20 Ottobre 2020 - 22:29:09
sprint-logo

Viscontini Under 15: Nicolò Montrasi, la Pulce che si ispira a Messi e Lautaro Martinez

Le più lette

Cit Turin – Lascaris Under 15: Ci pensa Cassiani, la squadra di Gherlone la pareggia all’ultimo

Un tenace Cit Turin strappa un importante pareggio contro un Lascaris non brillante. Partita strepitosa quella tra i ragazzi...

Sibilia: «Grave fermare attività di base e giovani. Dilettanti regionali salvi ma…». Nelle prossime ore il confronto che non c’è stato

“Dalle informazioni parziali che abbiamo il nuovo DPCM avrebbe confermato i nostri timori - ha dichiarato il presidente della...

Eccellenza Lombardia, Accademia Pavese, Varesina e Carpenedolo a punteggio pieno fra molti rinvii

Turno infrasettimanale falcidiato da molti rinvii, ma che comunque ha offerto spunti interessanti e anche qualche risultato a sorpresa....

«Io sono interista, e mi piace molto Lautaro Martinez, per il suo modo di giocare. Ma penso sia scontato dire che il giocatore a cui mi ispiro maggiormente è Lionel Messi». Sono le parole di Nicolò Montrasi, stella della Viscontini Under 15 nel girone A del campionato provinciale di Milano. O forse sarebbe meglio dire “stellina”: come spesso precisato dal suo allenatore, Sergio Fortini, il ragazzo è di bassa statura, ma questo fattore è diventato un po’ il suo marchio di fabbrica, insieme alla sua velocità e all’abilità con il pallone. A testimonianza di ciò, i 37 gol fatti in 19 giornate durante l’attuale stagione. Un bottino non indifferente.

Montrasi Viscontini Under 15 Milano
Nicolò Montrasi con i colori della Viscontini

L’anno scorso Montrasi giocava sempre con i gialloblù, ricoprendo sempre il ruolo di punta centrale: «Ho iniziato a giocare in oratorio. L’anno scorso ero sempre qui in Viscontini. Gioco in attacco, punta centrale. Posso adattarmi anche da seconda punta, ma il centro del reparto è il mio ruolo preferito». Nicolò ha poi anche spiegato che tipo di calcio gli piace giocare, in modo da anche divertirsi in mezzo al campo: «A me piace giocare il pallone, averlo tra i piedi piuttosto che essere soltanto il finalizzatore. Durante la partita mi abbasso, mi allargo, cerco di andare in contro al pallone per far partire l’azione. Mi piace molto poter lanciare i miei compagni, in modo tale da poterli mandare in gol. In quei momenti più che una punta divento un trequartista, agendo da collante tra centrocampo e attacco». Uno stile di gioco che ricorda molto quello che in Spagna, visto che il suo idolo è proprio la Pulga del Barcellona con il numero 10 sulla schiena, viene definito falso nueve: spaziare, prendere palla e far parlare i piedi e la fantasia. 

Questo modo di giocare ha certamente ripagato il ragazzo visto che, prima dell’annullamento del Torneo delle Province 2020, era stato convocato da Alessandro Ruggiero per la Rappresentativa Giovanissimi della delegazione meneghina: «Per me è stata un’emozione indescrivibile. Penso che sia un po’ il premio per l’impegno che uno mette in campo. Quando ti chiamano per la Rappresentativa vuol dire che c’è qualcuno che ha riconosciuto la tua bravura. Poi allenarsi con tanti altri ragazzi altrettanto bravi è una bella cosa. Si alza il livello generale. Alla prima partita sono riuscito anche a segnare, quindi l’esordio con gol è ancora più emozionante». L’esordio di Montrasi, a titolo informativo, è avvenuto durante l’amichevole della Rapp con la Franco Scarioni: il talento della Viscontini entra all’inizio del secondo tempo e si rende protagonista di una prestazione incredibile, mettendo a segno una tripletta e lasciando tutti i presenti a bocca aperta.

Infine, Nicolò ha avuto modo anche di commentare questo lunghissimo stop che ha, de facto, fermato il calcio in tutto il mondo: «È sicuramente dura. Io comunque mi sono allenato, palleggio col pallone, faccio un po’ di corsa come posso. Ma il calcio e, soprattutto, il campo mi mancano moltissimo. Con i miei compagni di squadra ci sentiamo di continuo. Siamo un bel gruppo unito e, paradossalmente, da questa situazione ne usciamo rafforzati».

E come già detto, in chiusura d’intervista, ha ammesso di ispirarsi al sei volte pallone d’oro Lionel Messi. Si tratta chiaramente di due mondi tra i quali c’è un abisso ma, per il momento, questa Pulce gialloblù ha deliziato un po’ tutti nel campionato Giovanissimi di Milano.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli