23 Gennaio 2021

Casorezzo, parla il Direttore Tecnico De Chiara: «Pronti a ricominciare, a partire dagli allenamenti»

Le più lette

Città di Varese – Gozzano Serie D: La decide il solito Sylla, Rossi gioca, Soda vince

Un buon gioco, un buon controllo sul ritmo della partita, tante occasioni da gol ed un unico fattore comune:...

Albinoleffe-Lecco Serie C: 0-0 da poche emozioni, si resta nel limbo con nessuna delle due compagini che riesce a sbloccarla

Restare nel limbo o volare verso il paradiso? Questo il dilemma di ispirazione shakespeariana che è stato il leit...

Polisportiva San Donato Terza Categoria, Emanuele Pastorella: «Tanta voglia di tornare a giocare, difficile non affezionarsi a questa società»

Quando si parla di calcio, in qualsiasi ambiente, vengono presi in considerazione soprattutto i giocatori dai contratti dorati, da...

Lo stop fino a gennaio delle competizioni era prevedibile vista la situazione, ma è l’ennesima mazzata per le nostre società.
In casa Casorezzo il malumore è tanto, e nelle parole del Direttore Tecnico Claudio De Chiara si sente tutto il rammarico: «Ce lo potevamo aspettare, ma forse era meglio non cominciare nemmeno, visto che siamo riusciti a svolgere le attività per praticamente un mese solo. Come tutte le altre società ci siamo ritrovati a spendere tantissimi soldi tra igienizzanti, procedure varie, per poi essere nuovamente fermi. Tutti noi capiamo la situazione, ma purtroppo era un qualcosa di immaginabile».

Il Direttore Tecnico De Chiara sottolinea come al campo – durante gli allenamenti e durante le partite – siano sempre stati rispettate e attuate tutte le procedure previste dai protocolli: «Sembra che gli unici untori in questa situazione siano le società sportive in generale – esattamente come avevamo già precedentemente detto noi di Sprint e Sport – quando invece ci siamo sempre attenuti a tutti i protocolli. Se ci fermiamo e pensiamo ad un bambino prima di entrare al centro sportivo veniva misurata la febbre, cosa che non avviene in tutti i luoghi pubblici, anzi. Alla fine i ragazzi erano super sicuri nei centri sportivi, sempre tutelati e controllati».

La voglia di ricominciare da parte della società biancoverde c’è tutta: «Sicuramente se non cambieranno le cose, l’idea è di continuare con gli allenamenti, ovviamente attenendoci alle nuove disposizioni – conclude Claudio De Chiara – Ai ragazzi serve andare avanti, continuare a fare movimento e socializzare fra loro, che è il principio dello sport in generale. Già a scuola non possono fare attività motoria, quindi avere un attimo di svago, soprattutto a quell’età, è necessario».

Intanto, nonostante lo stop, prosegue la partnership con il Pescara Academy: un vero e proprio fiore all’occhiello per il Casorezzo, la prima Academy Pescara in Lombardia e in tutto il nord Italia.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli