22 Giugno 2021

Virtus Aurora Travagliato Under 14, il giovane Diego Bianchetti: «Essere capitano mi rende fiero»

Le più lette

Pavia-Alcione Eccellenza: nel recupero usa la testa solo Volpini, Orange sempre più vicini alla D

Volpini nel recupero regala all’Alcione una vittoria meritata, che permette agli Orange di far fuori dalla corsa alla serie...

NibionnOggiono Serie D ufficiale: gli associati dicono basta, la storia finisce qui

Era ormai una notizia che era nell'aria da diverse settimane e nel pomeriggio odierno è arrivata l'ufficialità: il NibionnOggiono...

Pro Eureka-Lascaris All Stars Under 15: Super-Edwin e Simonetti regalano la semifinale ai bianconeri

A Grugliasco si conclude 2-3 il quarto di finale del torneo All Stars tra Pro Eureka e Lascaris. I...

Dopo l’intervista all’allenatore Morris Cotali della Virtus Aurora Travagliato Under 14 (clicca qui per leggere), ecco la storia del prescelto capitano: il difensore Diego Bianchetti. Proprio in quella ormai lontana occasione, l’allenatore aveva raccontato: «Tra questi difensori troviamo Diego Bianchetti che, oltre ad essere il neo-capitano di questa squadra, è anche migliorato molto a livello tecnico. Inoltre si tratta di un ragazzo educato e serio che, nonostante il suo carattere introspettivo, quando scende in campo riesce a gestire da solo e con successo la difesa senza che io gli dica niente». Ragazzo educato e serio, Diego gioca a calcio da quando ha quattro anni ed è da 3 anni che gioca in questa società; prima, infatti, occupava la panchina del Trenzano Calcio. Parlando proprio della sua società, il ragazzo racconta: «Nella mia squadra e nella società mi trovo davvero bene, non ho niente da reclamare, mi sento come se fossi a casa». La stessa cosa per quanto riguarda il suo ruolo come difensore: «Nel mio ruolo mi trovo bene e mi piace, sento di riuscire ad esprimere al massimo me stesso». Diego, però, non occupa solo la porzione finale di campo, ma è anche il capitano di questa giovanissima squadra. Da ruoli così importanti provengono responsabilità ancora più grandi, e questo il giocatore lo sa bene: «L’effetto che mi fa essere il capitano mi rende fiero; le mie responsabilità sono: tenere l’ordine in campo, il rispetto per gli avversari, l’arbitro e suoi collaboratori». Ragazzo sveglio e preparato, il giocatore conosce bene i suoi limiti e i suoi progressi, infatti dichiara: «Le qualità che uso maggiormente quando gioco sono il fisico, l’anticipo. Una cosa che dovrei migliorare essendo fermi da tanto è la resistenza, che serve sempre». Affiatato tifoso del Brescia, il suo punto di riferimento è il 24enne Andrea Cistana che all’occorrenza usa spesso come modello. Anche Diego, come ogni giovane giocatore, ha in cuor suo una partita che ricorda con più affetto: «La partita che mi ricordo e che mi ha fatto più effetto – ha infatti spiegato il ragazzo – è all’andata del Bresciaoggi contro il Breno perché tutti noi ragazzi abbiamo dato il massimo ed è stata una partita molto combattuta, ma alla fine abbiamo vinto noi». Durante la prima giornata di campionato, le due squadre si sono affrontate di nuovo. Raccontando proprio di questa prima ed unica giornata, l’allenatore Cotali aveva dichiarato: «Abbiamo giocato in casa una partita contro il Breno. Nonostante sia una squadra molto più forte e avanti siamo riusciti comunque a vincere. È stata una bellissima partita dove ho visto in campo undici leone che avevano voglia di chiudere con una vittoria quel match». 

under 14 travagliato
Under 14 della Virtus Aurora Travagliato

Le Furie Rosse sono così riuscite a portarsi a casa i primi 3, e purtroppo ultimi, punti del girone. Lo stesso Diego ha spiegato: «Parlando della mia prima partita in questa società, sì, sono rimasto soddisfatto della mia presentazione e soprattutto di quella dell’intero team». Focalizzandosi, invece, sul presente, il capitano della Virtus Aurora Travagliato Under 14 racconta: «Adesso di allenamenti ne facciamo pochi alla settimana, sempre tenendo le distanze e quindi non facciamo incontri via web. In campo ci scendo a fare allenamento, ma mi manca fare le partite essendo ancora in zona arancione». Ma anche Diego non si perde d’animo e di speranza, e guardando al futuro conclude: «Per il futuro mi auguro di andare a giocare in una squadra di serie A, è il mio sogno».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli