24 Novembre 2020 - 16:25:09

Real Vanzaghese Under 14, Romano racconta la sua esperienza alla guida dei 2007

Le più lette

Città di Vigevano Under 19, Boffino e una carriera vissuta nel pavese: «La testa nel calcio fa tanto»

Inizio di stagione sorprendente quello del Città di Vigevano di Boffino, primo nel girone I con 10 punti raccolti...

Rovato Calcio Under 14, l’allenatore Giacomo Pagani: «Voglio essere un esempio per i miei ragazzi»

Fare della propria passione il proprio lavoro non è facile. Eppure l'allenatore degli Under 14 del Rovato Pagani con...

Storie di purti: sogni, caratteristiche e skills dei numeri uno delle giovanili

La ripresa non sembra essere ancora vicina, ma, in edicola questa settimana, si torna a parlare di giovanili e...

Nicola Romano, allenatore dell’Under 14 della Real Vanzaghese Mantegazza, ci ha spiegato la situazione in società dopo la sospensione dei campionati a causa del Covid-19: «E’ stato un duro colpo, anche e soprattutto per i ragazzi, si erano fermati a febbraio e hanno ripreso a settembre, avevano fatto la preparazione ma con la sospensione si ritorna praticamente a zero. E’ un anno difficile, ho visto molti ragazzi non giocare più a calcio perché hanno perso le motivazioni e la voglia di continuare a giocare; una cosa che ci ha colpito molto è il fatto che i campionati siano stati sospesi solo in Lombardia, avrebbero potuto aspettare e quanto meno far continuare gli allenamenti cosi che non si perde la forma fisica. La regione fa la sua valutazione, è una situazione molto delicata, i contagi aumentano e sospendere tutto era la cosa migliore da fare».

Successivamente Romano ci spiega come la società si è organizzata per prevenire i contagi del virus: «Il protocollo veniva rispettato in maniera rigida, come penso in quasi tutte le società che avevano il nostro stesso obiettivo, quello di non avere contagi, infatti da noi non ci sono stati. Veniva misurata la temperatura all’entrata e si sanificava tutto ciò che veniva utilizzato dai ragazzi, siamo stati molto attenti da questo punto di vista. Dal mio punto di vista, se si dovesse ritornare ad allenarsi, la cosa dovrà essere organizzata molto bene, dovremmo dividere il gruppo e farli lavorare tecnicamente e a distanza, cercare di mantenere la distanza fra i ragazzi e cercare di rispettare il protocollo. Stiamo aspettando il 13 novembre per vedere come muoverci, non sono molto ottimista e a parer mio la cosa si prolungherà sicuramente, i contagi stanno aumentando e quindi non vedo una luce infondo al tunnel, è una cosa molto delicata e importante, speriamo rinizi tutto il prima possibile».

Infine l’allenatore conclude l’intervista parlando dei nuovi innesti che sono arrivati prima della sospensione dei campionati: «Pochi giorni prima che si bloccasse di nuovo tutto, abbiamo preso tre nuovi ragazzi, provenienti dalla Poglianese, abbiamo preso un portiere, un difensore centrale e un esterno. Ancora non si sono allenati con il gruppo, siamo una bella rosa e abbiamo tanta voglia di ricominciare».

 

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli