25 Gennaio 2021

Valtrompia Under 14: Severino Belleri, una vita dedicata al calcio

Le più lette

Sona – Ponte San Pietro Serie D: Ferreira Pinto porta tre punti pesanti e rovina la festa a Maicon

Il Ponte San Pietro torna da Sona con i 3 punti in tasca al termine di una partita equilibrata...

Bonola Under 17: Lo strapotere fisico di Matteo Di Terlizzi, bomber gialloverde

In un calcio sempre più veloce e basato sulla velocità diventa sempre più difficile per quegli attaccanti "vecchia scuola"...

Alcione Esordienti 2008, il dirigente Luca Bradamante: «Ho scoperto il calcio da adulto e mi sono reso conto di essere un ottimo organizzatore»

Luca Bradamante, dirigente della Scuola Calcio, annata del 2008, è da due anni in società assieme a suo figlio....

«Mi è sempre piaciuto di più allenare nel settore giovanile che nella prima squadra perché in quest’ultima ci sono tante difficoltà, mentre il settore giovanile lo considero anche più importante perché devi essere un insegnante per i ragazzi, che sono più predisposti ad apprendere: sei impegnato quotidianamente a fare imparare più le parti tecniche, che quelle tattiche». Inizia così il racconto di Severino Belleri: sessant’anni e una vita dedicata al Valtrompia, prima da calciatore e poi da allenatore.

In questo girone di ritorno, la sua squadra si sta facendo notare. «Il girone è leggermente più facile rispetto all’andata e qualcosa è cambiato perché sono state coinvolte le squadre che nel girone invernale si sono classificate dalla metà in giù e quindi sono molto più alla nostra portata, ce la giochiamo un po’ con tutte. Poi ci sono le squadre più insidiose come la Pavoniana e il Volutas Montichiari, contro cui abbiamo perso 2-0 settimana scorsa. Il fatto è che noi abbiamo delle grosse lacune in fase realizzativa: proprio in quella partita abbiamo sbagliato un rigore sull’1-0 e abbiamo sbagliato due occasioni da gol, di cui un doppio palo nello stesso tiro. È successo anche nel girone d’andata, in partite in cui potevamo vincere o quantomeno pareggiare e invece non siamo riusciti a rendere nella fase realizzativa. Dall’inizio dell’anno c’è stata un’ottima crescita da parte dei ragazzi e si inizia a notare. Nei primi mesi non ero molto soddisfatto e, invece, con impegno e costanza siamo riusciti a raccogliere i frutti del lavoro svolto. Logicamente ci vuole pazienza: è normale che i ragazzi ci mettano un po’ ad ingranare e a mettere in pratica i miei consigli».

«Avete fatto qualche acquisto per il ritorno?»
«No, abbiamo la stessa rosa dell’andata perché siamo partiti ad inizio campionato con venticinque ragazzi ed andare a prendere altri calciatore avrebbe significato lasciare a casa qualcuno dei nostri, una cosa impensabile».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli