25 Giugno 2021

San Zeno Naviglio Under 15, il ritorno in casa dell’allenatore Giovanni Smussi

Le più lette

Pro Eureka-Lascaris All Stars Under 15: Super-Edwin e Simonetti regalano la semifinale ai bianconeri

A Grugliasco si conclude 2-3 il quarto di finale del torneo All Stars tra Pro Eureka e Lascaris. I...

LG Trino-La Biellese Eccellenza: la lavagna tattica di Rosario Ligato

Match Point fallito per la Biellese che a Trino non va oltre il pareggio. Sarà spareggio con l’RG Ticino. Gli...

Alessandria-Torino Women Serie C femminile: Annalisa Favole e Levis affondano le ultime speranze delle grigie

Sull'onda della vittoria contro il Pinerolo di domenica scorsa, l'Alessandria prova a giocarsi l'ultima chance per arrivare al penultimo...

Giovanni Smussi allena con continuità dal 2001, per un totale di 20 anni, ma ha ricoperto anche il ruolo di vice-allenatore dal ‘92 al ‘95. Oggi, Smussi si trova a guidare il San Zeno Naviglio Under 15, tuttavia l’allenatore ricorda: «Ho cambiato parecchie società dove in alcune sono andato via e poi tornato tra cui Bagnolo, San Zenese, Montirone, Rondinelle, Rigamonti con tutte le categorie dai primi calci alla juniores». Ex difensore centrale, Smussi ha un credo calcistico proprio e racconta subito: «Diciamo che negli ultimi 8 anni passati con la Juniores (è la categoria che più mi piace) a Montirone, preferisco giocare con il 4-3-3 ma la cosa che voglio è che i ragazzi imparino a stare in campo senza buttare la palla. No lanci Lunghi altrimenti cosa insegni? I ragazzi devono sapere cosa fare in campo, avere dei compiti precisi, un’impostazione di gioco». Ma in primis, ciò che vorrebbe l’allenatore è altro, ovvero: «Prima di tutto devono fare gruppo, essere amici e aiutarsi per essere squadra». Tecnica, gruppo e sostenimento, quindi, sono questi solo alcuni degli ingredienti che l’allenatore cerca di condividere con i suoi ragazzi. Continuando a parlare del suo ruolo, Smussi racconta: «Non ho mai perso un ragazzo e di questo me ne vanto! Al nostro livello ragazzi bravi è difficile averli per cui te li devi creare, devi dar loro fiducia, devi anche lasciarli sbagliare anche se a volte perdi le partite, non è importante, ma è fondamentale fare gruppo e giocare da squadra. Gli ultimi 3 anni di juniores a Montirone i ragazzi mi chiamavano “Gio”, ma c’era il massimo rispetto tra noi e soprattutto con gli avversari. Con me non ci sono multe, non c’è bisogno, a meno che non ti fai ammonire per proteste, perché l’arbitro è sacro e può sbagliare come noi (anche se ha volte ne trovi alcuni che …ma non sono MAI stato espulso) Dicevo loro ” in campo fate quello che vi spiego in allenamento, se poi sarà sbagliato è colpa mia, mi prendo io le responsabilità». Per questa stagione calcistica 2020/2021, l’allenatore è tornato al San Zeno. Purtroppo, a causa del covid, numericamente non ha una “squadra”. Il team del San Zeno Naviglio Under 15 è composto da ragazzi di diversa età: sette giocatori classe 2006, quattro classe 2007 e cinque classe 2008. Proprio parlando della sua squadra, Smussi racconta: «Purtroppo le prime tre settimane facevamo allenamento in 6/7 e così non è facile, in più 4 di loro sono alla prima esperienza!». Concentrandosi maggiormente proprio sulla squadra, Smussi racconta come il capitano ad oggi sia Simone Pizzamiglio, poiché è il più “vecchio” ed è quello che ha un po’ più di carattere oltre a essere tra i ragazzi più forti. Per quanto riguarda i portieri, invece, a difendere la porta del San Zeno Naviglio Under 15 ci sono Federico Consuma (2008) e Pietro Parisi. «Il primo è piccolino ma è bravino e poi ha coraggio. Parisi non aveva mai giocato ma visto i numeri gliel’ho proposto, ha fatto un po’ di allenamento con il preparatore, gli è piaciuto e quindi ha giocato titolare; l’unica partita giocata ha fatto quello che ha potuto e lo ha fatto bene, poi il secondo tempo ha giocato Consuma che ha preso 4 gol ma ha fatto parate strepitose per la sua età e statura!». Proprio parlando di questa strana stagione calcistica, Smussi spiega: «Abbiamo potuto fare solo una partita, purtroppo non ci sono alternative! Alcuni genitori non volevano far venire i ragazzi, avevano paura. E con una squadra così puoi solo lavorare per farli progredire, la società non ha pretese!». Durante la prima gara di campionato, il San Zeno Naviglio ha affrontato il Montirone di Carlos Caldera (clicca qui per leggere la sua intervista), subendo 7 gol e segnandone uno. Ripensando proprio a quell’unica gara, Smussi racconta: «Sono stato molto soddisfatto della prima e unica partita! Abbiamo giocato alla pari per 30 minuti fino al 2-1 contro una buona squadra che gioca insieme da parecchio (li conosco); poi nel secondo tempo ho inserito 5 ragazzi del 2008 che comunque hanno fatto bene. Niente è andato storto, c’è solo troppa differenza d’età e tecnica tra noi e loro, ma si può migliorare (se si giocasse). Per ora l’unico obiettivo è che mi ascoltino e si impegnino. Di lavoro ce ne sarebbe da fare, ma purtroppo con questa situazione non è facile». Concludendo e focalizzandosi invece sulla situazione attuale, Smussi dichiara: «Non vedo i ragazzi da 2 mesi, li sento sul gruppo di Whatsapp, ci siamo fatti gli auguri, mi chiedono quando si ricomincia, purtroppo sono molto pessimista perché non penso si possa risolvere presto questa situazione, ma non è colpa di nessuno se c’è questa pandemia, non te la puoi prendere con i vertici del calcio se non ti fanno giocare, viene prima la salute e su questo non c’è dubbio. Il fatto è che quelli che ci rimetteranno di più sono i ragazzi di queste annate! Faranno più fatica in futuro ad apprendere come stare in campo».

SAN ZENO NAVIGLIO UNDER 15

LO STAFF

GIOVANNI SMUSSI, ALLENATORE

IN PORTA

PIETRO PARISI

FEDERICO CONSUMA

IN DIFESA

ANDREA TELESE

FRANCESCO BRAGHINI

FRANCESCO DI MARI

MUZZI

TONONI

RINALDINI

A CENTRO CAMPO

SIMONE WINDOFER

ANDREA PEDERSOLI

FRANCESCO SABA

SIMONE PIZZAMIGLIO

ALESSANDRO TREGAMBE

ALESSIO MARRAZZO

HYTHAM

IN ATTACCO

SIMONE MACALUSO


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli