12 Maggio 2021

Milano, la Juniores che non ti aspetti

Sconfitti riveriti con l’onore delle armi, attaccanti che si travestono da portieri e dal gruppo di testa si tentano scatti sorprendenti

Le più lette

Sassuolo-Juventus Primavera 1: Saccani riacciuffa i bianconeri nel finale, la magia di Sekulov illude

Il gran gol di Nikola Sekulov non basta alla Juventus per vincere in casa del Sassuolo che con una...

Zingonia Verdellino-Castiglione Eccellenza: Piccinardi asso piglia tutto, Micheletti e Lambiase non bastano ai gialloverdi

Partita spettacolare e con il risultato incerto fino all’ultimo. Si può riassumere così la gara tra Zingonia Verdellino e...

Eccellenza B, Albese e Pro Dronero (quasi) fuori dai giochi

Dopo il pareggio nello scontro diretto (1-1), Albese e Pro Dronero dicono definitivamente addio al sogno Serie D. Entrambe...

In mezzo alle consuete schermaglie e polemiche, la Juniores dimostra anche di avere un proprio codice d’onore, un galateo forse un po’ rude, inciso coi tacchetti sul fango dei campi di provincia. Numerose questa settimana le dichiarazioni di rispetto e stima reciproca tra vincitori e vinti. Iniziamo dal derby di Sesto tra Rondinella e Football. I blu oltremare si sono imposti per 3-0 in un clima di amicizia tra due staff tecnici che si rispettano e giocatori che spesso riconoscevano nell’avversario il compagno di classe.

Encomiabili le parole di Andrea Di Giacomo, tecnico dell’Arca, che dopo il 3-0 alla Cornaredese, nonostante il malcontento per la prestazione dei suoi, trova il tempo per parlare dei rivali: «Erano in undici contati e hanno versato ogni singola goccia di sudore sul campo».

Pure Tangari, vice allenatore del Fatima, dopo il 6-1 inflitto alla Macallesi, inizia l’intervista parlando dell’antica società di viale Ungheria: «La Macca è una squadra temibile, con un blasone, storicamente ha sempre fatto paura». Ma parliamo un po’ anche di questo Fatima. Due pareggi, quattro vittorie, un valore aggiunto come De Simone, che quando scende dalla Prima Squadra, semina sconquassi (sabato ha giocato l’ultima mezz’ora: il tempo di fare tripletta e di “portà a cà el balun”). Viene legittimo chiedersi se la squadra di via Chopin riuscirà a mantenere il ritmo o cederà il passo come fece nel 2015, dopo un avvio col turbo.

Sempre nel girone C, inattesa sconfitta della Dragon Goal contro il Dindelli. Il tecnico dei dragoni, Claudio Zappa commenta così: «Noi siamo migliori sul piano tecnico, ma fisicamente devo dire che ci sono stati nettamente superiori». Sabato prossimo Zappa incontrerà proprio il Fatima che aveva superato la squadra di via Treviglio: un trittico che si chiude…Intanto i gialloverdi si godono il successo e questa partenza a razzo non pronosticabile: «Stiamo attraversando un momento psicofisico eccezionale» spiega il tecnico Cosimo Monterisi «E speriamo che duri a lungo». Il Dindelli, che l’anno scorso non faceva la categoria, ha dalla sua tutto il fascino della debuttante.

Nel girone A la vera sorpresa è il Vighignolo. Dopo il nono posto dell’ultim stagione, la squadra di Mauro Fossati quest’anno ha iniziato su bel altri tenori (14 punti sinora). Il tecnico settimino svela il segreto dell’impatto Vighi: «Quest’anno posso contare su una rosa molto folta: 29 ragazzi. E c’è un fortissimo spirito di squadra».

Segnaliamo infine in chiusura i primi due successi per lo Sporting Club Cinisello e il Crisostomo. I primi si sono imposti per 2-1 sull’Fc Bresso, potendo così far riecheggiare il primo grido di gioia nelle valli della Juniores. La Sancri dopo il primo punto contro l’Orpas di settimana scorsa, fa schizzare le quotazioni alle stelle con un 3-2 nel bunker dello Scarioni. La vittoria arriva in circostanze quasi epiche: l’eroe di giornata è l’attaccante Pettinato che prima segna e poi, a seguito dell’espulsione del portiere per un fallo da rigore, si avventura tra i pali e para il rigore degli oranges. Quando si dice un giocatore completo…


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli