10 Agosto 2020 - 21:38:04

Il saluto del Sempione Half 1919 ad Andrea Ferrara, storico dirigente della società

Le più lette

Juventus Primavera, il Monza si aggiudica l’amichevole estiva

La Juventus Primavera torna in campo per preparare l'ottavo di finale di Youth League contro il Real Madrid del...

Novità dall’ultimo DPCM: Via libera agli allenamenti e competizioni a porte aperte per i dilettanti dall’1 settembre

La comunicazione più attesa alla fine è arrivata, in attesa di capire se tra le righe ci sono delle...

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

«Un legame infinito. Una persona speciale portata via dal maledetto nemico invisibile che porta il nome di COVID-19. Prima sempre presente come dirigente, poi ogni domenica come appassionato tifoso».

Con queste parole la presidentessa del Sempione Half 1919 Faustina Favatà ha annunciato tramite social la prematura scomparsa di Andrea Ferrara, uno dei volti storici della società, venuto a mancare a causa del Coronavirus, per l’appunto. La signora Favatà ha poi parlato con Sprint&Sport, ricordando ciò che il signor Ferrara è stato per tutto il club di via Aldini 77: «Mancherà a tutti. Lui poi era anche mio zio, quindi emotivamente ne sono coinvolta e colpita in maniera più diretta. Per tanti anni è stato un dirigente di panchina. Ha fatto un po’ la nostra storia. Era presente quando eravamo Rodia Half ed ha continuato anche quando siamo diventati Sempione Half. Per ben trent’anni è stata un figura di riferimento per tutti noi. Ovviamente poi, negli anni, ha seguito tantissimi gruppi diversi. Nell’ultimo periodo ha cambiato un po’ veste: era diventato il nostro tifoso numero uno. Il nostro sostenitore più appassionato. Era presente spesso e volentieri anche nel corso della settimana, durante gli allenamenti. In particolare, però, la domenica non mancava mai. Sempre pronto a tifare Sempione con tutti quanti».

La presidentessa ha raccontato poi dei tanti messaggi di affetto e supporto ricevuti in seguito alla scomparsa del signor Ferrara, e ne racconta con piacere uno: «Mi ha scritto un ragazzo, che ha avuto il piacere di giocare con noi quando lui era dirigente. Mi ha detto che quando ricorda il Sempione, istintivamente affianca alla società il suo volto. E questa è una cosa molto bella. La dice lunga su che tipo di persona fosse. Un uomo buono, amorevole, sempre col sorriso sul volto e carico di ironia. Lui ha dato tutto quello che poteva dare a questo mondo. Ed infatti gli è stato riconosciuto dal comune di Milano un premio come dirigente storico, a ragion veduta. Frequentare per così tanti anni l’ambiente del cacio dilettantistico, mettendoci così tanta passione e soprattutto una costante presenza fisica non è da tutti. Lui però ci riusciva sempre. Era un persona speciale».

Riprendendo le ultime parole del post su Facebook si può avere un’ulteriore idea di chi è stato Andrea Ferrara: «Hai lasciato indelebile traccia della tua umanità anche nei tuoi ultimi giorni di vita. Sono sicura che il tuo sguardo seguirà da lassù il nostro cammino, sempre con il tuo inconfondibile sorriso».

Sprint&Sport si unisce al cordoglio della presidentessa Faustina Favatà, della famiglia e di tutto il Sempione Half 1919.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli