10 Luglio 2020 - 18:46:00

Erbusco Under 17, Nardelli e un sogno interrotto a metà: «Tutto troppo bello: ci riproveremo l’anno prossimo»

Le più lette

Legnano Serie D, altro tassello per il centrocampo dei lilla: Simone Damo

Marco Di Lernia, Luigi Ronzoni e Simone Damo. Questo sarà il centrocampo del Legnano, o almeno sono i nuovi...

Legnano Serie D, scelto il portiere: dalla Castellanzese ecco Christian Colnaghi

Christian Colnaghi è il nuovo portiere del Legnano. Classe 2000, nell'ultima stagione ha giocato nella Castellanzese ed è un...

Lumezzane Eccellenza, panchina affidata all’ex Brescia Marius Stankevičius

Il primo grande colpo di mercato in casa Lumezzane l'anno prossimo siederà in panchina. I rossoblù hanno infatti annunciato...

Quasi troppo bello per essere vero: sembra essere questo il pensiero di Davide Nardelli, tecnico dell’Erbusco Under 17, che ha dovuto interrompere con i suoi ragazzi un cammino fin qui davvero ricco di soddisfazioni: «Eravamo in vetta davanti a CazzagoBornato e Coccaglio, stava andando tutto fin troppo bene, sembrava un sogno. Anche negli spogliatoi, si respirava un’aria bella, positiva, ma purtroppo invece eccoci qui». Per la squadra di Nardelli, era stato un ruolino di marcia davvero ragguardevole: 12 vittorie ed un pareggio nel girone di ritorno: «Se pensiamo al girone di andata non c’è paragone: nelle prime 4 partite, ad inizio stagione, avevamo segnato 4 gol, nel ritorno 21. Un salto di qualità impressionante». Merito anche del bellissimo rapporto instauratosi tra Nardelli ed i suoi giocatori: «Ci siamo sentiti spesso in questi giorni: abbiamo rivissuto insieme tanti bei momenti di questa stagione. Ci sentiamo per parlare di calcio ma non solo, c’è veramente la voglia di sentirsi anche solo per il piacere di farlo, abbiamo un ottimo rapporto. In tanti hanno detto: se lei rimane anche il prossimo anno, rimango anche io». Sebbene le aspettative su questo gruppo fossero alte, Nardelli non nasconde una certa emozione ripensando al campionato fin qui giocato: «È stato davvero bello, anche per me era passato davvero tanto tempo dall’ultima volta che mi son trovato in vetta alla classifica. Penso che il campionato finirà qui, ma spero che vengano riconosciuti i meriti di questi ragazzi, se lo meritano, mi hanno fatto vivere la mia stagione migliore». Insomma, ci sono tutti i presupposti per continuare insieme anche nella prossima stagione nell’Under 19: «È tanti anni che non alleno la Juniores, sarebbe un bel salto di qualità: si entra nel calcio ‘dei grandi’. Ma con questo gruppo si potrebbe fare bene: io sicuramente darò il massimo».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli