10 Agosto 2020 - 04:57:11

Breno-Capriolo Under 15: ritmo Claretti, Moraschi non-stop

Le più lette

Juventus Primavera, il Monza si aggiudica l’amichevole estiva

La Juventus Primavera torna in campo per preparare l'ottavo di finale di Youth League contro il Real Madrid del...

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

Villa Valle, aspettative alte e la giusta esperienza: con Bolis idee chiare e squadra tecnica

È nella splendida cornice dell’hotel ristorante Settecento a Presezzo che nella serata di mercoledì 5 agosto si è tenuta...

Ci hanno provato fino alla fine i ragazzi di Gelsomini – influenzato, sostituito in panchina dal vice Federici -, costringendo gli ospiti ad una strenua difesa per gran parte della ripresa. Ma c’è un motivo se il Capriolo guarda tutti dall’alto in basso, in solitaria a 28 punti. La compagine di Moraschi, infatti, oltre a brillare in fase offensiva, ha dimostrato grande spirito di sacrificio anche nel momento di maggior difficoltà, con i ragazzi compatti ed uniti a limare la pressione camuna che, sul finale di ripresa, si è fatta decisamente importante. L’avvio è stato però di marca ospite, con i capriolini a premere sull’acceleratore sin dalle prime battute. Sugli scudi Claretti, che al quarto d’ora ha gonfiato la rete della porta di fesa da Mondini. Caparbio il numero nove ospite, che a tu per tu con l’estremo difensore di casa non ha lasciato scampo, insaccando con un piattone preciso e puntuale. Ancora Claretti, pochi minuti dopo, a fare il pelo al montante. Sofferenza iniziale, quella dei padroni di casa, che minuto dopo minuto si sono affacciati dalle parti di Massetti. Quest’ultimo si è superato alla grande sul piazzato a giro di Bianchetti, e ha poi limato in presa il tentativo di Sigala. Piazzato da brividi anche sulla sponda opposta, con Mondini super in tuffo sul destro a giro di Gaciu. Prima dell’intervallo, Claretti ha avuto due ghiotte chance per raddoppiare, calciando a lato solo davanti a Mondini. Ripresa di vigore, quella dei granata di Federici; ma il Capriolo ha qualità e peculiarità che in ogni momento possono uscire allo scoperto: Mondini, ancora una volta, ha detto no al tentativo di Claretti. Ma quest’ultimo non si è perso d’animo, trovando il gol del raddoppio già in avvio, sfruttando la perfetta assistenza dalla destra di uno scatenato Patricelli. Cambio per il Breno che, poco dopo, ha donato i suoi frutti. Taouizi, con la brillante complicità di uno scatenato Pellegrinelli, ha dimezzato lo svantaggio con uno splendido mancino all’incrocio dei pali. Nel miglior momento del Breno, però, il Capriolo ha avuto la forza di riassestarsi e di colpire a dovere. In due giri d’orologio, infatti, è giunto il tris ed il poker ospite, le cui firme son state quelle di Giordani e Patricelli. Il primo ha condito una prestazione da incorniciare con la personalissima firma di giornata. Il secondo ha lasciato partire un destro che l’estremo di casa ha potuto solo veder finire in rete. Partita chiusa? Per niente, perché il Breno ha continuato ad accelerare con l’obiettivo di riaprire l’incontro ad ogni costo. Speziari, due volte, è andato vicino al gol con un destro che è uscito di un niente alla sinistra di Massetti. Al terzo tentativo, però, il numero nove granata non si è lasciato pregare e l’ha imbustata da vero rapace d’area di rigore. Nel finale, Marioli ha sfiorato il tris per donare ulteriore brio agli ultimi scampoli di partita, che si è chiusa con la vittoria di un Capriolo sempre più guida del girone. Un Breno che, come sottolineato dal tecnico nel post partita, può ritenersi soddisfatto per come ha disputato la gara, tenendo comunque testa ad una signora avversaria, ossia la capolista.

BRENO-CAPRIOLO 2-4

RETI (0-2, 1-2, 1-4, 2-4): 15’ Claretti (C), 7’ st Claretti (C), 13’ st Taouizi (B), 16’ st Giordani (C), 18’ st Patricelli (C), 25’ st Speziari (B).

BRENO (4-3-1-2): Mondini 7 (16’ st Marinini 7), Abondio 7 (8’ st Pellegrinelli 7.5), Asani 7 (24’ st Tognu 7), Abbiati 7, Fedriga D. 7, Diop 8, Sigala 7 (10’ st Taouizi 8), Bianchetti 7 (2’ st Marioli 7), Speziari 7.5, Fedriga F. 7 (c), Pietroboni 7 (16’ st Schiucchetti). All. Federici 7.

CAPRIOLO (4-3-3): Massetti 7, Fracchiolla 7, Santinelli 7.5 (16’ st Assoni 7), Gatti 7, Moretti 7, Suardi 7 (11’ st Modina 7), Patricelli 7.5 (24’ st Saleri 7), Gaciu 7 (19’ st Terzi 7), Claretti 8.5 (10’ st Beltrami 7), Giordani 9, Brescianini 8 (19’ st Lancini 7). A disp. Orizio, Marini. All. Moraschi 7. Dir. Reccagni.

ARBITRO: Simoncini di Lovere 6.5. Lascia giocare molto, forse anche troppo. Partita vivace e con continui ribaltamenti di fronte.

PAGELLE BRENO

Mondini 7 Sicuro in presa. D’istinto esce ed evita il peggio. Incolpevole sui gol.

Abondio 7 Lungimirante quando chiamato a fare la diagonale. Regge l’urto del Capriolo quando chiamato in causa.

(8’ st Pellegrinelli 7.5) Un filmine a destra. In costante spinta, affondando a più riprese quando entra.

Asani 7 Avvio di sofferenza a sinistra. Poi prende le misure e sa il fatto suo.

Abbiati 7 Ci mette una pezza in scivolata in recupero su Claretti. Tenace.

Fedriga D. 7 Su Giordani compie un prodigioso recupero, da vero difensore.

Diop 8 Metronomo granata. Predica calma e smista infiniti pallone.

Sigala 7 Fantasia sulla trequarti a supporto dei due centravanti camuni.

(10’st Taouizi 8) Entra e spacca in due il match. Segna e crea per i compagni.

Bianchetti 7 Fisicamente devastante. Gli è mancato il guizzo decisivo per affondare.

Speziari 7.5 Dimezza lo svantaggio da vero bomber d’area di rigore. Rapace.

Fedriga F. 7 Il suo lavoro in interdizione ed inserimento. Primo tempo di spessore.

Pietroboni 7 In aiuto ai suoi in fase difensiva. Corre e ci mette l’anima davanti.

All. Federici 7 Sostituisce l’influenzato Gelsomini in panchina. Dona vigore ai suoi all’intervallo, che ci provano fino all’ultimo secondo.

La formazione del Breno

PAGELLE CAPRIOLO

Massetti 7 Si destreggia alla grande con i piedi. La gioca sempre, costi quel che costi.

Fracchiolla 7 Prima frazione in surplace, senza strafare. Ripresa di straordinari a cui risponde presente.

Santinelli 7.5 Il capitano guida i suoi con intelligenza e caparbietà. Dà tutto anche in fase di spinta.

Gatti 7 Centrale di gran carisma. Solidità, la sua arma principe. Primo tempo top, ripresa di sacrificio.

Moretti 7 Di testa è affar suo. Domina sui piazzati, levando d’impiccio i suoi nei pericoli creati dai camuni.

Suardi 7 Vertice basso, la pedina che fa girare, e bene, la squadra nei primi 35’ di gioco. Esperienza.

Patricelli 7.5 Destro brillante con cui leva la ragnatela dalla porta. Assist al bacio e gol, what else?!

Gaciu 7 L’inserimento nel dna. Prima frazione a metter in difficoltà i reparti camuni con il suo cambio di passo.

Claretti 8.5 Il gol nelle vene. Nel posto giusto al momento giusto, perché sente la porta ed ha il fiuto del gol. Bomber.

Giordani 9 Qualità al servizio dei compagni. Gioco di gambe, dribbling e filtrante magico. Mpv di giornata.

Brescianini 8 Nel tridente offensiva brilla anche la sua stella nel primo tempo. Il dono dell’ubiquità.

All. Moraschi 7 Capolista indiscussa non a caso. I suoi quando offendono, lo fanno alla grande. Non solo, anche grande capacità di soffrire.

Moraschi, allenatore del Capriolo

L’INTERVISTA A FEDERICI (BRENO)

SCARICA L’APP PER I RISULTATI LIVE


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli