25 Gennaio 2021

Real Trezzano – Centro Schiaffino Under 14: Nessuna sorpresa, passa lo Schiaffino!

Le più lette

Pro Club eSerieD, un mese di novità: Varese nella scia della Virtus Ciserano Bergamo; Vis Nova e Desenzano Calvina le new entry

Se quattro settimane fa ci siamo lasciati con la Virtus Ciserano Bergamo protagonista indiscussa tra Piemonte e Lombardia, il...

Pergolettese-Lucchese Serie C: la Pergolettese ci prova, ma Petrovic e Bianchi si prendono la gara

Finisce 0-2 per la Lucchese, che riesce a portare a casa tre punti molto preziosi in ottica classifica. Nel...

Casale Under 14: Davide Di Donato, la ripresa per vedere di nuovo i ragazzi sul campo

Con il quinto posto in classifica nel Girone E e con sei punti guadagnati su nove possibili, il Casale...

Dopo il 4-1 dell’andata, il Centro Schiaffino liquida con un rotondo 0-3, sul suo campo, il Real Trezzano e si aggiudica un posto nei regionali. Basta sentire le urla che arrivano dagli spalti per capire che questa partita ha un peso specifico diverso dal solito. I primi minuti vedono un forte push da parte dei padroni di casa, che devono cercare di portarsi in vantaggio il prima possibile per avere qualche possibilità di ribaltare il passivo accumulato nella gara di andata. Nei primi venti minuti, questo assalto porta il Real Trezzano a creare delle potenziali occasioni, soprattutto su calcio piazzato, che però o vengono facilmente neutralizzate da Maira o finiscono in un nulla di fatto. Ovviamente la forte predisposizione offensiva comporta anche dei rischi in fase difensiva, ma lo Schiaffino non riesce a punire a dovere gli spazi lasciati liberi dagli avversaria sia per un po’ di egoismo negli ultimi metri sia per un po’ di imprecisione. A sbloccare il match ci pensa un calcio piazzato combinato con un errore del portiere. Al ventisettesimo minuto, Lionetti batte una punizione vicino alla panchina ospite, quindi da notevole distanza, e trova la testa della sua punta, Zimelli, che grazie a una presa poco sicura di Simonazzi vede il pallone varcare la linea di porta e aggiornare il suo numero di realizzazioni stagionali. Il gol subito pesa come un macigno per i padroni di casa che subiscono mentalmente e abbassano il proprio baricentro. Passano solo tre minuti e Lionetti chiude il discorso qualificazione. Punizione dalla stessa posizione del primo gol, solo che questa volta cerca la porta e la trova realizzando un gol da cineteca. Dopo il doveroso thè caldo, visto il grande freddo in quel di Trezzano e in tutta Milano, a scaldare gli animi ci pensa ancora Lionetti. Il numero dieci ospite rientra bene sul suo sinistro e a giro cerca il secondo palo, ma lo cerca talmente bene che lo colpisce. Il Trezzano fatica a mettere la testa fuori dalla propria metà campo, il doppio passivo e la qualificazione ormai chiusa sono uno scoglio troppo grande per la testa di Rizzini. Grazie agli spazi lasciati lo Schiaffino riesce a fraseggiare con facilità e ad arrivare negli ultimi metri di campo con continuità, ma soprattutto a rendere sterile ogni tentativo di far male degli avversari. A quindici minuti dal termine Bosco mette una pietra tombale sul match. Dai venticinque metri con un grande diagonale sinistro gonfia la rete e fa partire la festa sugli spalti e la girandola di cambi. Al termine della gara Cesaro rivela «Grazie alla nostra mentalità siamo riusciti a gestire bene queste due partite importanti. Oggi siamo partiti un po’ troppo contratti, nonostante il risultato dell’andata che ci avrebbe dovuto far scendere in campo più tranquilli. I due gol su palla inattiva ci hanno facilitato le cose. I nostri punti fermi sono: la parte tecnica, l’ottimo gruppo e le qualità individuali. Dobbiamo migliorare tutto, perché si va ai regionali e anche i minimi dettagli possono fare la differenza. A livello regionale potremmo pagare fisicamente, ma tecnicamente possiamo giocarcela con tutti. È sempre calcio, se muovi la palla in modo corretto, fai la differenza sugli altri.» Rizzini commenta la doppia sfida «Il mio rimpianto è di non aver sfruttato le occasioni create e aver subito gol su infortuni. Per il resto nessun rimpianto, abbiamo giocato la partita e i ragazzi sono stati splendidi. Abbiamo dato tutto, ma gli episodi ci hanno scoraggiato. Sono orgoglioso della mia squadra. Nei centoottanta minuti ho visto dei singoli e un’organizzazione di squadra superiore rispetto alla nostra da parte degli avversari. La nostra squadra è nuova, all’interno di una società nuova, che è rinata da due anni. Siamo partiti da zero e abbiamo raggiunto un grande risultato con i playoff, i ragazzi stanno acquisendo mentalità che ci permetterà di fare un grande girone di ritorno.»

Il migliore in campo è Zimelli grazie al gol e al gran lavoro per far salire i suoi.
Il migliore in campo è Zimelli grazie al gol e al gran lavoro per far salire i suoi.

IL TABELLINO DI REAL TREZZANO-CENTRO SCHIAFFINO UNDER 14

REAL TREZZANO-SCHIAFFINO 0-3
RETI: 27’ Zimelli (S), 30’ Lionetti (S), 19’ st Bosco (S).
REAL TREZZANO (4-2-3-1): Simonazzi 5, Gioe 5.5, Granziero 5.5 (18’ st Bondici 6), Di Marco 5.5 (28’ st Predari sv), Piccolo 6, Gilardoni 6 (26’ st Dieng Iba sv), Sollo 5.5 (31’ st D’orsi sv), Quaceci 5 (15’ st Dieng Mustafa 5.5), Personeni 5 (12’ st Rizzini 6), Pignataro 5, Fiorini 6 (23’ st Ianni sv). A disp. Omati, Sabir. All. Rizzini – Simonazzi 6. Dir. Piccolo – Roccia.
SCHIAFFINO (4-3-3): Maira 6, Anelli 6, Castello 6, Papandrea 6.5 (21’ st Seghezzi 6), Derivi 6.5, Miliziano 6.5, Marando 6 (29’ st Beretta sv), Bosco 7, Zimelli 7.5 (20’ st Lotti 6), Lionetti 7 (22’ st Fontana sv), Dugo 6.5 (26’ st Rapuano sv). A disp. Bosisio, Minniti, Guadagno, Terreran. All. Cesaro 7. Dir. Guadagno – Bassanello.
AMMONITI: Dieng Mustafa (R).
ARBITRO: Elnahif di Abbiategrasso 7. Gestisce bene una partita molto combattuta e piena di contrasti senza mai alzare i toni e senza mai rischiare di perderla di mano.

Elnahif gestisce molto bene il match.
Elnahif gestisce molto bene il match.

LE PAGELLE

REAL TREZZANO:
All. Rizzini-Simonazzi 6 La loro squadra entra bene, ma gli errori individuali e le qualità balistiche avversarie non gli danno scampo.
Simonazzi 5 Il portiere non può sbagliare, si sa. Purtroppo per lui spiana la strada agli avversari con l’errore sul primo gol.
Gioe 5.5 Soffre terribilmente Lionetti nel primo tempo, poi il suo avversario cambia fascia a torna a respirare.
Granziero 5.5 Le continue sovrapposizioni lo mandano in apnea, non tutta colpa sua ma anche del poco filtro. (18’ st Bondici 6)
Di Marco 5.5 Fatica nella gestione del pallone e non riesce mai a fare legna.(28’ st Predari sv)
Piccolo 6 Contiene Zimelli, anche se passivamente dandogli l’appoggio, come l’altro centrale non ha colpe.
Gilardoni 6 La grande quantità di avversari che arriva viene ben gestita in molte situazioni.(26’ st Dieng Iba sv)
Sollo 5.5 Prova qualche sortita offensiva, ma abbassa la testa e si incaponisce rovinandola.(31’ st D’orsi sv)
Quaceci 5 Soffre il palleggio avversario e anche il pressing che su di lui viene portato. (15’ st Dieng Mustafa 5.5)
Personeni 5 Troppo isolato, si ritrova spesso in inferiorità e costretto a vedersi scippare il pallone. (12’ st Rizzini 6)
Pignataro 5 Non riesce mai a trovare la posizione utile per far male.
Fiorini 6 L’unico che sembra veramente poter ferire la difesa avversaria con fisico e tecnica. (23’ st Ianni sv)

I ragazzi di mister Rizzini.
I ragazzi di mister Rizzini.

SCHIAFFINO:
All. Cesaro 7 Contiene il push avversario e poi grazie a organizzazione e qualità dei singoli chiude il discorso qualificazione in un tempo.
Maira 6 I suoi guantoni finiscono il match puliti.
Anelli 6 Contiene bene Fiorini nei minuti iniziali, corre bene sulla fascia a crea superiorità.
Castello 6 Non azzarda mai la giocata, è sempre pulito e ordinato.
Papandrea 6.5 Perno del centrocampo, gestisce bene i palloni che passano dalle sue parti. (21’ st Seghezzi 6)
Derivi 6.5 Attento nell’anticipo e quasi sempre nella giusta posizione per bloccare le sortite offensive.
Miliziano 6.5 Lavora bene con il suo compagno di reparto e su azione non lasciano una singola possibilità agli avversari.
Marando 6 Fa il tipico lavoro sporco che in ogni squadra serve, non brilla ma è indispensabile in ambo le fasi. (29’ st Beretta sv)
Bosco 7 Qualità e quantità al servizio della squadra, presenza costante in ogni azione. Il suo diagonale che chiude il match è da vedere e rivedere.
Zimelli 7.5 Difende il pallone come una punta navigata, sblocca il match ed esce tra gli applausi del pubblico. Uomo dei playoff. (20’ st Lotti 6)
Lionetti 7 Dribbling, velocità, qualità tecniche notevoli e un pizzico di egoismo. Con un missile terra area chiude il discorso qualificazione. (22’ st Fontana sv)
Dugo 6.5 Aiuta molto in fase difensiva e riesce a creare spesso la superiorità grazie alla velocità delle sue gambe.  (26’ st Rapuano sv)

I ragazzi di mister Cesaro.
I ragazzi di mister Cesaro.

LE PAROLE DI MISTER RIZZINI (REAL TREZZANO)
LE PAROLE DI MISTER CESARO (CENTRO SCHIAFFINO)

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli