14 Aprile 2021

Polisportiva Prevalle Under 15, il tecnico Adriano Mazzelli: «Incrociamo le dita per la ripresa»

Le più lette

Borgaro – Aygreville Eccellenza: Daynè-Castagna si propongono come guastafeste del girone

Gara che ci mette davanti a quello che può già essere un primo verdetto. La vittoria dell'Aygreville in casa...

Pavia Academy, al via la nuova avventura nell’Eccellenza ligure. La responsabile Niscardi:«Opportunità importante da cogliere al volo»

La notizia che ha scosso la settimana è arrivata dalla Liguria con il comunicato che annunciava l’ingresso del Pavia...

Torino Women-Pro Sesto Serie C Femminile: Serna decisiva dagli 11 metri, prima sconfitta per le biancocelesti

Il Torino Women di Gianluca Petruzzelli riesce nell'impresa di provocare la prima sconfitta in campionato della Pro Sesto. Il...

Nell’ormai lontano 2010, il tecnico Adriano Mazzelli è arrivato in casa Prevalle, e da quel giorno non se n’è più andato. Sono ormai 10 anni, quindi, che Mazzelli milita in queste fila. Oggi è l’allenatore di un gruppo molto giovane e compatto, ma con tantissima voglia di crescere: la Polisportiva Prevalle Under 15. Tuttavia, Mazzelli ancor prima di essere allenatore, è stato un giocatore e racconta: «Io ho sempre allenato nel Prevalle, però nasco come giocatore, ero un terzino destro». Lasciando da parte per un attimo il suo passato, e focalizzandosi invece sul suo ruolo come guida, Mazzelli spiega: «Non ho un credo calcistico in particolare perché non mi piace fossilizzarmi su determinate idee e non cambiarle mai». Rimanendo coerente a quanto appena detto, Adriano prosegue: «Stessa cosa per quanto riguarda il modulo, non ne ho uno preferito. Generalmente lo adatto in base ai giocatori che ho a disposizione». Nessun credo calcistico, quindi, e nessun modulo preferito per non andare a basarsi su determinate idee senza cambiarle mai. Al contrario, il tecnico è pronto ad ogni cambiamento ed evoluzione. Riguardo ai valori, invece, che Mazzelli vorrebbe riuscire a trasmettere ai suoi giocatori, l’allenatore racconta: «A differenza del credo calcistico e del modulo, per quanto riguarda cosa vorrei insegnare e fare imparare ai miei ragazzi ho le idee molto più chiare: la passione per questo bellissimo sport, l’impegno al massimo e, soprattutto vista l’età e il periodo, tanto tanto divertimento». La Polisportiva Prevalle Under 15 è un gruppo compatto formato interamente da ragazzi classe 2007, senza nessun fuori quota. Mazzelli ha avuto in mano questo gruppo per un mese, subito dopo è stato fermato tutto, senza la possibilità di poter approfondire la conoscenza. «Calcolando che ho avuto i ragazzi solo un mese – ha infatti spiegato il tecnico – non li conosco ancora benissimo a livello caratteriale, infatti non ho ancora deciso il capitano. Posso dire però che sono tutti molto validi». La giovanissima squadra è tra quelle più penalizzate, non avendo potuto giocare abbastanza su quel campo. Ripensando proprio a questa stagione calcistica, Mazzelli racconta: «Purtroppo sia io che i ragazzi siamo molto dispiaciuti, abbiamo fatto zero amichevoli causa covid. Il mio obiettivo iniziale era quello di conoscere i ragazzi e fare il massimo, però non ne ho avuto modo come avrei voluto». Tuttavia, la Polisportiva Prevalle Under 15 è riuscita almeno a debuttare in questo campionato. Durante la prima giornata di campionato, la squadra ha incontrato una grande sfidante: la Polisportiva Volta Under 15 di Alvaro Gosio (clicca qui per leggere la sua intervista). La partita è stata combattuta fino alla fine, terminando 3-2 per gli avversari. Nonostante questa prima iniziale sconfitta, Mazzelli racconta: «Ero rimasto molto soddisfatto dai miei ragazzi, ci hanno messo tutti grande impegno, soprattutto per essere la prima partita della stagione con pochissimi allenamenti alle spalle». Solo il tempo e il duro allenamento avrebbero potuto portare i frutti desiderati, ma purtroppo lo stop generale ha abbattuto le iniziali speranze. Mazzelli però è conscio dei ragazzi che ha in mano e parlando di ciò che si potrebbe migliorare è ben chiaro: «In un gruppo per il lavoro si cerca sempre di migliorare in tutto, quindi non c’è un punto in particolare da migliorare, bisogna concentrarsi sul tutto».Concludendo l’intervista, il tecnico spiega la sua opinione riguardo la situazione attuale: «No, noi non stiamo facendo nessun incontro virtuale per vari problemi. Non sono tanto a favore dei provvedimenti calcistici presi. Penso che ora a febbraio sarà un po’ presto ricominciare e già lo stiamo vedendo, però incrociamo le dita».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0