16 Maggio 2021

Pirola e Zappa, il salto dalle file della Cosov Villasanta alla Nazionale Under-21

Le più lette

Virtus Ciserano Bergamo Serie D, Del Prato avverte i suoi: «Manca ancora qualche punto per la salvezza»

Le due vittorie consecutive in altrettanti scontri diretti hanno permesso alla Virtus Ciserano Bergamo di raggiungere la famigerata quota...

A.S.D. Academy Pozzo d’Adda: l’ambizione della giovane società si tinge di rosa, tra progetti e traguardi

«Il calcio femminile è il futuro»: un grido che proviene forte e chiaro dalla A.S.D. Academy Pozzo d'Adda, nata...

Acf Alessandria-Independiente Serie C Femminile: La prima vittoria delle grigie sfuma a dieci secondi dal termine con il rigore di Cantoro

Un boccone amaro da ingurgitare per l'Alessandria di Giovanetti che, fino al 94', aveva nelle narici il profumo di...

La presidente della Cosov Villasanta Angela Calloni non ha dubbi: la forza della società sta nel settore giovanile. E come darle torto, guardando ai giovani Lorenzo Pirola e Gabriele Zappa: cresciuti tra le fila delle aquile biancorosse, ora sono entrambi giocatori della Nazionale Under-21, con la quale hanno esordito nel 2020 e sono scesi in campo quest’anno contro la Slovenia, classificandosi ai quarti di finale dell’Europeo. «La Cosov ha sul territorio una grande valenza educativa: da settant’anni concentriamo la nostra attività sulla crescita dei ragazzi a livello sportivo e soprattutto umano» spiega la Calloni; «essere riusciti con tanto lavoro e costanza a dare “i natali” a due ragazzi che con il loro impegno e le loro capacità sono riusciti ad arrivare così in alto ci rende orgogliosi». Sì perché Gabriele e Lorenzo sono dei veri talenti: Zappa, figlio di della storica segretaria della società Annalisa Guzzetti, muove i primi passi in Cosov all’età di cinque anni, per poi rimanere tra le fila biancorosse fino all’ultimo anno degli Esordienti. Dopo un anno a Usmate Velate, gli osservatori dell’Accademia Inter rimangono stregati da quel ragazzino centrocampista, tanto da inserirlo nel loro settore giovanile. Qui Gabriele si trasforma in terzino di spinta, diventando un vero e proprio cardine della squadra e vincendo moltissimo: una Supercoppa Primavera, un Torneo di Viareggio e uno scudetto. Da lì alla Serie B il passo è breve: nel 2019 Gabriele è chiamato al Pescara, e dopo una stagione nella regione abruzzese approda al Cagliari, dove diventa titolare sulla fascia destra rossoblù. Un impegno e una dedizione, la sua, che lo accomunano al compagno di nazionale Pirola: una sola stagione in Cosov, l’ultimo anno degli Esordienti, tra il 2013-2014 gioca a Villasanta con il fratello Carlo. «Lorenzo già allora aveva una marcia in più rispetto ai suoi compagni di squadra, e la sua dote più grande era nella sua mentalità. Si intuiva che aveva testa e cuore, ambizione, serietà e voglia di fare sacrifici per arrivare. Con umiltà è stato un vero leader, che chiedeva sempre il massimo da se stesso e dai compagni» ricorda il suo tecnico in seconda Alessandro Motta. Anche Pirola, dopo un breve passaggio alla SSD Luciano Manara e al Como, approda all’Inter, e attualmente è in prestito all’AC Monza. «Lo possiamo definire un campione a chilometro zero» afferma la Calloni. La presidente della aquile, però, è lontana dal prendersi il merito dei successi, anche indiretti, della Cosov: «Ognuno di noi, dai dirigenti, agli allenatori, alle segretarie, mette impegno in questa società; il nostro è letteralmente un lavoro di squadra, che parte dal trasmettere i valori ai nostri ragazzi». E un grazie speciale dalla Calloni, per questo motivo, va proprio al Responsabile del Settore Giovanile Michele Cazzaniga, punto di riferimento in Cosov, e all’altro Responsabile dell’Attività di base Vincenzo Ponzoni: «I nostri atleti vengono anche da altri paesi, perché attratti dall’imprintig che diamo ai giovani. Siamo stati Scuola calcio di Inter e Milan, e ora siamo parte del progetto “Insieme Monza Academy”, per radicare la nostra presenza ancor più sul territorio». Una presenza rimasta radicata sicuramente nel cuore di Lorenzo e Gabriele, conclude la Calloni, perché «per la Cosov l’attaccamento alla maglia esiste davvero, così come il senso educativo nell’ambito sportivo».

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli