7 Marzo 2021

Orsa Iseo Under 16: Matteo Marzocchi racconta il club gialloblù, un modello esemplare di organizzazione e passione

Le più lette

Livorno-Alessandria Serie C: Eusepi ancora spietato dal dischetto, esordio crudele per Amelia

Per la seconda volta in pochi giorni il dischetto del rigore sorride all'Alessandria. Anche in casa del Livorno la...

Sanremese – Gozzano Serie D, festival del gol al Comunale: fermata la capolista

A poche ore dall'inizio del Festival della canzone italiana, al Comunale di Sanremo va di scena il festival del...

NibionnOggiono – Tritium Serie D: i lecchesi convincono e si rilanciano per un posto nei playoff

Termina 3-1 l’energica partita disputata tra NibionnOggiono e Tritium. Il match gioca un ruolo cruciale nel cammino delle compagini,...

Matteo Marzocchi allena l’Orsa Iseo Under 16 e quest’anno è partito alla grande con la vittoria interna contro il Capriolo prima della seconda interruzione Covid. Laureato in Scienze Motorie e con licenza Uefa B, Marzocchi è senza dubbio uno dei tecnici più preparati del panorama sebino e, ricoprendo nell’Orsa anche il ruolo di direttore tecnico, in attesa di ritornare sul rettangolo verde non poteva esserci persona più indicata per esporre la situazione del vivaio gialloblù. 

Da quanto allena?
«Ho iniziato ad allenare 12-13 anni fa, all’inizio nell’attività di base a Bornato e nella Polisportiva Franciacorta, poi quando l’intero staff da Erbusco si è spostato a Cortefranca ho continuato lì nell’attività di base».

Nella Soccer School Orsa Cortefranca?
«Esatto, dove ero anche preparatore degli Allievi e dei Giovanissimi dell’Orsa Iseo. In quei due anni ho fatto anche parte dello staff che ha seguito le rappresentative Giovanissimi (annate ‘99 e 2000). Quest’anno, visto la collaborazione tra Orsa Iseo e Cortefranca, sto allenando gli Allievi dell’Orsa e sono il responsabile tecnico dell’attività di base del Corte Franca».

Come le sembra la squadra?
«Per me è il primo anno in questa categoria. Il gruppo lo conosco bene sia perché li allenavo già lo scorso anno sia perché conosco parecchi di loro da molto tempo, sono con noi fin dalla Scuola Calcio. Purtroppo questo e lo scorso anno sono state per ora due annate “monche”».

 La squadra le sembra attrezzata per condurre un buon campionato?
«Sono contento del gruppo che mi ritrovo, non mi piace molto parlare dei singoli».

Il modulo che preferisce invece?
«Principalmente ho giocato col 4-3-3, però mi piace provare ad esprimere un gioco propositivo dove provare a giocare costruendo da dietro». 

Come conduce l’allenamento?
«Mi piace molto utilizzare esercizi situazionali e partite a tema dove i ragazzi vengono obbligati il più possibile a prendere decisioni».

Chi le dà una mano?
«Il mio staff è composto principalmente da un assistente, Matteo Conti, un ragazzo giovane che ha appena preso il patentino Uefa C, e Flavio Rivetti, il preparatore dei portieri. Essendo un gruppo di allenatori molto affiatato spesso collaboriamo insieme durante gli allenamenti».

In che senso condividere gli allenamenti?
«Ci piace molto condividere il campo e per questo è nella nostra filosofia societaria la presenza di mister anche di altre categorie durante gli allenamenti».

Progetti futuri?
«Sarei felice se si potesse riprendere il campionato (almeno in parte). Il mio progetto futuro, e qui parlo più da responsabile tecnico che da allenatore, è sempre stato quello di creare un settore giovanile con formatori che condividessero appieno principi e metodi di lavoro. Man mano che passano gli anni vedo progressi positivi in questa direzione, ma credo che si possa fare sempre meglio. Questo è il mio auspicio».

Si ispira a qualcuno?
«Diciamo che mi piace più parlare di sistema. Adoro tantissimo il calcio inglese, credo che in questo momento abbiano i migliori giocatori e allenatori al mondo, pertanto propongono un gioco fatto di intensità e dominio a cui cerco di ispirarmi, anche se in Italia tifo Juve».

Può raccontarci la partita che ricorda più volentieri e quella che invece rigiocherebbe?
«Le due partite che ricordo più volentieri sono le due finali vinte con la Rappresentativa Provinciale Giovanissimi di Brescia con i ragazzi del ‘99 e del 2000: stadio pieno e bellissime emozioni. Rigiocherei invece sempre una finale per il titolo provinciale, categoria Allievi di qualche anno fa, che dopo un’annata oltre le attese non giocammo al meglio».

ORSA ISEO UNDER 16 – 2020/2021

STAFF
MATTEO MARZOCCHI, ALLENATORE
MATTEO CONTI, COLLABORATORE
MAURO BARBIERI, DIRIGENTE
IVAN BALLERINI, DIRIGENTE

PORTIERI
2005 LORENZO BALLERINI

DIFENSORI
2005 LORENZO DAKOLI
2005 MATTEO RAGNOLI
2005 LUCA SORTENI
2005 FEDERICO ZANOTTI
2006 MATTEO MARINI
2006 ALESSANDRO PEDERCINI

CENTROCAMPISTI
2005 NICOLÒ BARBIERI
2005 GABRIELE BETTONI
2005 DEVID CALCINI
2005 FRANCESCO FERRARI
2005 LUCA MANENTI
2005 PAOLO PASSERI
2006 LUCA PEZZOTTI

ATTACCANTI
2005 ENRICO ROSA
2005 LUCA TRANFA
2005 CRISTIAN VERTUA
2006 ALESSIO DEL BARBA
2006 GABRIELE RAZZOLI
2006 LORENZO ZANOTTI


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli