Baranzatese, la colomba è dolcissima

esaratto-baranzatese-juniores

La baranzattesa è finita: Dopo due anni a pochi nanometri dal traguardo, la Baranzatese si laurea campione e accede ai regionali. I gialloblù si scrollano di dosso la fama di eterna seconda, dopo un campionato in pugno, tranne per qualche brivido finale. Il cellulare di Antonio Ortelli ritorna raggiungibile dopo i problemini dovuti al mega gavettone di sabato e commenta così: «Finalmente ci siamo scrollati di dosso la paura delle ultime giornate. Anche quando eravamo in vantaggio, la squadra giocava come se si stesse ancora sullo 0-0». Ora testa alle finali. Altra nota lieta, i dieci minuti di gara di Doglio che potrebbe essere recuperato già per l’andata. Chi non ce la farà purtroppo è Davide Doglio. Al suo posto giocherà una vecchia conoscenza della bombonera della Baranzatese: Matteo Pappacena.

Solese, 2 centri su 2: Due settimane fa Filippo Spitoni aveva fissato l’asticella finale a 40 punti. Tradotto, vincere le ultime cinque. Pratica archiviata a Cusano, idem, quasi a sorpresa, col Niguarda, messo ora nei radar gialloverdi. Ma riuscirà la squadra di Cascina del Sole ad aggiudicarsi anche il derby de facto con l’Osal? Le squadre sono separate da un tiro di schioppo. Spitoni ci crede. E non ha ancora digerito l’andata…

Mottese, l’ammazzagrandi: Sette. Sono sette i risultati utili consecutivi della banda di Massimiliano Volontè: chi l’avrebbe mai detto visto il calendario di ferro dei Visconti? Basiglio, Casorate e Concordia hanno dovuto fare i conti con lo stato di forma della Mottese. «Nell’ultimo periodo abbiamo recuperato l’organico al completo e finalmente possiamo esprimere appieno il nostro potenziale» commenta l’allenatore. E settimana prossima è la volta della Frog…

Manno è tornato! L’anno scorso, sempre nella brezza primaverile la Macallesi duellava con la Football Sesto per il titolo del girone. Nello scontro decisivo, per la Macca piovve sul bagnato: sconfitta secca per 3-0 e, cosa ancor più grave, l’infortunio a Manno, il portiere. Sabato, con la Football non c’era più nulla in palio, ma per Manno la partita aveva un valore speciale: a un anno dall’infortunio, tornava in campo, e proprio contro la squadra con cui tutto si era interrotto. Alla fine per i gialloblù è stato 2-2, un trionfo per il numero 1 e per tutta la squadra. Quest’anno la Macca non ha lo stesso piazzamento dell’anno scorso. La compagine di viale Ungheria è al quinto risultato utile consecutivo e Paolo Monico giubila: «Finalmente ci riprendiamo qualcosa di quanto ci spetta. Il penultimo posto non lo meritavamo proprio».

Villapizzone, prove per il 2018: Contro la Verce Vincenzo Mele ha schierato una formazione composta esclusivamente da ’99 o Allievi. L’intento è chiaramente quello di amalgamare la squadra in vista della prossima stagione. L’obiettivo immediato invece è di agguantare il secondo posto, ora nelle mani del Muggiano. Frattanto Falsettini tira fuori i calici e mette in fresco lo champagne. Dopo Pasqua, contro il Baggio, per la Triestina potrebbe essere il momento del brindisi. Nell’eventuale semifinale li attenderà proprio la Baranzatese, già sfidata in amichevole a dicembre.

Cornaredese, incanto spezzato: Avevano completato il percorso della maratona, erano entrati nel rettilineo finale, ma l’avventura dei ragazzi della Cornaredese finisce qui. Fatali le tre espulsioni di sabato contro il Muggiano. Ora la squadra autogestita, costretta a giocare ogni gara in 9-10 uomini, non ha più i numeri per continuare. Aldilà della classifica e delle reti subite, resta un unicum di tenacia e passione, probabilmente senza precedenti nell’epos provinciale

Baranzatese ma non solo! Clicca qui per leggere altri approfondimenti sulla categoria da parte del nostro esperto Bruno Contini