martedì 2 Giugno 2020 - 09:03:39

Under 19 Milano: Russo, addio amaro dopo una vita dedicata alla panchina

Le più lette

Storica approvazione della risoluzione sull’editoria in Commissione Cultura della Camera dei Deputati

La Fieg (Federazione italiana editori giornali) e la File (Federazione italiana liberi editori) hanno definito “storica” l’approvazione della risoluzione...

Anche il mondo della comunicazione non sarà più la stesso, ma la consapevolezza del ruolo che la stampa locale ha svolto resta

Anche per il mondo della comunicazione dopo questa crisi nulla sarà più come prima. Questo è un dato di...

Sovere, ufficiale la conferma di Fiorenzo Giorgi: guiderà la squadra anche in Prima categoria

Fiorenzo Giorgi sarà l'allenatore del Sovere anche nella stagione 2020-2021. Conferma praticamente scontata per il tecnico camuno, che prima...

Ottima stagione fin qui disputata dall’Orione, che prima dello stop forzato a causa dell’emergenza sanitaria, si trovava a otto punti dalla prima in classifica nel girone D della categoria Under 19 di Milano. Queste le parole del tecnico biancoblu Russo sull’obbiettivo che si erano prefissati per quest’anno e sulla qualità della rosa a disposizione: «Siamo partiti con l’idea di poter vincere il girone, poi durante una stagione accadono tante cose e in classifica pesano sicuramente i due pareggi con Aprile 81 e Arca. Sono indigeste anche le sconfitte nei due scontri diretti con Afforese e Villapizzone e quando perdi questo tipo di partite, poi è difficile rincorrere e recuperare. La squadra possiede un ottimo potenziale e devo dire che l’abbiamo costruita molto bene, con quattro classe 2000 e il resto composto solamente da 2001 e 2002. È un peccato che il campionato sia terminato così, avevo voglia di chiudere in bellezza la mia carriera da tecnico, poiché ho deciso di smettere di allenare, anche a causa di problemi di salute. Non penso però di stare lontano dal calcio, anzi vorrei rimanere in società, magari con un incarico dirigenziale». Arrivato a questo punto il tecnico si guarda indietro e ricorda il suo percorso: «Ho iniziato ad allenare nel lontano 1983, come vice del tecnico Alzani, nel San martino di Bareggio. Dopo due stagioni buone, Alzani è stato chiamato per dirigere il Lecco in serie D e io sono andato con lui. Poi mi sono sposato e ho deciso con mia moglie di tornare ad allenare in categorie più basse. Sono andato alla Lorenteggio, allenando il settore giovanile e vincendo anche un campionato con la categoria Allievi. Dopodiché, insieme al tecnico Terno, per due anni, siamo andati ad allenare i Giovanissimi regionali dell’Alcione. Infine sono arrivato all’Orione, dove ho allenato un po’ tutte le categorie, partendo dai giovanissimi e arrivando sino alla prima squadra, dove ho collezionato anche due promozioni, dalla Terza alla Seconda Categoria». Russo infine spiega qual è il suo modo di fare calcio e soprattuto qual è la differenza che c’è nell’allenare un gruppo del settore giovanile rispetto ad una prima squadra: «Non ho un modulo prestabilito, ma lo interpreto in base ai giocatori che ho a disposizione. Il più semplice da insegnare e da far capire è il 442 ma in queste ultime stagioni sto giocando con il 4312. Adottando questo schema di gioco, cerco di partire dalla difesa e di arrivare al gol attraverso azioni manovrate. Fondamentali i terzini che devono essere in costante proiezione offensiva, infatti il nostro esterno basso, Michelin Andrea, fin qui è riuscito a segnare anche diverse reti. Per quanto riguarda la differenza tra i gruppi, parto col dire che sono due ambienti totalmente diversi. Personalmente preferisco allenare un gruppo come Allievi o Giovanissimi, dove posso insegnare molte cose ai ragazzi. Cosa invece, molto difficile da fare con gli adulti, perché c’è poco da fargli capire, sono già arrivati ad un livello alto e l’unica cosa che conta sono i risultati». 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy