare presto a fare quello che amiamo grazie al loro lavoro».

 

SCOPRI SPRINT SOLIDALE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli