10 Luglio 2020 - 19:25:05

#stiamoincontatto, a Brescia il meeting online per le società di Eccellenza, Promozione e Femminile: ecco com’è andata

Le più lette

Legnano Serie D, scelto il portiere: dalla Castellanzese ecco Christian Colnaghi

Christian Colnaghi è il nuovo portiere del Legnano. Classe 2000, nell'ultima stagione ha giocato nella Castellanzese ed è un...

San Gallo Settimo: nuova scuola individuale e nuove ambizioni

Sul numero in edicola di SprinteSport di lunedì 6 luglio, servizo speciale dedicato alle rinnovate ambizioni del San Gallo...

Aygreville, il nuovo tecnico è Matteo Pasteris

Dopo l'addio a sorpresa di Rizzo, accasatosi alla Biellese, l'Aygreville si è preso qualche giorno di riflessione prima di...
Dennis Carzaniga
Dennis Carzaniga
Caposervizio Redazione Lombardia

«Forse, ma forse, qualcosa si muove». È questo il motto del meeting online delle società di Brescia, riunitesi come ogni sabato mattina a discutere della situazione attuale del calcio dilettantistico sulla piattaforma Zoom. L’incontro stavolta era dedicato alle società di Eccellenza, Promozione e Femminile, dopo che settimana scorsa era stato dato spazio prevalentemente al Settore Giovanile e Scolastico. E proprio dagli sviluppi che ci sono stati dopo quella riunione è nata la frase guida proposta da Alberto Pasquali: «Forse, ma forse, qualcosa si muove». Parliamo dei Centri Federali Territoriali, primo motivo di lamentela delle società, che nella prossima stagione vivranno una profonda rivisitazione: il CTF di Montichiari rimarrà la base operativa sul territorio, ma non saranno più i giocatori a essere convocati ma saranno i tecnici federali ad andare a fare formazione nelle società. Parliamo dei corsi per gli allenatori: la possibile reintroduzione del Coni-Figc, la possibilità di svolgere online il corso Uefa C ma soprattutto un trattamento diverso rispetto al passato delle graduatorie che regolano gli accessi ai corsi.

L’apertura del meeting è stato riservato al Femminile, con l’intervento del presidente del Brescia Giuseppe Cesari a fare da apri-pista lanciando un monito: «Attenzione perché anche nel calcio femminile sono apparsi i procuratori, che si presentano come consulenti e avvocati. Curano i contratti anche di giocatrici molto piccole, dovrebbe intervenire qualcuno». A ruota Luigi Mancini del Lumezzane: «Noi abbiamo appena cominciato questa avventura, abbiamo circa 100 tesserate e stiamo cercando di capire come funziona questo mondo. La cosa che mi colpisce di più è che le trasferte delle Giovanissime ci costano più di quelle dell’Eccellenza maschile». Insomma, la necessità di ridurre questi costi è una priorità: qualcuno suggerisce gironi con meno squadre, altri la possibilità di iscrivere le squadre Giovanissime nella categoria maschile Esordienti provinciali. Così Giuseppe Baretti: «Ci penseremo. Ci sono ancora troppo poche squadre per fare gironi più territoriali, il movimento è in crescita m sinceramente ci aspettavamo qualcosina di più».

Dopodiché la palla è passata alle società di Eccellenza e Promozione, ma con pochi passi avanti rispetto alle scorse “puntate”. Alessandro Righetti dello Sporting Desenzano cerca risposte: «Quando inizierà la prossima stagione? Cosa succederà alla scuola? Siamo nell’incertezza più assoluta e preparare un budget è complicato: le aziende sono ferme e non si sa come e quando ripartiranno. E poi, come saranno gestite le classifiche di quest’anno? Se si partisse ad agosto o settembre non sono sicuro di poter garantire un’organizzazione seria». Righetti parla di una ripartenza a gennaio 2021, così come Alessandro Bresciani della Voluntas Montichiari: «Si potrebbe pensare a una stagione compressa, con partite di sola andata concentrando i campionati in 4-5 mesi: si limiterebbero i costi e si potrebbe programmare la ripartenza con più tranquillità». Giuseppe Baretti non scarta l’ipotesi: «Se l’ok alla ripartenza verrà dato per gennaio, sarà sicuramente così. I tempi li detta il virus, noi faremo delle proiezioni ma le certezze ce le daranno gli esperti. Speriamo di poter ripartire, in sicurezza, a settembre-ottobre».

Infine, dopo l’ormai immancabile botta e risposta polemico tra Enrico Gheda dell’Ospitaletto e Giuseppe Baretti, l’argomento economico messo sul piatto da Simone Valetti del Gussago e da Mario Butturini, presidente del Vobarno: «Abbiamo pagato l’iscrizione, gli arbitri, le assicurazioni: a me piacerebbe che qualcuno ci dica quanti soldi ci ridaranno di quelli scuciti». La rassicurazione di Baretti arriva per quanto riguarda l’iscrizione al prossimo campionato: «Come Comitato Regionale, visto che ci compete, posso assicurare che un terzo del costo di questa stagione verrà sicuramente scontato sul 2020-2021».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli