12 Maggio 2021

Vobarno Under 15, l’allenatore Giuseppe Bazzoli: «Quello che i ragazzi lasciano in questo periodo non lo trovano più»

Le più lette

Imperia-Legnano Serie D Girone A: Capra ci prova fino alla fine, ma Nava è strepitoso

Come previsto è stata una partita bellissima quella andata in scena ad Imperia tra due squadre che alla vigilia...

Prevalle-Speranza Agrate: doppio Berta e Comotti regalano la seconda vittoria di fila a Nicolini ora a meno tre dalla vetta

Seconda vittoria di fila per il Prevalle di Nicolini che supera per 3-1 l'ostico avversario della Speranza Agrate con...

Quadrangolare Under 16 alla Torinese, il Pianezza batte tutti

Anche i 2005 tornano a giocare. In via dei Gladioli, va in scena un quadrangolare che, oltre alla padrona...

Dopo la chiacchierata con il centrocampista del Vobarno Under 15 Alessandro Carminati (clicca qui per leggerla), ecco qui la storia di chi la squadra, invece, ce l’ha in mano, il tecnico Giuseppe Bazzoli. Allenatore da ormai 30 anni, con un periodo di stop di circa 5/6 anni dovuto al lavoro che svolgeva, Giuseppe ha iniziato ad allenare a Vobarno, che è anche il suo paese d’origine e dove risiede. Tuttavia, il tecnico ha anche allenato in parecchie altre società della sua zona, come il Gavardo o il Roè Volciano. Prima di allenare, Giuseppe giocava a calcio, e così racconta: «Ho fatto tutta la trafila dai pulcini alla prima squadra e come ruolo facevo l’attaccante, oggi si direbbe l’esterno alto di sinistra essendo io mancino». Ma da 30 anni a questa parte, Bazzoli si è concentrato solo ed esclusivamente a insegnarlo il calcio. Parlando proprio del suo credo calcistico, il tecnico dichiara: «Il mio modo di pensare come far giocare la mia squadra dipende dai ragazzi che ho a disposizione in quell’anno, noi di società medio-piccole non abbiamo l’imbarazzo della scelta ma disponiamo di ragazzi molto volenterosi che hanno voglia di imparare che possono essere bravissimi, bravi o alle prime armi, perciò non ho un modulo di riferimento ma comunque mi piace una squadra che sia capace di imporre il proprio gioco». Nessun modulo preferito, quindi, così come nessun credo calcistico. I valori che il tecnico vuole trasmettere, invece, sono chiari e trasparenti: «Il valore che voglio prioritariamente dai ragazzi – ha infatti spiegato Bazzoli – è il rispetto degli altri, in primis dell’avversario ma anche dell’arbitro che spesso sono ragazzi con solo un paio d’anni in più rispetto a chi gioca e possono commettere errori come tutti. In più cerco di far capire che il calcio è un gioco di squadra e quando si vince e/o si perde lo si fa come squadra e non come singolo ragazzo». Il Vobarno Under 15 è una squadra mista tra 2006 e 2007; proprio commentandoli, Bazzoli racconta: «Una buona squadra, anche perché la maggior parte di questi ragazzi li ho allenati io 2 anni fa negli Esordienti. Dire quali sono i punti di forza e su quali migliorare dopo solo un breve periodo è un po’ difficile da dire, posso dire che la voglia d’imparare, la tecnica, la grinta la caparbietà a molti non manca, come non manca ad altri il dover migliorare nel gioco di squadra». Concentrandosi su diversi ruoli, come ad esempio quello del capitano, il tecnico sottolinea: «Il capitano lo cambio ogni partita premiando quel ragazzo che secondo me ha risposto meglio alle mie sollecitazioni nella partita precedente, giocando secondo le sue possibilità». Focalizzandosi invece sui portieri: «Noi abbiamo la fortuna di avere 2 portieri abbastanza bravi, in particolare uno del 2006 è dotato anche di un fisico buono per la sua età». La stagione calcistica si è aperta, come per tante altre squadre, con la voglia e la fame di riprendersi ciò che l’anno scorso non è stato concluso. «Purtroppo quest’anno abbiamo giocato in tutto 2 partite – ha raccontato il tecnico – una di campionato e una amichevole, mi dispiace solo per i ragazzi. Quello che lasciano in questo periodo non lo trovano più». Il Vobarno Under 15, durante la sua prima ed unica gara di campionato, ha però dimostrato a tutti il proprio valore. A faccia a faccia con il Roè Volciano di Carminati (clicca qui per leggere la sua intervista), la squadra ha ottenuto una grandissima vittoria, concludendo la gara per 10-1. Proprio su tale partita, Bazzoli commenta: «Non mi piace giudicare una sola partita, eravamo solo alla prima di campionato, abbiamo vinto e si era contenti, però ora siamo fermi e dispiace molto». Con uno sguardo, appunto, al lunghissimo periodo di stop presente, Bazzoli afferma e conclude: «Ormai siamo fermi da parecchi mesi, li abbiamo riempiti fino a Dicembre con incontri settimanali coinvolgendo nelle nostre riunioni diversi giocatori della nostra prima squadra, ponendo loro domande richieste e suggerimenti, ci siamo rivisti online a Febbraio e speravamo di ritrovarci sul campo da marzo, ma purtroppo visto quello che sta succedendo di nuovo per il Covid nella nostra provincia di Brescia, anche se ci rattrista molto, penso che rischiare di riprendere sia molto pericoloso e poco rispettoso verso chi continua ad ammalarsi, e sono tanti».

VOBARNO UNDER 15

LO STAFF

GIUSEPPE BAZZOLI, ALLENATORE

IN PORTA

MATTIA CASANOVA

ALBERTO GAIARINI

IN DIFESA

NICOLA BESCHI

MOHAMED CHIBOU

SANDRO PONCHIARDI

BARA IBRAHIM

ABDOUL YODA

A CENTROCAMPO

ALESSANDRO CARMINATI

MATTEO ARIASSI

ANWAR KANIS

LUCA NOLLI

BARA LATTIFU

SECK ABDOU

IN ATTACCO

BAYOUD BADR

GIORGIO GNUTTI

DAKIRI RAYANE

RICCARDO PAGLIA


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli