21 Aprile 2021

Rozzano – Club Milano Under 16: rissa sfiorata in tribuna, gara che si chiude in parità, che regalo all’Accademia

Migliore in campo? L'arbitro Onnembo di Milano, al 30' del primo tempo ferma la gara per due minuti per un diverbio in tribuna. Tutti si calmano, la gara prosegue

Le più lette

Chievo-Monza Primavera 2: Calabrò fa volare i brianzoli ma Munaretti li riporta a terra nel finale

Chievo e Monza danno vita a una partita molto gradevole e al termine dei novanta minuti di gioco si...

BM Sporting Promozione, parla il tecnico Riccardo Mirengo: «La realtà è solida, voglio ricominciare il prima possibile»

In questi mesi di forzata sospensione, l’arrivo a dicembre del tecnico Riccardo Mirengo sulla panchina del BM Sporting ha...

Intervista a Caterina Bargi: i sacrifici che portano all’estasi, Empoli e il cuore tra i caruggi

Caterina Bargi è tornata, Caterina Bargi non è mai andata via dal campo. La bomber genovese ha recentemente riassaporato...

Un antico detto popolare recita “tra i due litiganti il terzo gode” e oggi più che mai rispecchia la realtà dei fatti. Oltre al fango, il vincitore di giornata a Rozzano è l’Accademia San Donatese, che può godersi la contemporanea frenata delle sue due dirette concorrenti. Da subito si capisce che sarà una partita molto dura e combattuta a metà campo, sia per i valori simili presenti nelle fila delle due compagini presenti in campo sia per le condizioni del terreno di gioco, che permettevano più facilmente di scivolare come un tennista sulla terra rossa che di giocare a calcio. Le occasioni, com’è ovvio che sia, non fioccano e nella prima metà di gioco se ne presenta solo una: sugli sviluppi di un corner, in favore del Rozzano, Rapuzzi manca l’impatto con il pallone per pochi centimetri e la sfera arriva sui piedi di Rimi, che non c’entra lo specchio della porta nonostante la posizione più che favorevole. Al trentesimo minuto Onnembo si trova costretto a sospendere il match per due minuti, poiché sugli spalti gli animi si erano surriscaldi e si era andati vicini a una rissa. Il comportamento dell’arbitro si è mostrato altamente coraggioso e professionale, invitando i genitori a calmarsi, se non autonomamente con la chiamata delle forze dell’ordine e pronunciando questa frase «Ma siete genitori o cosa!?». Alla ripresa del gioco i ragazzi, con grande maturità, si sono comportati notevolmente in maniera più tranquilla evitando qualche parola di troppo nei confronti degli avversari, cosa avvenuta in precedenza, e stringendosi qualche mano in più in segno di rispetto. La grande occasione del primo tempo avviene nei minuti di recupero. Pentassuglia, imbucato da Azara, si ritrova completamente da solo davanti a Marchesotti, che però riesce a leggere la situazione in anticipo chiudendo lo specchio e parando la conclusione. Il secondo tempo, complice la crescente stanchezza e pesantezza delle gambe, diventa sempre di più una battaglia fatta di contrasti e letture sbagliate delle traiettorie del pallone. Nel finale a provarci di più sono gli ospiti che per ben quattro volte, due nella stessa azione, vanno vicini al gol negli ultimi sette minuti a cavallo del recupero. Al trentasettesimo Sandri ha la possibilità con un tiro dal limite di coronare la sua grande prestazione, ma il pallone finisce di poco a lato. Al secondo minuto di recupero, quarantaduesimo, Evangelisti sempre dal limite dell’area viene fermato da Ronchetti con un intervento importante. All’ultimo secondo, nel quarto minuto di recupero, Abaterusso, imbucato da Aprile, calcia per due volte tutto solo e ambo le conclusioni vengono neutralizzate da un super Ronchetti. Nel post partita Crippa commenta «Un po’ di concretezza in più sotto porta nel primo tempo avrebbe cambiato le cose. Loro nel secondo tempo hanno avuto più occasioni, quindi penso che il pareggio sia giusto. Barone e Accademia San Donatese sono le favorite, noi facciamo il nostro cammino e poi faremo i conti. Il nostro obiettivo è quello di fare il meglio possibile e rimanere attaccati alle prime, anche se per noi giocare in casa in questi mesi sarà difficile.» Musco rivela «Voglio fare i complimenti ai miei ragazzi che hanno sempre provato a giocare nonostante il campo al limite della praticabilità. Dobbiamo migliorare sulle conclusioni e sull’ultimo passaggio. Non c’è alcun rammarico, quello appartiene alla partita con l’Opera. Il Rozzano è una signora squadra, che ci ha messo in difficoltà con qualche contropiede. L’obiettivo è vincere il girone, come dall’inizio dell’anno e faremo di tutto per ottenerle.»

Ronchetti è eletto MVP grazie al doppio salvataggio nel finale
Ronchetti è eletto MVP grazie al doppio salvataggio nel finale

IL TABELLINO DI ROZZANO CLUB MILANO UNDER 16

ROZZANO-CLUB MILANO 0-0
ROZZANO (4-3-3): Ronchetti 7.5, Simbari 6, Bytyqi 6, Luciano 6.5, Rapucci 6.5, Rimi 6.5, Pentassuglia 6, Carella 6.5, Azara 5.5 (23’ st Icaza 6), Ostinato 5.5, Rona 5.5. A disp. Rona, Oddo, Floreani, D’angella, Sarra, Russo, Chebotar, Lucarelli, Gentile. All. Crippa 6. Dir. Ronchetti-Sarra.
CLUB MILANO: Marchesotti 7, Zucali Mattia 6, Rotta 6 (26’ st Ferri sv), Evangilisti 6.5, El Ghazaly 6.5, Sandri 7, Zucali Davide 6.5, Jankulosky 6, Iacopino 5.5 (42’ st Li Greci sv), Calaev 5.5(15’ st Aprile 6), Abaterusso 5.5. A disp. Lodi, Martinenghi, Rizzo, Montinari. All. Musco 6. Dir. Montinari-Li Greci.
ARBITRO (4-3-3): Onnembo di Milano 8 Sospende la partita e a muso duro affronta gli animi accesi sugli spalti. Anche in campo placa sul nascere le prime scintille e permette uno svolgimento di partita sereno.
AMMONITI: Bytyqi (R), Calaev (C), El Ghazaly (C), Evangelisti (C), Jankuloski (C).

LE PAGELLE

ROZZANO
All. Crippa 6 La sua squadra lotta e si sporca ma non va oltre il pari. Se i punti sono stati guadagnati o persi è difficile da valutare.
Ronchetti 7.5 La sua doppia parata nel finale su Abaterusso è fondamentale per il risultato e forse per il campionato.
Simbari 6 Il suo cliente è tutt’altro che comodo, ma riesce sempre ad uscire pulito dagli attacchi subiti.
Bytyqi 6 Fatica incredibilmente a distendersi ma si fa trovare sempre pronto e rimanendo bloccato ferma sul nascere molte potenziali occasioni.
Luciano 6.5 Ci prova per tutto il tempo, sempre il primo a portare il pressing alto, tantissimi contrasti vinti.
Rapucci 6.5 Si sporca e suda per tenere botta negli scontri fisici, a volte è troppo frettoloso nella prima giocata.
Rimi 6.5 Con il suo compagno di reparto lasciano pochissime occasioni agli attaccanti avversari.
Pentassuglia 6 Gioca una buona partita, fatta di strappi interessanti. Pesa tantissimo l’occasione sprecata a fine primo tempo.
Carella 6.5 Come per tutti i centrocampisti ha dovuto sporcarsi e spesso finire per terra pur di non lasciar passare nessuno.
Azara 5.5 A parte il passaggio per Pentassuglia poco più. In queste condizioni, con la squadra così lunga a rimetterci per prime son sempre le punte centrali.(23’ st Icaza 6)
Ostinato 5.5 Non si tira indietro dal gioco maschio ma le sue qualità tecniche si perdono nel fango.
Rona 5.5 Impreciso in molte giocate e un po’ pigro in fase di copertura.

L'undici titolare di Crippa
L’undici titolare di Crippa

CLUB MILANO
All. Musco 6 Non è possibile valutare la preparazione della squadra in partite così condizionate, ma rimane la classifica e il pareggio su un campo difficile.
Marchesotti 7 In chiusura di primo tempo mura Pentassuglia e salva il risultato.
Zucali Mattia 6 Spinge con continuità finché il fiato lo permette, poi copre con precisione.
Rotta 6 Rimane spesso bloccato sia per timore verso gli esterni offensivi sia per la difficoltà del campo.(26’ st Ferri sv)
Evangilisti 6.5 Continua a lottare, a lanciarsi e a contrastare qualunque avversario per rallentarne o fermarne l’avanzata.
El Ghazaly 6.5 Nonostante le condizioni del campo si mostra sicuro con i piedi e anche nelle letture difensive è sopra la media.
Sandri 7 Si rende protagonista di recuperi fondamentali per salvare la sua porta.
Zucali Davide 6.5 Cambia fascia, si accentra ma il risultato è sempre lo stesso, trascinatore con una notevole esplosività.
Jankulosky 6 Da applausi il suo ruolo per sedare i contrasti sugli spalti. Sul campo mette tanta grinta ma tecnicamente sbaglia qualcosa.
Iacopino 5.5 Giornata difficile per le punte, pochi palloni giocabili e tanta lotta in inferiorità numerica, con esito facilmente pronosticabile. (42’ st Li Greci sv)
Calaev 5.5 Soffre tantissimo il campo finendo per trovarsi spesso in ritardo nella manovra. (15’ st Aprile 6)
Abaterusso 5.5 Ha la grande possibilità di cambiare le sorti del match all’ultimo secondo, ma spreca due volte.

L'undici titolare di Musco
L’undici titolare di Musco

LE PAROLE DI CRIPPA (ROZZANO)

LE PAROLE DI MUSCO (CLUB MILANO)


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0