27 Settembre 2020 - 03:31:56
sprint-logo

#stiamoincontatto, il terzo appuntamento della Delegazione di Milano: Donato Foresta gela le società

Le più lette

Pro Eureka – Volpiano Under 19: Actis Grande è un mago, Moriello un leader

In un silenzio irreale, la Pro lancia un grido convincente. Il 3 a 1 sul Volpiano vale come oro...

Villarbasse – Nichelino Hesperia Coppa Promozione: la risolve Corraro

Sì, certo, il passaggio del turno di Coppa  è una bella soddisfazione, ma crediamo che il tecnico Lucibello sia particolarmente...

Valle Olona-Gorla Maggiore Promozione: De Rosa, Geron e Surace trascinatori sul finale

Dopo un primo tempo a reti bianche, il Valle Olona di Compagnoni e Amato travolge in casa il Gorla...

Nel tardo pomeriggio di venerdì 17 aprile, è andato in scena l’ennesimo appuntamento di #stiamoincontatto, questa volta per la Delegazione di Milano. Il tema, come si poteva immaginare, è stato di carattere fiscale e, nello specifico, delle differenze tra A.S.D e S.S.D. in questa singolare situazione. Oltre 120 dirigenti, Presidenti, allenatori e Direttori Sportivi appartenenti a squadre del capoluogo Lombardo e del suo hinterland. Come vuole la prassi, il delegato di Milano, Luigi Dubini, ha svolto il ruolo di relatore dell’incontro e ha aperto le danze con una specificazione importante: «Il Comunicato arrivato da Roma ieri (giovedì 16 aprile, ndr) parla di campionati sospesi solo per quanto riguarda le categorie giovanili professionistiche, mentre, per quelle dilettantistiche, la sospensione riguarda solo le fasi finali, ma con ogni probabilità, in futuro, verrà adottata la stessa linea dei campionati giovanili Nazionali».

Successivamente la parola è passata all’ospite d’eccezione della serata, il dottor Donato Foresta, Commercialista e docente dell’area fiscale della Scuola Regionale Coni Lombardia, che ha dispensato consigli utili a tutti gli ascoltatori per quanto riguarda il tema delle liquidità. Per quanto riguarda i finanziamenti che le società vorrebbero, Foresta parla così: «Purtroppo c’è grande mancanza di liquidità dovuta alla mancanza di attività e, contemporaneamente, ai costi che non si sono interrotti. Il bisogno primario di questi fondi, però, deve essere chiaro che sarà per il momento della ripartenza, ma il problema è che non si sa quando avverrà e con quali regole per le società». Ma chi è che può dare liquidità alle società? «Per le A.S.D. solo l’Istituto del Credito Sportivo, per quanto riguarda le S.S.D., invece, anche le banche fino a un massimo di 25.000 euro o fino al 25% del fatturato del 2019. Il grosso problema dell’Istituto del Credito Sportivo è che può erogare un massimo di 100 milioni di euro su tutto il territorio nazionale, capite che sono briciole» prosegue Foresta, ma avverte di stare molto attenti, anche se questi finanziamenti servono per davvero: «Per aiutare a chiedere il prestito non vengono chieste garanzie, ma i soldi saranno sicuramente da restituire con modalità ancora non definite. Il problema, quindi, è che manca una vera norma che tuteli chi vuole indebitarsi per ripartite. Il mio consiglio è quello di capire bene le norme prima di assaltare la diligenza per ottenere un finanziamento che, in ogni caso, serve».

Il secondo punto toccato dal dottor Donato Foresta è quello della sospensione dei versamenti dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici: «Ci tengo a sottolineare che sospensione non significa annullamento. Secondo le norme attualmente vigenti, i canoni dovranno essere versati in un’unica soluzione senza sanzioni ed interessi o mediante rateizzazione, in massimo 5 rate, entro il 30 giugno 2020, fatta eccezione per le società della città metropolitana di Milano, le quali avranno la possibilità di proroga del pagamento fino a settembre».

#RestiamoInContatto, Donato Fontana
Una slide creata dal dottor Foresta che tratta il problema dei canoni concessori

Il terzo e ultimo punto riguarda i rimborsi a tesserati e associati, Foresta specifica: «Le quote associative non sono rimborsabili secondo gli articoli 24 e 37 del Codice Civile. Di conseguenza, le A.S.D. sono più tutelate, ma il problema è che le stesse A.S.D. hanno meno soci e più tesserati; per questi ultimi il rimborso è possibile, ma il consiglio che vi do è di verificare caso per caso, anche in funzione dei regolamenti interni. Quello che propongo è la creazione di buoni spendibili per i consumatori (tesserati), sgravando alle società il rimborso a tesserati e associati».

#RestiamoInContatto, Donato Fontana
Slide del dottor Foresta che tratta le normative sui rimborsi ad associati e tesserati da parte delle società

La riunione si è conclusa con il risultato del sondaggio svolto all’inizio che ha stabilito che, settimana prossima, l’argomento trattato saranno esclusivamente i tesseramenti.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli