10 Luglio 2020 - 17:03:16

Forza e Costanza Under 14, strategie e tattiche dell’allenatore Giacomo Palazzotto

Le più lette

Aygreville, il nuovo tecnico è Matteo Pasteris

Dopo l'addio a sorpresa di Rizzo, accasatosi alla Biellese, l'Aygreville si è preso qualche giorno di riflessione prima di...

Di Po Vimercatese, piazzato il colpo per l’attacco: ufficiale l’arrivo di Angelo Consolazio

Angelo Consolazio è il nuovo bomber della Di Po Vimercatese. Grande colpo per la società brianzola, che ha presentato...

Castiglione Eccellenza: sbarca Mambrin per completare il reparto arretrato dei Mastini

Atmosfera distesa e festosa quella che ha accolto Filippo Mambrin nella sua prima uscita davanti ai microfoni della sala...

Il Forza e Costanza Under 14 allenato da Giacomo Palazzotto veleggiava nella media classifica del Girone B e prima della sospensione stava conducendo una buona stagione. I goleador dei bianconeri sono Andrea Locatelli ed Ettore Trepla, quest’ultimo un vero e proprio fenomeno del dribbling. Compattezza ed educazione nel gruppo dei 2006 di Giacomo Palazzotto, ex Pontogliese, che racconta: «In partita segnano spesso anche centrocampisti e difensori, la squadra è bene amalgamata. Oltre alla buona prestazione, attribuisco importanza al possesso di palla e alle corrette verticalizzazioni, e tentiamo sempre di arrivare il prima possibile alla fase di realizzazione». La squadra di Martinengo funziona bene anche grazie ai bravi centrocampisti: il centrale Madalin Argint Razvan e Andrea Pandolfi, già pronti a livello tecnico e psicologico per giocare nell’Under 15, come del resto Mattia Seghezzi. Tra i pali il fisicamente prestante Paolo Merisio, e il 2007 determinato e più giovane di tutti Gabriele Pizzi. Spiega Palazzotto: «Dobbiamo migliorare nella fase difensiva, a volte subiamo dei gol in maniera ingenua che poi alla fine incidono sui risultati finali. Tra i diversi moduli ho adottato sia il 4-4-2 che il 3-5-2. Preferisco il 3-5-2 perché abbiamo la possibilità di arrivare più rapidamente in zona gol, anche se poi spesso manchiamo nella finalizzazione. Sto cercando di insegnare ai ragazzi che bisogna sempre giocare il pallone, anche nei momenti di difficoltà, tentando sempre di trovare una soluzione senza mai sprecare l’azione. Un altro aspetto che dobbiamo migliorare è la velocità nel pressing e la fase di non possesso palla. Stavamo migliorando molto, e l’obiettivo dell’anno prossimo è quello di tentare di vincere il campionato».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli