10 Luglio 2020 - 18:41:20

Rovetta – La Torre Under 19: e alla fine ne rimase uno solo

Le più lette

Comunicato della Valceresio: «A chi racconta bufale chiediamo rispetto»

Comunicato stampa della Valceresio per smentire le voci di mercato che vorrebbero l'attaccante classe 2002 Diego Cervone (nella foto)...

Mario Zanconti, Cristiano Santiani promosso: curerà il vivaio e sarà anche Direttore Tecnico della società

Cristiano Santiani, oltre che Responsabile del Settore Giovanile, dalla prossima stagione sarà anche il Direttore Tecnico di tutte le...

Sant’Angelo Eccellenza, nuovo colpo di Cortelazzi: dall’Inveruno arriva Davide Marioli

Davide Marioli è un nuovo giocatore del Sant'Angelo. Nuovo colpo del direttore sportivo Umberto Cortelazzi, che porta in rossonero...

“E alla fine ne rimase uno solo”. Cosi una filastrocca al centro i un capolavoro di Agatha Christie, che però riproduce e definisce perfettamente lo spirito con cui Rovetta e La Torre arrivano a uno scontro diretto che nella corsa al campionato può forse non essere determinante ma può parzialmente esprimere verdetti di una certa entità. Nonostante e tutto entrambe le formazioni mostrano intraprendenza da subito, giocando molto in verticale attraverso lanci in profondità sulle corsie, e iniziative palla al piede in velocità, specie La Torre con le iniziative di Silvetti. Così facendo gli ospiti guadagnano campo e costringono gli ospiti ad un atteggiamento attendista a protezione della porta per poi ripartire in contropiede. Da segnalare un paio di occasioni con Poma che di testa manda a lato di poco al 9′, e con Zanga che si trova tu per tu con Morandi che seppur uscendo con i tempi sbagliati ipnotizza l’attaccante quanto basta. L’impressione tuttavia è che il gol sia solo questione di tempo, e infatti al 26′ gli ospiti passano in vantaggio con Santinelli che sfruttando un cross al bacio dalla destra che Ranieri gli mette sulla testa insacca per l’1-0. Per la parte restante della prima frazione, il Rovetta non accenna a reagire, mostrando una manovra disorganizzata ed imprecisa che non crea sostanzialmente pericolo alla porta difesa da Francinetti. Al rientro dagli spogliatoi il Rovetta modifica leggermente il suo assetto, cambiando posizione in campo ad alcuni interpreti. La mossa in effetti conferisce più solidità agli undici di Bellini che rischiano meno e riescono anche, seppur timidamente, a guadagnare metri in avanti. I ragazzi di Lodetti, dal canto loro sembrano voler limitarsi a difendere il risultato. Non mancano comunque le occasioni da gol, come quella del 17′ che mette Moselhy solo davanti alla porta, con l’attaccante che si fa tradire dall’emozione e spada a lato. Nel finale il Rovetta si butta in avanti e in effetti le iniziative di Trussardi creano un po’ di scompiglio nella linea difensiva che in ogni caso continua a non mostrare particolari difficoltà. A questo va poi aggiunto il resto della squadra che si impegna in un efficace possesso palla che addormenta i ritmi e respinge costantemente gli avversari nella propria metà campo. Di fatto la tattica della Torre si rivela efficace perché al rischio finale il risultato non cambia consegnando a Lodetti e i suoi ragazzi una vittoria importante e non poco ai fini della classifica, che il tecnico Lodetti commenta così: «Dopo il vantaggio, come studiato in settimana la tattica è stata di difendere il vantaggio. Va detto che sfruttando qualche occasione avremmo sofferto meno nel finale. Siamo comunque contenti di questa importante vittoria». Realista invece il tecnico del Rovetta Bellini: «Abbiamo fatto un passo indietro rispetto al solito. Avremmo potuto pareggiarla con un atteggiamento e un gioco migliore. Il campionato è ancora lungo, ora l’importante è tornare a giocare come sappiamo».

ROVETTA – LA TORRE 0-1
RETE: 26′ Santinelli (T).
ROVETTA (4-4-2): Morandi 6, Scandella 6.5, Vischetti 6 (26′ st Benzoni 6.5), Baronchelli 6.5, Olmo 6.5, Zanni 6, Masneri 6.5, Savoldelli 6.5, Migliorati 6 (16′ st Santamaria 6.5), Trussardi 7, Sturaro 6.5 (33′ Seghezzi st 6.5). A disp. Legrenzi, Alloni, Beccarelli, All. Bellini 6. Dir. Sonzogni, Benzoni.
LA TORRE (4-3-2-1): Francinetti 6.5, Appah 6.5, Carminati 6.5, Silvetti 6.5, Belotti 6.5, Poma 6.5, Acerbis 6.5 (29′ st Diallo 6.5), Piazzoni 6.5 (4′ st Belleni 6.5), Zanga 6.5. (10′ st Moselhy 6.5), Santinelli 7 (50′ st Patelli A. sv), Ranieri 7 (43′ st Patelli D. sv). A disp. Persico, Suomaoro. All. Lodetti 6.5. Dir. Poma.
ARBITRO: Taiocchi di Bergamo 6.5 Non deve giudicare situazioni complicate, in ogni caso si dimostra attento e corretto.
AMMONITI: 18′ Poma (T), 4′ st Belleni (T), 50′ st Silvetti (T)

PAGELLE ROVETTA

All. Bellini 6 L’atteggiamento non è quello giusto e influisce negativamente anche sul gioco che risulta disorganizzato e poco concreto.

Morandi 6 Da rivedere i tempi di un paio di uscite.

Scandella 6.5 Anche lui fatica a limitare l’avversario nei duelli uno contro uno in velocità.

Vischetti 6 Da rivedere la scelta di tempo in diversi interventi. (26′ st Benzoni 6.5)

Baronchelli 6.5 Partita giocata non brillantemente ma in modo comunque sufficiente.

Olmo 6.5 Anche lui manca di un po’ di precisione in diverse situazioni.

Zanni 6 Tende a giocare in posizione troppo centrale concedendo metri sulla corsia.

Masneri 6.5 Cambia marcia nella ripresa, fase nella quale incrementa sicurezza ed efficacia.

Savoldelli 6.5 Si spende in con grinta e una buona dose di corsa nel dare sostegno al reparto difensivo.

Migliorati 6 Spesso in difficoltà quando è chiamato ad agire da centravanti boa. (16′ st Santamaria 6.5)

Trussardi 7 Stoppa i lanci, difende palla e scarica con precisione ai compagni che si buttano in avanti.

Sturaro 6.5 Gioca una prova generosa in termini di corsa per contribuire in entrambe le fasi di gioco. (33′ st Seghezzi 6.5)

La formazione del Rovetta

PAGELLE LA TORRE

All. Lodetti 6.5 Minima spesa massima resa. Con un solo gol si aggiudicano una sfida importante, che però avrebbero potuto chiudere definitivamente in almeno 2/3 occasioni

Francinetti 6.5 Poco impegnato ma quando serve si fa trovare pronto.

Appah 6.5 Sfrutta con esperienza il fisico per limitare al massimo il suo diretto avversario.

Carminati 6.5 Esegue una precisa azione di contenimento.

Silvetti 6.5 Particolarmente efficace quando si sgancia dalla difesa portando palla per impostare l’azione offensiva

Belotti 6.5 Si guadagna la pagnotta con una prestazione di sostanza

Poma 6.5 Esegue diversi lanci precisi per mettere in movimento le punte.

Acerbis 6.5 Interpreta con l’atteggiamento giusto una partita complicata tatticamente. (29′ st Diallo 6.5)

Piazzoni 6.5 Dialoga bene con i compagni sulla corsia. (4′ st Belleni 6.5)

Zanga 6.5 Efficacia nel movimento senza palla che crea spazio per i compagni. (10′ st Moselhy 6.5)

Santinelli 7 Si smarca bene, si inserisce e incorna nell’angolino per l’1-0. (50′ st Patelli A. sv)

Ranieri 7 Sulla corsia la sua velocità crea scompiglio, si rende inoltre protagonista servendo l’assist per l’1-0. (43′ st Patelli D. sv)

LE INTERVISTE DEL DOPO GARA – Angelo Bellini

LE INTERVISTE DEL DOPO GARA – Eugenio Lodetti

SCARICA L’APP PER I RISULTATI LIVE


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli