16 Maggio 2021

Forza e Costanza Under 15: i grintosi bianconeri e i segreti tattici del 3-4-3 svelati dal tecnico Lorenzo Bellini

Le più lette

L’ex Ministro Spadafora sbotta: Riforma dello Sport rinviata al #duemilamai!

La decisione (con votazione in Parlamento) di rinviare al 2024-2025 l’entrata in vigore della Riforma dello Sport che ha...

Beppe Pisano torna in pista: allenerà il Marene in Prima Categoria

Beppe Pisano torna in pista e lo fa da Marene in Prima Categoria. L’ex tecnico dell’Under 19 del Bra,...

Castellanzese-Hsl Derthona Serie D: il poker d’assi Chessa-Gazzetta rimonta i leoni di Zichella e lancia i neroverdi più su

Entrambe reduci da pareggi, entrambe per riscattarsi e guadagnare più punti possibile. Sarà solo una delle contendenti ad espugnare...

Il Forza e Costanza Under 15, allenata dal nuovo tecnico Lorenzo Bellini, aveva esordito nell’ormai lontana prima di campionato di questa stagione con una vittoria casalinga di misura, battendo per 2-1 l’Oratorio Cologno, un’avversaria già affrontata nel Torneo Ciatto. A segno in favore dei bianconeri, gli attaccanti Alessandro Bassi ed Ettore Trepla, che ha siglato la rete decisiva in area avversaria mediante un gran destro, quasi allo scadere del match. La prima rete della gara era stata realizzata dalla formazione ospite. L’allenatore ricorda soddisfatto il buon inizio di campionato, ma anche con un po’ di senso critico, raccontando: «I ragazzi hanno giocato con vigore e tenacia ribaltando il match, ma hanno avuto un approccio iniziale non adeguato, subendo nel primo tempo il vantaggio avversario, e perdendo diverse occasioni per finalizzare. Ho apprezzato molto che i miei giocatori intendevano vincere la gara, nonostante alcune difficoltà iniziali». Il capitano della squadra di Bellini è il volenteroso difensore Argin Razvan. Il tecnico parla della sua lunghissima e interessante esperienza sulla panchina: «Alleno ormai da quasi vent’anni. Nella scorsa stagione seguivo gli Allievi 2004 proprio della Forza e Costanza, e solo da quest’anno alleno i Giovanissimi, diligenti e dal buon livello tecnico, con cui ho avuto anche un buon impatto. Ho iniziato guidando la Prima Squadra dell’Oratorio Sarnico, all’epoca militante in Prima Categoria, sono stato al timone anche degli Esordienti e dei Giovanissimi dell’Uesse Sarnico, dei Giovanissimi della Grumellese, e della Prima Squadra del Villongo, allora militante in Seconda Categoria, degli Allievi del Valcalepio, e del Castelcovati nel bresciano, di cui rammento con molto piacere il secondo posto in classifica dietro al Folzano, nel campionato Allievi provinciale, e il passaggio successivo alla fase regionale. In passato ho giocato a calcio da ala sinistra, terzino difensivo e difensore centrale nella Juniores dell’Uesse Sarnico, nelle Prime Squadre dell’allora Ardens Cene in Prima Categoria, della Castellese in Seconda Categoria, e della Grumellese in Promozione. La partita che ricordo con molto piacere, da giocatore degli Allievi Regionali del Sarnico, fu la vittoria per 2-1 contro il Cisano Bergamasco, in cui ero il più giovane della squadra, e siglai la doppietta decisiva. Adesso abito a Sarnico nel bergamasco, e contribuisco alla gestione di un bar». Tra i pali dei bianconeri Christian Racano, molto forte fisicamente, e il concentrato e reattivo Cristian Cortinovis, entrambi preparati in allenamento da Gianni Cefis. Il Forza e Costanza ha un buon reparto difensivo, anche per merito di Argin Razvan, Alessandro Marta e Junior Edosa Osaheni. Il centrocampo è solido anche per merito degli esterni Andrea Sollecito e Mattia Seghezzi. I protagonisti della fase realizzativa, rapidi e dal buon tiro, sono Diego Sangalli, Gabriele Favo e Nicolò Ferrari. Bellini rivela: «Adotto il 3-4-3, al quale i ragazzi si sono ben adattati, perché ci permette di agire meglio sia in ampiezza che in profondità, e facilita il nostro ingresso nella metà campo avversaria. In fase conclusiva, questo sistema di gioco si basa sullo spostamento in attacco dei due esterni, e in fase di copertura è simile agli altri che prevedono la difesa a quattro. Stimo molto l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini, sin da quando sedeva sulla panchina genoana, per il gioco improntato alla fase realizzativa, e il croato Ivan Juric alla guida dell’Hellas Verona, per l’adattamento dei trequartisti come punte. Apprezzo anche il francese al timone del Real Madrid Zinedine Zidane, per il suo bel modo di leggere e interpretare le partite». Il vice-allenatore Luca Moleri segue i ragazzi durante i riscaldamenti pre-partita, e le esercitazioni assegnate da Bellini. Il dirigente accompagnatore Leonardo Sollecito fa rispettare le regole previste dagli attuali protocolli, e cura l’aspetto amministrativo delle distinte e dei tesserini. Il preparatore atletico Andrea Luisoni ha assegnato ai ragazzi del lavoro aerobico da svolgere durante il periodo di inattività sportiva. Il dirigente Paolo Perego organizza il settore giovanile e collabora con il segretario Gianangelo Fasolini. Il presidente della società Battista Bassani è sempre presente agli allenamenti e alle partite. Bellini conclude: «Il provvedimento di sospensione dei campionati era corretto per arginare i contagi, nonostante i ragazzi risentiranno del periodo privo di attività calcistica e scolastica. Ritengo che gli allenamenti individuali con il pallone a dovute distanze siano molto utili a sottrarli dalla sedentarietà e a portarli all’aperto, nonostante manchi il fondamentale ritmo partita. Non credo che la stagione riprenderà, e tra i miei obiettivi per il futuro, anche quelli del miglioramento della squadra dal punto di vista tattico, e trasmettere ai ragazzi il senso della giusta concentrazione mentale e del sacrificio in occasione delle partite».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli