18 Giugno 2021

Cologno: l’organigramma 2020-2021 racconta l’aspirazione di un progetto societario già pronto alla ripartenza

Le più lette

La Biellese, la gioia nella riconferma: la prossima stagione ci saranno ancora Rizzo e Pelllerey

Il weekend perfetto. La Biellese, dopo aver annunciato il prolungamento del rapporto lavorativo con Alberto Rizzo, tecnico della prima...

Pavia-Codogno Eccellenza: la tripletta di Bertocchi cancella il sogno promozione degli azzurri

Un Codogno mai domo rimonta da 0-2 a 3-2 e cancella le residue speranze del Pavia di conquistare il...

Il Cologno si riorganizza in attesa della tanto sperata ripartenza: l’organigramma per la stagione 2020-2021 è un concentrato di volti (più o meno) già noti, alternati a qualche new entry e cariche di rinnovate responsabilità, che guarda con lungimiranza ai più giovani e ad un livello di qualifiche degno di nota.

Un rinnovamento che racconta d’un progetto societario determinato ad un’accelerazione importante, a partire dalla nomina del nuovo – anche se nuovo in verità non è – Direttore Sportivo, ruolo prima ricoperto da Vittorio Zupo, sostituito adesso dal prof. Luca Rombati: in divisa gialloverde da diversi anni, ex tecnico degli Allievi, Rombati rivestirà di fatto una doppia carica, col percorso parallelo come allenatore della Juniores Regionali A. Ad occuparsi poi dell’aspetto organizzativo e gestionale sarà invece il Direttore Generale Mario Morella, subentrato dalla stagione 2019-2020 a Mariano Vaccaro come Team Manager. Un ex Segrate acquisito a Cologno da ormai un anno è Davide Marongiu, che si occuperà del vivaio gialloverde in qualità di Responsabile dell’Attività di Base; infine, anch’esso con ruolo di riferimento e responsabilità, il prof. Giancarlo Palazzolo avrà un focus specifico sui Piccoli Amici, coadiuvato da un altro professionista, in arrivo, che potrebbe riferirsi poi anche al settore femminile.

Novità in previsione – e non ancora confermate né tantomeno ufficializzate – anche per gli allenatori del comparto Scuola Calcio: saranno presentati a partire dal 30 giugno, dopo l’interruzione ufficiale dei rapporti di collaborazione con le società attualmente di appartenenza. Su questo, il Presidente Giancarlo Patera nel frattempo garantisce: «Tutti rigorosamente muniti di patentino UEFA e con esperienze maturate in squadre professioniste».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli