28 Ottobre 2020 - 09:59:42
sprint-logo

Oratorio San Michele, Omar Gatta alla guida dei 2008: «Sono felice, non vedo l’ora di cominciare»

Le più lette

Solbiatese Olona Under 19, Murano: «Siamo ancora un cantiere aperto»

E’ ancora appeso il cartello di “Lavori in corso” sulla Solbiatese Olona Under 19; la squadra di Davide Murano,...

Cogliatese shock e calcio giovanile in lutto: è morto il 15enne Simone Vavassori

Le notizie di cui non si vorrebbe mai scrivere. Dolore e sconcerto in tutto il territorio, e non solo,...

Crema Serie D, rinviate causa Covid le sfide con Caravaggio e Breno

A poco meno di 24 ore dall'imminente sfida con il Caravaggio, il Crema rende nota la presenza di un...

Conclusa l’esperienza al San Bartolomeo, dove ha trascorso gli ultimi tre anni e dove quest’anno ha allenato l’Under 14, Omar Gatta è pronto per cominciare una nuova avventura. Da settembre sarà in panchina per allenare gli Esordienti dell’Oratorio San Michele, accompagnato da un’ottima spalla, quella di Paolo Cani.

A volerlo nell’organico della società è stato Luigi Bassini, il Responsabile del Settore Giovanile, a cui vanno i primi ringraziamenti da parte del nuovo tecnico: «Sono contento di come si è sviluppata la collaborazione con la società. È bello collaborare con loro: c’è tanta voglia di fare. Gigi Bassini, poi, è un uragano, un trascinatore, una persona che ti incoraggia a fare sempre del tuo meglio, e sono sicuro che sarà bello lavorare con lui». 

Poi dedica un pensiero alla squadra: «Mi sono messo a disposizione della società per collaborare in qualunque categoria e mi hanno affidato i 2008. È un gruppo che promette bene: qualcuno l’ho già conosciuto al camp che abbiamo fatto in queste ultime due settimane. Devo dire che il campo e il calcio mi mancavano come l’aria: quando ho avuto l’opportunità di tornare ad allenare, sono rinato».

Una domanda d’obbligo è cosa si aspetta dalla nuova esperienza: «Dall’anno che verrà mi aspetto di fare un buon lavoro con i ragazzi e fare del mio meglio per farli crescere ed imparare». Arrivano anche i ringraziamenti alla sua ormai ex società, il San Bartolomeo: «Al San Bartolomeo è stato creato e messo in campo un progetto che ci ha permesso di fare un lavoro stupendo. Sarò sempre legato a quella società perché mi ha regalato delle possibilità enormi e di questo ne sono grato. Ora inizia un nuovo capitolo: per me è un onore allenare vicino ad una persona della caratura di Franco Pancheri: è un uomo straordinario, di un’umiltà pazzesca, che è sempre a disposizione di tutti. È un progetto davvero importantissimo e sono orgoglioso di farne parte».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli