12 Giugno 2021

San Pellegrino Under 14, il tecnico Nello Cacace: «Speriamo di cominciare la preparazione ad agosto»

Le più lette

Base 96-Gavirate Eccellenza: Schinetti riprende Lercara, un pareggio, due sorrisi

Si presentava come una partita di fine stagione, senza obiettivi di classifica tra due squadre che sanno proporre un...

Eccellenza B, fatal Olmo per l’Asti: festa rimandata al Censin Bosia?

Dallo sbarco in Normandia all'invenzione di Tetris. Dalla fondazione dell'Nba al riconoscimento delle unioni civili in Italia. Il 6...

Juventus-Genoa Under 17: decide la zampata di Bornosuzov, cadono i bianconeri

Il Genoa espugna il campo Ale & Ricky di Vinovo grazie alla rete di Bornosuzov che porta i rossoblù...

Con la stagione 2020/2021 ormai da dimenticare, le società sono ormai pronte ad archiviare quest’annata nerissima, ed a rivolgere il pensiero alla prossima, sperando di poter tornare presto a calpestare il rettangolo verde. Ma le domande che serpeggiano tra gli addetti ai lavori sono ancora molte: si riuscirà a tornare entro il 2021? E in che condizioni? Le giovani promesse dei settori giovanili, tra gli altri, sono stati messi duramente alla prova dalla pandemia, e sono diversi, tra tecnici e dirigenti, a temere un drastico calo dell’interesse per l’attività sportiva. Di questo ed altro abbiamo parlato con Nello Cacace, tecnico dell’Under 14 del San Pellegrino.

Come ha iniziato ad allenare?

«Ho girato molto l’Italia per motivi di lavoro: io sono di Roma, ma sono poi arrivato a Bergamo dove mi sono sposato. Il calcio è sempre stato una passione, e dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, ho cominciato ad allenare nel territorio: Ponte Ranica, Cenate Sotto, Valle Brembana, Ghisalbese e San Pellegrino, dove sono tornato da due anni, dopo aver allenato qui Allievi e Giovanissimi»

Che impressione ha avuto al suo arrivo?

«Una società molto ben strutturata. Da sempre, hanno fornito ai ragazzi, ma anche alle loro famiglie, tutti gli strumenti per far crescere i ragazzi: i genitori ormai sanno che, una volta arrivati al campo, la società ha tutti i mezzi per prendersi cura di questi giovani. È una società molto seria e con persone capaci, e che soprattutto continua a crescere».

Che ruolo ha avuto il calcio in questo momento così delicato?

«Abbiamo continuato ad allenarci finché ce n’è stata la possibilità, ma più che veri allenamenti erano occasioni per trovarci tutti insieme ed alleggerire la tensione che ci opprimeva. Ci siamo sentiti e continuiamo a sentirci via whatsapp, ma bisogna anche pensare che questo è un anno particolare per loro: è l’anno degli esami di terza media, ed è giusto che la loro attenzione sia rivolta anche a quello».

Molti suoi colleghi temono che vista la prolungata mancanza di attività sportiva, molti giovani decidano di lasciare. Lei che ne pensa?

«Non ho questo timore. Sono un gruppo molto coeso, e perlopiù del paese, che ha saputo includere subito anche chi veniva da fuori. Penso quindi che questo li stimolerà a continuare, poi sta anche a noi trovare il modo giusto di coinvolgerli».

Cosa è importante trasmettere, secondo lei, durante il passaggio dal calcio a 9 a quello a 11?

«Una delle cose che cambia di più è il rapporto tra giocatore e allenatore: si comincia a giocare il calcio vero, quindi a volte si chiede qualcosa di più. Più fondamentali, più schemi riescono a capire, meglio è, e da questo punto di vista, a quest’età sono delle spugne, assorbono tutto. La nostra società poi punta molto sul vivaio locale, quindi hanno tutto gli strumenti per maturare al meglio».

E con questo gruppo, che schema predilige?

«L’organico è molto buono, e ho diverse possibilità: solitamente 4-2-3-1 o 4-4-3. Poi, avendo diverse individualità interessanti, ho molte altre opzioni, come schierare la difesa a 3 oppure a 4. Insomma, ho una rosa che si presta a diverse sperimentazioni».

Pensa che avreste potuto vincere il vostro girone?

«Sicuramente sarebbe stato un girone bellissimo, con molte squadre forti in lizza per la vittoria. Forse contro Mapello e Villa d’Almè sarebbe stata dura, a sarebbe stato bello provarci».

Quando sperate di tornare in campo? E quando pensa che sarà possibile?

«Io tornerei anche domani! Ci manca tutto: il rumore all’interno degli spogliatoi, il suono dei tacchetti, l’odore dell’erba… penso che prima sarà, meglio sarà per tutti. Sono fiducioso, e spero che a settembre potremo ripartire, quindi i auguro di poter cominciare la preparazione da agosto: incrociamo le dita».

SAN PELLEGRINO UNDER 14

STAFF:

NELLO CACACE, ALLENATORE

RENATO MILESI, VICE ALLENATORE

DANIELE ROTA, DIRIGENTE ACCOMPAGNATORE

TRA I PALI:

2007 – MATTEO BUCCIO

2007 – THOMAS NERVOSI

2007 – SANTINO TASSIS

IN DIFESA:

2007 – GABRIEL BASCHENIS

2007 – SIMONE CASARASA

2007 – MATTEO MAGONI

2007 –FILIPPO MAINETTI

2007 – KEVIN SCANZI

A CENTROCAMPO:

2007 – LUCA BELTRAMELLI

2007 – STEFANO BENIGNI

2007 – MIRKO CAPELLI

2007 – NICOLO’ DENTELLA

2007 – RICCARDO PAGANONI

2007 – DANIELE ROTA

IN ATTACCO:

2007 – GIACOMO ARIZZI

2007 – NICOLA CAPELLI

2007 – DANIEL GOTTI

2007 – ANDREA MICHELI

2007 – NICOLA NORMANNI

2007 – MIRCO PERES


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli