12 Agosto 2020 - 12:34:43

Furto negli spogliatoi durante la gara, ma l’arbitro fa continuare. Esposto della società

Le più lette

#stiamoincontatto Brescia: ripartono campionato e BresciaOggi. Pasquali: «Fiducioso sui protocolli»

Condotta e moderata dal delegato Alberto Pasquali, martedì 4 agosto alle ore 20 sulla piattaforma Cisco Webex si è...

Superoscar, ecco il calendario. Una formula snella che non toglierà nulla al fascino della manifestazione

Dopo il passaggio di consegne fatto da Roberto Gagna e Pier Giorgio Frassinelli (ne abbiamo parlato in questo articolo)...

Sui format il Comitato Regionale Lombardia ha preso la strada giusta. Anche se in ritardo

È servito tempo, tanto tempo, ma alla fine il Comitato Regionale Lombardia ha preso la decisione giusta riguardo i...

Episodio decisamente spiacevole quello accaduto sabato scorso a Cormano durante la partita Cob 91-Pro Novate, valida per il girone B del campionato provinciale Under 19. Stando alle ricostruzioni dei presenti un giocatore dei padroni di casa, dopo essere uscito dal campo a causa di un’espulsione, abbandonando il campo si sarebbe accorto che dei ladri erano penetrati negli spogliatoi della sua squadra e in quello del direttore di gara, portando via tutti gli effetti personali che si trovavano all’interno. La notizia si sarebbe poi diffusa a bordocampo e sul terreno di gioco, provocando una comprensibile agitazione: la partita tuttavia è continuata regolarmente fino alla fine, senza che il direttore di gara optasse per una sospensione; soltanto a titolo di cronaca, con la rimonta e la vittoria degli ospiti. Molto scosso il tecnico della Cob 91 Gianfranco Somenzi: «Non riesco ancora a crederci. Si tratta di un fatto molto grave, e personalmente non riesco a capire come mai la gara non sia stata sospesa nel momento in cui il furto è stato scoperto. I miei giocatori hanno perso letteralmente la concentrazione, giocando una partita che ormai per tutti era passata in secondo piano». Come se non bastasse, sempre stando alle testimonianze, i malviventi avrebbero anche rubato l’auto di un giocatore della Cob 91 (ritrovata qualche ora più tardi dalle forze dell’ordine, purtroppo senza il resto della refurtiva) e avrebbero anche provato a portare via la macchina del direttore di gara, non riuscendo nell’intento perché le chiavi, avendo la batteria scarica, non gli avrebbero consentito di individuare il mezzo fra quelli parcheggiati.

Presumibile che stessa sorte sarebbe toccata anche alla squadra ospite, ma le ricostruzioni delle parti convengono sull’ipotesi che, fortunatamente per i novatesi, la presenza di un giocatore della Pro Novate già precedentemente rientrato negli spogliatoi, abbia fatto desistere i ladri una volta appurato che lo spogliatoio non era vuoto come quello di casa. «L’automobile del nostro giocatore è stata ritrovata grazie al localizzatore di un cellulare. Credo quindi che queste persone sapessero dove andare a colpire e non è escluso che ci osservassero per individuare il momento migliore in cui commettere l’effrazione. Alla luce di tutto questo prenderemo sicuramente delle precauzioni a livello di sicurezza per il prossimo futuro. Successivamente abbiamo fatto un esposto in Delegazione spiegando l’accaduto. Non è stato un reclamo inoltrato nei tempi canonici perché nella concitazione degli eventi non abbiamo avuto tempo e modo di farlo. Non sappiamo se ci siano gli estremi per ripetere la partita, ma ci aspettiamo comunque una risposta da parte della Federazione» spiega Mauro Favretto, ds della Cob 91. «Siamo stati molto fortunati a non subire nessun danno» ammette Massimo Grossi, dirigente della Pro Novate: «Un brutto episodio, che ha rovinato una grande partita tra due ottime squadre».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli