martedì 2 Giugno 2020 - 09:19:07

Garibaldina: Gallery d’epoca, storia rossoverde con un tuffo in quel passato che è «pietra solida su cui poggiare»

Le più lette

Tritium Under 16: intervista a Mattia Lepore, centravanti bomber e trascinatore dei biancocelesti

Sbarchiamo in casa Tritium per mettere sotto la nostra lente d'ingrandimento Mattia Lepore, giovane centravanti bomber della Tritium Under...

Rivoluzione a Lissone: salutano sia il dt Ernesto Lampugnani che il ds Marco Novati

Cambia tutto in quel di Lissone. Tramite un comunicato sui propri canali social, infatti, il club ha ufficializzato l'interruzione...

Serie D, 31 club fondano il Gruppo ‘Salviamoci’ e diffidano FIGC e LND

Le linee guida emanate venerdì dalla LND non potevano che creare diversi malumori. La risposta dei club 'condannati' all'Eccellenza...

«In queste settimane di quarantena proviamo a rispolverare un po’ di storia rossoverde. Perché se il futuro è incerto, certamente il passato è una solida pietra su cui poggiare», questo il leitmotiv di queste settimane della Garibaldina che, dai propri canali social, elargisce pillole di storia in un incredibile viale dei ricordi nostalgico ma estremamente consapevole. Un progetto che parte – come immaginario episodio pilota di una stagione ancora in corso – da Giordano Massola, «pioniere del calcio giovanile milanese» e fondatore, nel 1932, della Assi Garibaldina, proprio nel quartiere Garibaldi a Milano. Massola era un visionario e «amante del calcio come pochi» e, sempre accompagnato dalla moglie – che, scrivono, preparava «caffè e panini agli spettatori» – sui campi ogni domenica, dedicò «la sua vita alla società rossoverde ed al sogno per lo sport giovanile». Come si legge, «per circa un ventennio della sua storia, dopo la parentesi bellica» la società non dispose di un proprio campo di gioco e si trovò a migrare spesso, ospitata da «Half, Acquabella, Città Studi, nella Milano di allora in via di ricostruzione». Fu solo nel 1964 che la Federazione Giuoco Calcio, «grazie all’indimenticato Dr. Gianfranco Crespi», assegnò l’attuale campo in Bovisa come sede ufficiale: «Da un’ex cava riempita di macerie provenienti dalle rovine della guerra, viene ricavato l’attuale campo di gioco, oggi intitolato proprio a Giordano Massola».

garibaldina
A destra, Giordano Massola, fondatore della Garibaldina

Un’altra perla di questo raro viaggio tra fotografie d’epoca riguarda proprio la Scuola Calcio: ed ecco allora una fotogallery che lascia senza fiato e parte da uno scatto datato 1982, che vede scendere sul campo di San Siro una giovanissima compagine rossoverde per le finali del torneo «2000 ragazzi in gamba»; segue un altro fotogramma del 1984 dedicato ai finalisti del medesimo torneo all’Arena Civica, tra l’altro accompagnati da Paolo Clerici, attuale Segretario della società; infine, la «finalista categoria Pulcini all’Arena» e i Giovanissimi Regionali d’annata 1981-82. Con grande orgoglio, i promotori ricordano dunque: «La Scuola Calcio è da sempre il fiore all’occhiello della Gari. Ogni anno la Federazione Calcio conferma ufficialmente questa “specializzazione” riservata solo alle società che danno le maggiori garanzie di insegnamento del gioco del calcio ai più piccoli. Lo scopo principale è quello di insegnare il gioco del calcio ai ragazzi a partire dai 6 anni, unica a farlo in una delle zone più conosciute e popolate di Milano: la Bovisa».

 

Garibaldina
In foto, Dario Zago e la maglia rossoverde, oggi fedelmente riprodotta da Paolo Grechi nella sua Sartoria Sportiva a Dergano

 

Garibaldina
I finalisti del torneo “2000 ragazzi in gamba” edizione 1984

Garibaldina
I Giovanissimi Regionali annata 1981-82

Garibaldina
La squadra finalista della categoria Pulcini

 

Vivi Sprint e Sport al 100%, scarica l’applicazione e scopri tutte le sue funzioni.

L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy